Seconda Domenica di Pasqua o della divina misericordia | Commento al Vangelo

Commento al Vangelo

Seconda Domenica di Pasqua o della divina misericordia

Seconda Domenica di Pasqua o della divina misericordiaSeconda Domenica di Pasqua o della divina misericordiaLa sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».
Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo».
Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».
Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.

Venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: Pace a voi!. Questo è il Vangelo di oggi. Ogni uomo e ogni donna desidera proprio questo: incontrare Gesù e ricevere il dono della pace. Le due cose vanno insieme, perché la pace è dono del Risorto.

Può capitare anche di notte, alla radio, ascoltare questi incontri di resurrezione. Lucia e Andrea. La prima, sconvolta dalla droga e dalla violenza fin da quando aveva 13 anni, il secondo con una lunga vita di alcolizzato alle spalle. Per entrambi, un giorno, l’incontro con dei cristiani vivi e, nella loro testimonianza, con il Signore Gesù. Per entrambi, una vita nuova, letteralmente “risorta” nella pace. Lucia opera nella comunità “Nuovi Orizzonti” a servizio di altri giovani, Andrea è padre di sei figli e cristiano impegnato in una comunità di evangelizzazione.

I risorti indossano la “veste bianca” (questa è la Domenica in albis) di una mentalità rinnovata, secondo il Vangelo. Solo così si può gioire (questa è la colonna sonora delle letture di oggi) quando si donano i propri beni e si condivide la fede con la gente semplice (la lettura degli Atti), ma anche quando si è afflitti da varie prove (la lettera di Pietro). Si gioisce sempre, si è in qualche modo convinti della gioia, perché prima c’è la gioia di un incontro: “Venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: Pace a voi!. Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore”.

Pasqua dura cinquanta giorni e si compie a Pentecoste. E’ lo Spirito Santo, infatti, che rende presente il Risorto nella Chiesa e realizza la promessa di Gesù. A pasqua-pentecoste inizia il tempo della Chiesa: “Come il Padre ha mandato me, io mando voi”. Da questo momento il vento di Dio porterà i discepoli sino agli estremi confini della terra e… fino al martirio. Come in una nuova creazione, lo Spirito del Risorto fa capaci i discepoli di qualcosa d’inaudito: perdonare i peccati. Vanno a tutti perché gli uomini e le donne, sotto tutti i cieli, hanno bisogno proprio di questo: misericordia e perdono. Perché il vecchio Pietro oserà spingersi fino a Roma? Perché Paolo rischierà ogni cosa spostandosi di paese in paese? E gli altri apostoli fino ai confini allora conosciuti? Perché lo Spirito aveva acceso in loro un amore più forte d’ogni legame e della loro stessa vita. Un amore unico per Cristo e per ognuno, perché in Cristo ci apparteniamo reciprocamente e si supera ogni estraneità. Quanta forza e quanta gioia in quell’esperienza di vedere Gesù in mezzo ai dodici, con le mani e i fianchi luminosi delle ferite dei chiodi. A Pasqua c’è da gioire immensamente perché si travasa in noi la stessa gioia del Risorto.

Nel tempo della chiesa – il nostro – l’adesione a Gesù non è più fondata sul vedere, ma sulla testimonianza dei cristiani, come quelli incontrati da Lucia e Andrea. Da due millenni funziona così. La fede nella Risurrezione si allarga non col ragionamento, ma con i segni di pace e di perdono che Cristo ha lasciato ai suoi discepoli.

Angelo Sceppacerca

Mons Angelo Sceppacerca11 aprile 2010

Ultime news

  • descrizione

    Trivento ricorda con ammirata venerazione il Vescovo mons. Epimenio Giannico

    Trivento, 20 ottobre 2017News
  • descrizione

    Sacramento della Cresima presso la parrocchia di Sant'Antonio Abate ad Agnone

    Agnone, 18 ottobre 2017News
  • descrizione

    Recensione del Libro di Don Erminio Gallo

    Agnone, 18 ottobre 2017News
  • descrizione

    Spopolati e senza più servizi. I 40 Comuni dimenticati

    18 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia