Domenica 21 Novembre | Commento al Vangelo

Commento al Vangelo

Domenica 21 Novembre

Domenica 21 NovembreDomenica 21 NovembreIl popolo stava a vedere; i capi invece lo deridevano dicendo: «Ha salvato altri! Salvi se stesso, se è lui il Cristo di Dio, l’eletto». Anche i soldati lo deridevano, gli si accostavano per porgergli dell’aceto e dicevano: «Se tu sei il re dei Giudei, salva te stesso». Sopra di lui c’era anche una scritta: «Costui è il re dei Giudei».
Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: «Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e noi!». L’altro invece lo rimproverava dicendo: «Non hai alcun timore di Dio, tu che sei condannato alla stessa pena? Noi, giustamente, perché riceviamo quello che abbiamo meritato per le nostre azioni; egli invece non ha fatto nulla di male». E disse: «Gesù, ricòrdati di me quando entrerai nel tuo regno». Gli rispose: «In verità io ti dico: oggi con me sarai nel paradiso».

E’ atroce avere sotto il patibolo gente che ti schernisce con le stesse parole che Satana aveva usato nei suoi assalti: Se tu sei il Figlio di Dio, buttati dal pinnacolo del tempio e fatti salvare!”. Ti crederanno, se ti salverai dalla morte! E capi e soldati ripetono: “Salvi se stesso, se è lui il Cristo di Dio, l’eletto!”. E’ questa la radicale incomprensione del mistero di Gesù e del mistero di Dio. Proprio perché Gesù è il Cristo di Dio non salva se stesso, perché il suo potere senza limiti riguarda la salvezza degli altri, non la sua. Questa è la logica dell’amore: donare, spendersi per altri, dimenticandosi.

I capi pensavano a un Dio onnipotente, giusto giudice della storia e Gesù si mostra impotente, giudicato come malfattore e giustiziato, come una bestemmia, non una benedizione. Invece Dio è Dio, perché perde se stesso per amore. La passione del Figlio squarcia il velo e illumina la profondità del mistero di Dio.

I due ladroni, uno a destra e uno a sinistra, riportano alla memoria la domanda della madre dei figli di Zebedeo. Sul calvario il paradosso mostra che quelli per cui il Padre ha preparato i due posti accanto a Gesù sono due malfattori. Se li occupano loro, allora chiunque può stare accanto al Re che, prima di morire e prima di ogni cosa, ordina al Padre il perdono. I capi e i soldati che deridono e provocano, semplicemente non capiscono, privi di sapienza. Il popolo sta a guardare e tornerà alle proprie case “battendosi il petto”, perché ha visto.

Tutta la storia in tre parole: “Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno”; “In verità ti dico, oggi sarai con me nel paradiso” e “Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito”. Questo è lo sguardo che penetra la sapienza della croce. E’ il nostro? Il rapporto fra Gesù e i due crocifissi è senza eguali. I due malfattori incarnano la natura umana, ma rovesciata: ora è l’uomo che condivide la condizione di Dio e dicendo “Gesù, ricordati di me”, il malfattore si mette vicino a Dio come uomo e come fratello. La risposta di Gesù tiene conto di questa relazione: “oggi sarai con me”.

Salva te stesso”: per tre volte nel vangelo di oggi; si fa appello all’istinto più forte, la sopravvivenza. In Gesù, però, più forte è l’istinto del dono: “chi perderà la propria vita la salverà”. Non salva se stesso, ma un altro, e in quell’uno salva tutta l’umanità: “oggi sarai con me in paradiso”.

La regalità di Cristo è vera proprio nella debolezza perché capace di annullare l’abisso tra il peccato dell’uomo e la santità di Dio: “oggi sarai con me in paradiso”. Gesù è Re, nessuno è più importante. Il suo regno è già presente e ne facciamo parte, chiunque noi siamo. Dov’è questo regno che è invisibile agli occhi? Nella società dove cresce solo il nulla, quello che non si vede e non si comprende, è deriso. Solo chi conosce il Re, ne sospira la presenza.

Una vecchietta serena, sul letto d’ospedale, parlava con il parroco che era venuto a visitarla. “Il Signore mi ha donato una vita bellissima. Sono pronta a partire”. “Lo so” rispose il parroco. “C’è una cosa che desidero. Quando mi seppelliranno voglio avere un cucchiaino in mano”. “Un cucchiaino?” esclamò il parroco autenticamente sorpreso. “Perché vuoi essere sepolta con un cucchiaino in mano?”. “Mi è sempre piaciuto partecipare ai pranzi e alle cene delle feste in parrocchia. Quando arrivavo vicino al mio posto guardavo subito se c’era il cucchiaino vicino al piatto. Sa che cosa voleva dire? Che alla fine sarebbero arrivati il dolce o il gelato”. “E allora?”. “Significava che il meglio arrivava alla fine. E’ proprio questo che voglio dire al mio funerale. Quando passeranno davanti alla mia bara si chiederanno: perché quel cucchiaino? Voglio che lei risponda che io ho il cucchiaino perché sta arrivando il meglio”.Mons Angelo Sceppacerca21 novembre 2010

Ultime news

  • descrizione

    Il nuovo parroco di Pietracupa don Simone Iocca

    Pietracupa, 21 ottobre 2017Foto e Video
  • descrizione

    Trivento ricorda con ammirata venerazione il Vescovo mons. Epimenio Giannico

    Trivento, 20 ottobre 2017News
  • descrizione

    Cinquantesimo di sacerdozio di don Alessandro Di Sabato e don Lino Mastrangelo

    Agnone, 18 ottobre 2017News
  • descrizione

    Don Simone Iocca nuovo parroco di Pietracupa

    Pietracupa, 18 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia