In questo inizio del nuovo anno… | Riflessioni

Riflessioni

In questo inizio del nuovo anno…

In questo inizio del nuovo anno…In questo inizio del nuovo anno...In questo inizio del nuovo anno 2010, come cristiani dobbiamo ripensare alle parole pronunciate dal Papa in questi giorni e farne un nostro preciso programma di vita, educandoci veramente tutti al massimo rispetto l’uno dell'altro.

Papa Benedetto XVI ha parlato giustamente dell'ecologia umana ed ambientale, ci ha esortato a vedere in ciascuno il volto di Dio ed ha implorato: basta con la violenza. Più precisamente: “Nel primo giorno dell’anno – ha detto il pontefice - vorrei rivolgere un appello alle coscienze di quanti fanno parte di gruppi armati di qualunque tipo. A tutti e a ciascuno dico: fermatevi, riflettete, e abbandonate la via della violenza! Sul momento, questo passo potrà sembrarvi impossibile, ma, se avrete il coraggio di compierlo, Dio vi aiuterà, e sentirete tornare nei vostri cuori la gioia della pace, che forse da tempo avete dimenticata”.

Il sommo Pontefice ha difeso il seguente binomio inscindibile uomo-natura: "Se l'uomo si degrada, si degrada l'ambiente in cui vive; se la cultura tende verso un nichilismo, se non teorico, pratico, la natura non potrà non pagarne le conseguenze. Si può, in effetti, constatare un reciproco influsso tra volto dell'uomo e "volto" dell'ambiente: "quando l'ecologia umana è rispettata dentro la società, anche l'ecologia ambientale ne trae beneficio"

Pensando come tutto questo sia difficile mi sovviene di ciò che Fausto Coppi, deceduto proprio in questi giorni cinquanta anni fa, diceva spesso nelle interviste: “Prima e fondamentale regola del ciclismo è che se vuoi andare forte, devi cercare di farlo in salita, non in discesa”: quindi non mi devo mai arrendere di fronte alle difficoltà della vita, devo essere combattivo sì, mai mi devo abbattere, come non mi devo mai esaltare in occasione di qualche effimero successo e nelle buone riuscite che mi potrebbero capitare nel corso di quest’anno.

In questo inizio di anno è nostro dovere augurarci e impegnarci a rimettere al primo posto i diritti dei lavoratori. Perché si parla tanto di “cambiare e riformare” le leggi, la costituzione e la giustizia, ma non si usa altrettanto con forza e con verità il termine “migliorare” a favore soprattutto dei più deboli e degli emarginati e non continuarlo a fare solo a vantaggio di chi è già abbastanza garantito da esse? Come si possono lasciar vivere nel grigiore e nell’abbandono i precari, i pensionati, i malati: in questo nuovo anno si ridia per prima cosa a loro un bel po’ di speranza!

Secoli fa, nell’antico Egitto i faraoni costruirono le Piramidi e noi conserviamo gelosamente le piramidi delle classi sociali. Così il sole del benessere, del lusso e dei privilegi da secoli illumina il vertice della società e lascia nell’ombra della povertà e dell’abbandono la base.

E’ tempo ormai di rovesciare la piramide: mettiamo un po’ in ombra i potenti e diamo finalmente respiro, sicurezza e tranquillità a coloro che formano la base, il sostegno, le colonne, l’asse portante della società, illuminandoli con i raggi del rispetto, della dignità, delle garanzie e della verità.

Termino con quello che un saggio monaco soleva ripetere a chi gli chiedeva perché fosse sempre sereno: Mi guardo attorno e scopro che: “Dio è qui”. Mi guardo dentro e riconosco che: “Dio è qui”. Se vogliamo un anno ricco di serenità e di pace, tocca a noi fare in modo che, proprio noi, affidando questo nuovo anno alla Provvidenza di Dio e mettendoci da parte nostra tutta la nostra buona volontà, alla fine possiamo con gioia dire: “Mi guardo attorno e scopro che Dio è qui”, in un ambiente tornato ad essere un vero paradiso terrestre. “Mi guardo dentro e riconosco che Dio è qui”, nelle nostre coscienze limpide e sincere.

Don Mimì Fazioli

di don Mimì FazioliTrivento (CB), 5 gennaio 2010

Ultime news

  • descrizione

    Nel Santuario di San Gabriele l’incontro annuale dei sacerdoti di Abruzzo e Molise

    Isola del Gran Sasso d'Italia, 16 ottobre 2017News
  • descrizione

    Le Comunità Neocatecumenali salutano il nuovo Vescovo Claudio

    Trivento, 13 ottobre 2017News
  • descrizione

    Frosolone: Don Luigi Ciotti ricorda Rita Atria in un incontro che fa memoria delle stragi di Capaci e via D'Amelio

    Frosolone, 11 ottobre 2017News
  • descrizione

    Una chiacchierata tra Alda Belletti e Don Costantino Carnevale

    Capracotta, 10 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia