Non incateniamo la democrazia: è patrimonio comune non già pascolo abusivo o riservato a poche persone | Riflessioni

Riflessioni

Non incateniamo la democrazia: è patrimonio comune non già pascolo abusivo o riservato a poche persone

Non incateniamo la democrazia: è patrimonio comune non già pascolo abusivo o riservato a poche persone

Tra qualche giorno suonerà la campanella della fine delle trattative e dell’inizio dei grandi, pomposi comizi elettorali.

Per ora molti nomi si stanno facendo di giorno e disfacendo di notte: sono quasi ultimati gli elenchi alla sera, a meno di ripartire poi il giorno dopo per ricominciare tutto da capo. Comporli non è purtroppo facile, si devono scegliere persone e nomi da un puzzle di più di mille e mille pezzi.

Di che cosa parlo?

Delle liste elettorali, naturalmente! Ancora dieci giorni e ci troveremo con i volti sorridenti dei candidati questuanti quel misero voto pur di creare, di rafforzare o di allargare il proprio consenso.

Che dire di questa che non deve essere una semplice, enigmatica accozzaglia di liste e di nomi, ma una scelta di stile per costruire, condividere, promuovere un diverso modo di amministrare la cosa pubblica?

Con sano realismo, Jacques Maritain sottolineava come l’accordo tra mondi culturali diversi può compiersi su una convergenza pratica, capace di tutelare i diritti fondamentali dell’uomo, a prescindere dalle diverse ragioni ideologiche che li sostengono

Ci auguriamo solo che ogni lista sia una bella riproduzione di un quadro unitario, di un gruppo convinto e compatto, come un verde paesaggio di questa luminosa primavera, qualcosa che rimane come frutto di intenso e duro lavoro di limatura e rifinitura, che possiede un impegno intrinseco di rimanere uniti per il bene comune e che nessun insulso interesse di menti egoiste e profittatrici riuscirà mai, neanche lontanamente, a scalfire e minare.

Non basta, però, spargere sul tavolo delle trattative belle idee programmatiche e accattivanti progetti faraonici per essere pronti a cominciare. Ci vuole altro che buon senso, tanta capacità di mediazione ed estrema pulizia morale, il tutto in dosi massicce e abbondanti.

Come si può pensare ancora di sdoganare giurassici personaggi così abili nel distribuire strette di mano e perfidi sorrisi, capaci di passi discreti e felpati, ma che hanno contribuito a dilapidare il rispetto per la politica, distruggendo i germi della credibilità e dell’onorabilità, innescando la massima sfiducia là dove ci dovrebbe essere il massimo rispetto per il bene comune.

Il sudore alla fronte dei volenterosi propositori basterà a scacciare il timore che il pranzo è pronto e ben cucinato, ma solo per pochi fortunati, già peraltro sazi di tante abbuffate, e non invece per tutta la popolazione, perché avvenga finalmente una svolta epocale che metta sotto naftalina tutto un certo modo di pensare e di gestire la politica?

Il cardinale Martino, presidente del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace, giustamente in un convegno, ha ricordato alcuni interventi del Papa Benedetto XVI che ha invitato di recente i cristiani a tenere i piedi per terra per salvare la politica e ad usare a pieno le chiavi del discernimento offerte dalla intramontabile dottrina sociale della Chiesa.

Un ultimo suggerimento agli elettori: attenzione, perché in campagna elettorale è vero il detto “chi davanti ti unge, dietro poi ti punge!”.

Don Mimì Fazioli

di don Mimì FazioliTrivento (CB), 30 aprile 2009

Ultime news

  • descrizione

    Trivento ricorda con ammirata venerazione il Vescovo mons. Epimenio Giannico

    Trivento, 20 ottobre 2017News
  • descrizione

    Sacramento della Cresima presso la parrocchia di Sant'Antonio Abate ad Agnone

    Agnone, 18 ottobre 2017News
  • descrizione

    Recensione del Libro di Don Erminio Gallo

    Agnone, 18 ottobre 2017News
  • descrizione

    Spopolati e senza più servizi. I 40 Comuni dimenticati

    18 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia