Domenica 4 Settembre | Commento al Vangelo

Commento al Vangelo

Domenica 4 Settembre

Domenica 4 SettembreDomenica 4 Settembre Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va’ e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello; se non ascolterà, prendi ancora con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni. Se poi non ascolterà costoro, dillo alla comunità; e se non ascolterà neanche la comunità, sia per te come il pagano e il pubblicano. In verità io vi dico: tutto quello che legherete sulla terra sarà legato in cielo, e tutto quello che scioglierete sulla terra sarà sciolto in cielo. In verità io vi dico ancora: se due di voi sulla terra si metteranno d’accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro».

A commento di queste parole di Gesù, prima di tutto, diamo voce al papa. “Quanta fiducia e quanta speranza infondono queste parole del Signore Gesù! In particolare, esse spronano i cristiani a domandare insieme a Dio quella piena unità fra di loro, per la quale Cristo stesso, con accorata insistenza, pregò il Padre nell’Ultima Cena. Si capisce bene, allora, quanto sia importante che noi cristiani invochiamo il dono dell’unità con perseverante costanza. Se lo facciamo con fede, possiamo essere certi che la nostra richiesta sarà esaudita. Non sappiamo come, né quando, perché non spetta a noi conoscerlo, ma non dobbiamo dubitare che un giorno saremo ‘una cosa sola’, come Gesù e il Padre sono uniti nello Spirito Santo” (Benedetto XVI, Angelus, 2006).

Poi ad una donna che vi ha costruito intorno un popolo, intere cittadelle, università e imprese. “Se siamo uniti, Gesù è fra noi. E questo vale. Vale più d’ogni altro tesoro che può possedere il nostro cuore: più della madre, del padre, dei fratelli, dei figli. Vale più della casa, del lavoro, della proprietà; più delle opere d’arte d’una grande città come Roma, più degli affari nostri, più della natura che ci circonda con i fiori e i prati, il mare e le stelle: più della nostra anima! È lui che, ispirando i suoi santi con le sue eterne verità, fece epoca in ogni epoca. Anche questa è l’ora sua: non tanto d’un santo, ma di lui; di lui fra noi, di lui vivente in noi, edificanti - in unità d’amore - il Corpo mistico suo. Ma occorre dilatare il Cristo; accrescerlo in altre membra; farsi come lui portatori di Fuoco. Far uno di tutti e in tutti l’Uno! E allora viviamo la vita che egli ci dà attimo per attimo nella carità. E’ comandamento base l’amore fraterno. Per cui tutto vale ciò che è espressione di sincera fraterna carità. Nulla vale di ciò che facciamo se in esso non vi è il sentimento d’amore per i fratelli: che Iddio è Padre e ha nel cuore sempre e solo i figli” (Chiara Lubich).

Cosa aggiungere? Poco. Nell’amore reciproco c’è il coinvolgimento di ogni cristiano nel potere della misericordia divina. Il fratello non può essere abbandonato; anche nel rifiuto, resta il lontano da amare. L’unità fra noi è potenza che esaudisce perché attira Dio nelle nostre storie. Ma è anche la formidabile lente per leggere l’universale volontà salvifica del Padre, per cui crollano tutti i muri e saltano tutte le frontiere, di ogni tipo: ognuno, sulla faccia della terra, è un candidato all’unità. E’ un dogma di fede, come lo è l’unità e trinità di Dio.

Esagerato? Come lo era Origene (Contra Celsum, 8, 18) che opponeva a tutte le altre, la vera ed autentica immagine di Dio: l’uomo. Nessun paragone possibile tra il Zeus Olimpico scolpito da Fidia e l’uomo plasmato a immagine di Dio creatore. Se tale è l’uomo, ancora più santa è la ecclesia, “perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro”.Mons Angelo Sceppacerca4 settembre 2011

Ultime news

  • descrizione

    Le Comunità Neocatecumenali salutano il nuovo Vescovo Claudio

    Trivento, 13 ottobre 2017News
  • descrizione

    Frosolone: Don Luigi Ciotti ricorda Rita Atria in un incontro che fa memoria delle stragi di Capaci e via D'Amelio

    Frosolone, 11 ottobre 2017News
  • descrizione

    Una chiacchierata tra Alda Belletti e Don Costantino Carnevale

    Capracotta, 10 ottobre 2017News
  • descrizione

    Don Costantino Carnevale è tornato alla Casa del Padre

    Sulmona, 10 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia