15 Aprile - Seconda domenica di Pasqua | Commento al Vangelo

Commento al Vangelo

15 Aprile - Seconda domenica di Pasqua

15 Aprile - Seconda domenica di Pasqua15 Aprile - Seconda domenica di Pasqua E’ il giorno della risurrezione, il primo dopo il sabato. Se quello era l’ultimo della creazione, con questo inizia la nuova storia partorita dalla Pasqua di Gesù. Una novità folgorante, che sembra contraddetta dalla povera condizione dei discepoli: in un luogo chiuso e impauriti dai giudei. Nulla, però, può impedire al Risorto di farsi presente: “Venne Gesù” e “stette in mezzo”. E’ l’immagine della sua presenza nella storia e nella comunità dei discepoli, al centro della loro vita.

“Pace a voi” non è un augurio, ma un annuncio: lui in mezzo è la pace! E le ferite della croce ne sono laprova. Ora i discepoli possono passare dalla paura alla gioia. Gesù lo ripete: Pace a voi! La sua presenza in mezzo non è solo per vincere la paura, ma è anche per la missione e per la durata della storia: “Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi”.

Come il Padre, anche Gesù manda i discepoli a perdonare e salvare. Proprio la loro testimonianza mette in crisi il mondo, perché rendendo presente la persona e la parola del Figlio di Dio, i discepoli pongono ognuno dinanzi alla scelta di credere e convertirsi o di rifiutarsi, auto condannandosi. E’ lo Spirito alitato su di loro che li fa nuovi e capaci di fare tutto questo.

Tommaso, che “non era con loro quando venne Gesù”, rappresenta le generazioni dei cristiani, che crederanno alla Parola annunciata e accolta. A Tommaso è annunciata la risurrezione e l’esperienza dei testimoni oculari: “Abbiamo visto il Signore!”. Tommaso reagisce esigendo la prova visibile e tangibile: “se non vedo … se non tocco”. La venuta di Gesù, otto giorni dopo, sembra proprio dedicata a Tommaso … e a noi. Uguale sia la professione di fede: “Mio Signore e mio Dio!”.

Al vedere e toccare di Tommaso, Gesù mostra quelli che non hanno visto eppure credono. Infiniti sono i modi e le circostanze per incontrarlo e “vederne” la presenza: nei sacramenti, nei poveri, nella comunione fraterna, nella preghiera, nella Chiesa, nella Parola, nella propria vicenda.

Gesù entra nella casa a porte chiuse, perché è Risorto e come tale mostra di essere vero Dio, padrone della vita e della morte: egli è il Signore. Da qui la gioia dei discepoli. E la nostra. Il dono dello Spirito Santo, nel gesto del soffio, richiama l’azione creatrice di Dio. Per questo il dono della sua pace è nuova creazione; le nostre ossa riprendono vita. E c’è forza e coraggio per partire in missione, insieme al potere sovrumano di rimettere i peccati. Mons Angelo Sceppacerca15 aprile 2012

Ultime news

  • descrizione

    Le Comunità Neocatecumenali salutano il nuovo Vescovo Claudio

    Trivento, 13 ottobre 2017News
  • descrizione

    Frosolone: Don Luigi Ciotti ricorda Rita Atria in un incontro che fa memoria delle stragi di Capaci e via D'Amelio

    Frosolone, 11 ottobre 2017News
  • descrizione

    Una chiacchierata tra Alda Belletti e Don Costantino Carnevale

    Capracotta, 10 ottobre 2017News
  • descrizione

    Don Costantino Carnevale è tornato alla Casa del Padre

    Sulmona, 10 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia