Domenica 29 Agosto | Diocesi di Trivento

Commento al Vangelo

Domenica 29 Agosto

Domenica 29 AgostoUn sabato si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo. Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: «Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: “Cedigli il posto!”. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. Invece, quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico, vieni più avanti!”. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».
Disse poi a colui che l’aveva invitato: «Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch’essi e tu abbia il contraccambio. Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti».

Non è una lezione di buone maniere. Gesù sta parlando del Regno di Dio e il banchetto ne è l’immagine. Regno e banchetto hanno in comune la necessità di essere invitati dal Padre, ma sul resto c’è una vera rivoluzione in quello descritto dal Signore: gli invitati sono gli umili e i bisognosi di tutto, soprattutto di salvezza. Il banchetto suggerito da Gesù è contrario a tutti gli usi abituali, perché rivolto, come invitati, a tutte le categorie di emarginati. Di fronte a Dio nessuno lo è, ciascuno è prossimo.

L’invito a nozze non dipende da noi perché il banchetto non è nostro. Prima viene la scelta di Gesù (“io ho scelto voi”) e poi tocca a noi dirigerci verso l’ultimo posto. Il migliore per star vicini a Gesù che, proprio per questo, ci invita a salire di posto e a sedergli accanto. Il fatto che siano invitati ciechi e zoppi, suggerisce di intrattenere con loro buone relazioni, anzi fraterne, così da sperare nella retribuzione futura.

Se l’ultimo posto indica la vergogna, essere invitati a lasciarlo mostra la gloria. Il passaggio dalla vergogna alla gloria è figura esplicita della Pasqua di Gesù, ma anche della nostra vicenda. Come si vede, nel vangelo di questa domenica c’è ben più di una norma di galateo. C’è la figura di Gesù e quella del discepolo salvato. A tenerle unite, speculari, l’umiltà.

Una famiglia che da anni ha scelto di vivere con i poveri di un piccolo villaggio turco, ai confini con l’Iran, racconta: “Questo abbiamo cercato di vivere qui con questa gente condividere la nostra umanità di figli di Dio, scoprendo che i nostri desideri, speranze, paure, lacrime e sorrisi sono gli stessi dei musulmani che vivono accanto a noi. Condividere il mistero dell’incarnazione di Gesù che ha vissuto per servire e non per essere servito. E’ così che abbiamo cercato di vivere con loro, come diceva S. Francesco ai suoi frati che vivevano con i saraceni: essere, nella semplicità e nell’umiltà più profonda del cuore, dei servitori di un umanità che soffre e spera, cercando di consolare, così come siamo stati consolati. Dom Helder Camara, vescovo brasiliano, ha detto che siamo noi, con la nostra vita e le nostre azioni, l’unico vangelo che molte persone leggeranno. Cerchiamo allora di essere quella ‘edizione speciale’ del vangelo, dove la specialità è data dall’umiltà e dalla disponibilità all’amore”.

Un santo redentorista, San Clemente Maria Hofbauer, andava a fare la questua per i suoi orfani e, passando a chiedere in una locanda, uno degli avventori gli sputò in faccia; “questo era per me ed era giusto” - gli disse San Clemente - “ora però, ti prego, dammi qualcosa per i miei orfani...” L’uomo fu talmente colpito dall’umiltà del santo che cambiò vita.

A Madre Teresa di Calcutta un giornalista domandò che cosa secondo lei non andava bene nel mondo; rispose: “quello che non funziona, signore, siamo lei ed io”.Mons Angelo Sceppacerca29 agosto 2010

Ultime news

  • descrizione

    Ricordo della visita del compianto Mons. Antonio Riboldi a Castelguidone

    Castelguidone, 13 dicembre 2017Foto e Video
  • descrizione

    Nuovi siti di Missio e di Popoli e Missione, diretti da Giulio Albanese

    Trivento, 13 dicembre 2017News
  • descrizione

    La festa di San Nicola a Castel del Giudice

    Castel del Giudice, 7 dicembre 2017Foto e Video
  • descrizione

    L'8 dicembre il Vescovo Claudio presenterà un omaggio floreale alla statua del Cuore Immacolato di Maria

    Trivento, 7 dicembre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia