Notizie di padre "Pedro" Monaco dal Brasile | News

News

Notizie di padre "Pedro" Monaco dal Brasile

Notizie di padre "Pedro" Monaco dal BrasileSalute a tutti,
quest'anno non sono stato molto fedele alle memorie settimanali da leggere in chiesa, anche perché la mia presenza quest'anno è voluta essere di un altro tipo. L'anno scorso è stata un'occasione per rivedere amici, conoscere il lavoro dei Comboniani e vedere il lavoro svolto dalla Pastorale dei minori in una delle periferie di São Luís (Vila Embratel), dove lavorano i miei amici missionari.
Quest'anno, invece l'avevo pensato sullo stile della collaborazione, per questo anche la presenza prevista, ma non realizzatasi, di un gruppo proveniente dall'Italia.
L'idea era, e continua ad essere, anche per i prossimi anni, di una presenza, per un certo periodo, a servizio della parrocchia e della pastorale.
Non essendoci un gruppo insieme a me che partecipasse della pastorale dei minori (come prima cosa, ma aperta anche ad altre attività), mi sono dedicato soprattutto ad accompagnare i due missionari qui presenti a Vila Embratel (da dove vi scrivo), nelle loro attività quotidiane e settimanali.
I due missionari di cui vi ho parlato anche l'anno scorso sono p. Roberto e p. Carlo, entrambi italiani che avevo avuto modo di conoscere tempo fà e che ho rivisto e ricontattato con piacere.
Quindi sto abitando con loro e faccio la vita da...parroco!

Naturalmente non conoscendo bene tutte le cose, le attività, le persone, mi sono dedicato soprattutto all'ascolto loro e di quanti sono coinvolti nella parrocchia.

Il mese di luglio, qui in Brasile, è un mese di vacanza (l'altro è a Gennaio) e, quindi, adesso stanno riprendendo alcune attività che erano state sospese, soprattutto quelle che riguardano i ragazzi ed i giovani.
è stata l'occasione per conoscere anche altre attività a cui l'anno scorso non avevo fatto caso, essendomi dedicato più alla Pastorale dei minori. Ad esempio, ci sono delle suore che già conoscevo come congregazione perché presenti nel quartiere e che collaborano con la parrocchia, che svolgono un'importante servizio con le ragazze madri, e con minori anche per quanto riguarda la formazione; un'altra congregazione che accompagna le donne che vogliono uscire dal mondo della prostituzione; insomma altre opportunità di conoscere e collaborare per quanti vorranno fare questa esperienza.

Questa notte ho lasciato São Luís per arrivare a São Paulo in mattinata. Porto nel cuore le situazioni vissute e le amicizie "vecchie" e "nuove". Undici giorni trascorsi rapidamente, ma che mi fanno sentire a casa, come a São Paulo, come a Pescolanciano, Chiauci, San Giovanni e tutti i posti dove si trova un pezzetto del mio cuore.
Potrei dire che ogni terra è la mia terra, ma non è prorpio così; ci sono dei posti in cui ti senti a tuo agio, in cui sei passato o da cui sei partito, ma che in realtà non sono mai scomparsi dentro.

Come sacerdoti siamo chiamati, a volte, a lasciare i nostri luoghi, le parrocchie, le case, ma spero di non lasciare mai le persone.
è quanto ho sperimentato l'anno scorso proprio a São Pauolo, che avevo lasciato nel 1994 pensando di non più tornare ed invece, ho scoperto, che le persone che portavo nel cuore, in realtà non mi avevano mai permesso di lasciare quei luoghi ed una parte di me era, ed è, rimasta lì!

Quale dunque il riassunto di questi giorni?
Direbbe Gesù :"dov'è il tuo tesoro, lì sarà anche il tuo cuore"
Aiutiamoci, io voi e voi me, a mettere il cuore nelle cose che facciamo, ad amarle, perché solo così saranno cose da Dio e di Dio.
Gesù ha continuato a ripeterci in questi giorni che è lui il pane della vita, ed il suo pane è la sua carne per la vita del mondo. Lui ha dato tutto sè stesso per noi. Impariamo da Lui, perché la nostra comunità sarà vera nella misura in cui sapremo metterci tutto noi stessi.
Potremo sentirci stanchi e affaticati, senza futuro, come il popolo nel desero, come Elia che fugge da chi vuole ucciderlo; ma il pane che ricevono li accompagnerà nel cammino. Diventiamo pane spezzato gli uni per gli altri, diamo noi stessi all'altro, perché a nessuno manchi la vita che viene dal pane spezzato, dalla vita donata. Aiutiamoci, aiutatemi a farlo!!!

Buona settimana e ci vediamo domenica 23! don Pietrodi don Pietro MonacoVila Embratel (Brasile), 12 agosto 2009

Ultime news

  • descrizione

    Il nuovo parroco di Pietracupa don Simone Iocca

    Pietracupa, 21 ottobre 2017Foto e Video
  • descrizione

    Trivento ricorda con ammirata venerazione il Vescovo mons. Epimenio Giannico

    Trivento, 20 ottobre 2017News
  • descrizione

    Cinquantesimo di sacerdozio di don Alessandro Di Sabato e don Lino Mastrangelo

    Agnone, 18 ottobre 2017News
  • descrizione

    Don Simone Iocca nuovo parroco di Pietracupa

    Pietracupa, 18 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia