Domenica 9 Agosto | Diocesi di Trivento

Commento al Vangelo

Domenica 9 Agosto

Allora i Giudei si misero a mormorare contro di lui perché aveva detto: «Io sono il pane disceso dal cielo». E dicevano: «Costui non è forse Gesù, il figlio di Giuseppe? Di lui non conosciamo il padre e la madre? Come dunque può dire: “Sono disceso dal cielo”?».
Gesù rispose loro: «Non mormorate tra voi. Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Sta scritto nei profeti: E tutti saranno istruiti da Dio.Chiunque ha ascoltato il Padre e ha imparato da lui, viene a me. Non perché qualcuno abbia visto il Padre; solo colui che viene da Dio ha visto il Padre. In verità, in verità io vi dico: chi crede ha la vita eterna.
Io sono il pane della vita. I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia. Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».


In questa parte sublime del suo Vangelo, Giovanni rimarca il rapporto che c’è fra il “mangiare” e il “bere” il “corpo” di Gesù, e il possedere la “vita”, dove “vita” indica la salvezza: E’ la garanzia offerta solamente da Cristo all’intera umanità. L’Eucaristia è il trionfo della vita al di là della stessa esperienza di morte, che sarà superata proprio dalla sua potenza vitale: “chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno”. La risurrezione, la partecipazione alla gloria del Padre è un prodigio di “vita” che deve realizzarsi durante tutta l’esistenza umana; per questo bisogna “nutrirsi” dell’Eucaristia.

La parte conclusiva del così detto “discorso eucaristico” di Gesù nella sinagoga di Cafarnao, per il suo contenuto sovversivo e provocatorio, ha generato reazioni contrastanti nella folla allora presente, e in molti anche oggi. Che le parole di Gesù fossero di “scandalo” lo si era capito già in precedenza quando era stato interrotto e interrogato più volte: quale segno dunque fai perché possiamo crederti? Costui non è il figlio di Giuseppe? Come può dire che è disceso dal cielo? E come può darci la sua carne da mangiare? Anche per i discepoli Gesù si esprime in modo duro e difficile da comprendere.

La mormorazione dei giudei conferma il legame tra il discorso del Signore e l'esodo nel deserto, dove il brontolio ha sempre preceduto e accompagnato la poca fede del popolo. Resta sempre inconciliabile la frattura e la distanza tra la realtà umana e storica di Gesù, e la presentazione che Egli fa di sé.

L'antica vicenda della manna nel deserto viene riaffermata da Gesù che ne ricorda il significato e il limite di essere stato solo un segno. Infatti, i padri che mangiarono la manna "sono morti". Eppure il fatto di essere nutriti nel deserto da quel pane che scendeva dal cielo era un segno di salvezza divina. Con Gesù, ora, bisogna capire che quelle antiche meraviglie erano profezia e segno di quanto, ancora più grande, si compie nel Figlio di Dio: chi mangia del corpo di Gesù, il vero "pane che discende dal cielo", non muore, perché esso nutre per la vita eterna.

Il pane è la carne di Cristo! La sua corporeità, il suo essere uomo tra noi, la povera umanità che ha assunto, è il pane che dà la vita eterna perché essa è stata "data", cioè offerta, immolata. E l’uomo è strappato alla morte e viene risuscitato “nell’ultimo giorno”, ma “già ora” chi crede in Cristo possiede la “vita eterna”.

“Come il legno della vite, piantato in terra, dà frutto a suo tempo, come il grano di frumento, caduto in terra e marcito, sorge molteplice, allo stesso modo i nostri corpi, nutriti dell’Eucaristia, deposti in terra e qui dissolti, risorgeranno a suo tempo perché il Verbo di Dio elargirà loro la risurrezione a gloria di Dio Padre. Dio non ha... tollerato che ci dissolvessimo nella terra” (Ireneo di Lione).

Angelo Sceppacerca

Mons Angelo Sceppacerca9 agosto 2009

Ultime news

  • descrizione

    Ricordo della visita del compianto Mons. Antonio Riboldi a Castelguidone

    Castelguidone, 13 dicembre 2017Foto e Video
  • descrizione

    Nuovi siti di Missio e di Popoli e Missione, diretti da Giulio Albanese

    Trivento, 13 dicembre 2017News
  • descrizione

    La festa di San Nicola a Castel del Giudice

    Castel del Giudice, 7 dicembre 2017Foto e Video
  • descrizione

    La bellezza della preghiera

    Trivento, 7 dicembre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia