Immagine di un calendario

Prossimi appuntamenti in Diocesi

26 Marzo - ore 17:15
Trivento - da Santa Croce a S. Antonio
I percorsi delle Stazioni Quaresimali a Trivento -
Altre informazioni
29 Marzo - ore 19:00
Agnone - Santa Maria di Costantinopoli
Corso Emmaus - Tenuto dalla Scuola di Evangelizzazione S. Andrea di Pescara
Altre informazioni
Vuoi essere sempre aggiornato sulle novità della Diocesi di Trivento?
Registra la tua email     
Patronato
Periodico Molisinsieme - Numeri Scaricabili
Logo del Periodico MOLISINSIEME
Ascoltare, provocare e accompagnare i giovani
La relazione finale del presidente della Ceam, monsignor Bruno Forte: "Ai coniugi cristiani diciamo: famiglia è bella anche quando è difficile"

L’esercito dei poveri. Famiglia, povertà, giovani e lavoro, le parole chiave. In Abruzzo e Molise, considerando anche gli immigrati, è sotto la soglia di una condizione di vivibilità un quarto delle famiglie, pari a più di 80 mila persone. Mentre in alcune aree la disoccupazione giovanile ha quasi raggiunto il 60%. Le famiglie con figli sono sempre più a rischio povertà ed esclusione sociale. Il tasso sale al 48,3% per le coppie con tre o più figli rispetto al 39,4% dell’anno scorso e raggiunge il 51,2% se si tratta di minorenni. Per le persone che vivono in coppia con almeno tre figli l’impossibilità di far fronte a una spesa imprevista di almeno 800 euro è passata dal 48,1% al 52.8%. Mentre la quota di chi è in arretrato con mutui, prestiti o bollette sale dal 21,7% del 2014 al 30,4% del 2016.

Figli a vita. I giovani, anche in Abruzzo e Molise, restano “figli” sempre più a lungo: quattro giovani su dieci tra i 25 e 34 anni, vivono ancora nella famiglia d’origine; il 45% dichiara di restare in famiglia perché non ha un lavoro e non può mantenersi autonomamente; la disoccupazione giovanile e il precariato risultano essere il dramma più grande che oramai vivono tutte le famiglie. Dai laboratori della due giorni emerge che la mancanza di lavoro è “il” problema del momento, che colpisce la maggior parte delle famiglie, sviluppando una nuova povertà. Ci sono una forte mobilità, un forte precariato, un lavoro nero o sottopagato, che generano un’instabilità psicologica e relazionale delle persone. Rendendo più difficile il pensare a prospettive per il futuro, come formare una famiglia.

Vicini ai più deboli. Tirando le somme, per i vescovi ci sono povertà fisiche e povertà spirituali. Povertà materiali e povertà culturali. Ci sono poveri fra i giovani e gli adulti. Fra i bambini e gli anziani. Occorre però mettere al centro la persona, nella consapevolezza che il povero non è un oggetto né un sacco da riempire. Ma un essere umano da rispettare ed amare.

Chi c’era. Ecco infine i componento della Ceam: presidente Bruno Forte (arcivescovo di Chieti-Vasto), Angelo Spina (vescovo di Sulmona-Valva), Camillo Cibotti (vescovo di Isernia-Venafro), Pietro Santoro (vescovo di Avezzano), Giancarlo Maria Bregantini (arcivescovo di Campobasso-Bojano), Tommaso Valentinetti (arcivescovo di Pescara-Penne), Giuseppe Petrocchi (arcivescovo di L’Aquila), Emidio Cipollone (arcivescovo di Lanciano-Ortona), Michele Seccia (vescovo di Teramo-Atri), Gianfranco De Luca (vescovo di Termoli-Larino) e Domenico Angelo Scotti (vescovo di Trivento). (s.c.)
Ufficio comunicazioni sociali
Pubblicato il 21/2/2017
Il sito web è stato realizzato da Domenico Santorelli
Email webmaster@diocesitrivento.it

Chiudi
Invia il link ad un amico

La tua email    


L'email del tuo amico    



OK Su questo sito utilizziamo cookie di profilazione di terze parti per il monitoraggio degli accessi. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Cliccando sul pulsante OK, o continuando la navigazione effettuando un'azione di scroll, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.