Domenica 24 Luglio | Diocesi di Trivento

Commento al Vangelo

Domenica 24 Luglio

Domenica 24 Luglio Sono le ultime brevi parabole del regno, che raccontano e spiegano il mistero del regno di Dio e come esso sia presente in questa storia di male, di contraddizioni e difficoltà, come misericordia. Quattro brevi metafore: il tesoro nascosto, la perla preziosa, la rete che pesca ogni tipo di pesce, il padrone che ha un tesoro di cose nuove e antiche. Servono per rispondere all’obiezione: se Dio è misericordia, perché darsi da fare, affannarsi? Le prime due sono sulla necessità della nostra decisione; le altre due sulla responsabilità di mantenere la decisione presa e di trasmetterla, come fa lo scriba divenuto discepolo.
Il grande sogno dell’uomo è trovare qualcosa che dia senso alla vita, un vero tesoro, la felicità. Chi la trova, sia che l’abbia cercata o ci si sia imbattuto per caso, è chiamato ad una decisione, dettata dalla gioia di aver trovato, di aver capito il perché della vita. La decisione è quella di investire tutto nella scoperta, nella perla trovata; essere responsabile della misericordia che ci ha raggiunti.
Ognuno è fatto per essere felice, ma nessuno sa dove trovarla. Nella Bibbia il tesoro, la felicità è connessa con la sapienza perché è questa che dice come vivere e cosa fare per trovare quella. Sapienza è vedere nelle difficoltà il seme che cresce e saper usare nella miseria e nel male la misericordia. La sapienza, in parole semplici, è quella di Dio, l’amore assoluto che vince ogni male.
Il tesoro è nascosto ma lo puoi trovare nel campo che è il mondo intero. Il tesoro è in tutto il mondo, è nel cuore di ogni uomo che è campo di Dio. Il tesoro non è lontano; è nel luogo di vita e di lavoro, abituale, vicino.

Ai giovani che venivano da lui per la prima volta, Rabbi Bunam era solito raccontare la storia di Rabbi Eisik, figlio di Rabbi Jekel di Cracovia. Dopo anni e anni di dura miseria, che però non avevano scosso la sua fiducia in Dio, questi ricevette in sogno l'ordine di andare a Praga per cercare un tesoro sotto il ponte che conduce al palazzo reale. Quando il sogno si ripeté per la terza volta, Eisik si mise in cammino e raggiunse a piedi Praga. Ma il ponte era sorvegliato giorno e notte dalle sentinelle ed egli non ebbe il coraggio di scavare nel luogo indicato. Tuttavia tornava al ponte tutte le mattine, girandovi attorno fino a sera. Alla fine il capitano delle guardie, che aveva notato il suo andirivieni, gli si avvicinò e gli chiese amichevolmente se avesse perso qualcosa o se aspettasse qualcuno. Eisik gli raccontò il sogno che lo aveva spinto fin li dal suo lontano paese. Il capitano scoppiò a ridere: “E tu, poveraccio, per dar retta a un sogno sei venuto fin qui a piedi? Ah, ah, ah! Stai fresco a fidarti dei sogni! Allora anch'io avrei dovuto mettermi in cammino per obbedire a un sogno e andare fino a Cracovia, in casa di un ebreo, un certo Eisik, figlio di Jekel, per cercare un tesoro sotto la stufa! Eisik, figlio di Jekel, ma scherzi? Mi vedo proprio a entrare e mettere a soqquadro tutte le case in una città in cui metà degli ebrei si chiamano Eisik e l'altra metà Jekel!”. E rise nuovamente. Eisik lo salutò, tornò a casa sua e dissotterrò il tesoro con il quale costruì la sinagoga intitolata “Scuola di Reb Eisik, figlio di Reb Jekel”. “Ricordati bene di questa storia - aggiungeva allora Rabbi Bunam - e cogli il messaggio che ti rivolge: c'è qualcosa che tu non puoi trovare in alcuna parte del mondo, eppure esiste un luogo in cui la puoi trovare”. Mons Angelo Sceppacerca24 luglio 2011

Ultime news

  • descrizione

    Ricordo della visita del compianto Mons. Antonio Riboldi a Castelguidone

    Castelguidone, 13 dicembre 2017Foto e Video
  • descrizione

    Nuovi siti di Missio e di Popoli e Missione, diretti da Giulio Albanese

    Trivento, 13 dicembre 2017News
  • descrizione

    La festa di San Nicola a Castel del Giudice

    Castel del Giudice, 7 dicembre 2017Foto e Video
  • descrizione

    L'8 dicembre il Vescovo Claudio presenterà un omaggio floreale alla statua del Cuore Immacolato di Maria

    Trivento, 7 dicembre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia