Domenica 20 Maggio - Ascensione del Signore | Commento al Vangelo

Commento al Vangelo

Domenica 20 Maggio - Ascensione del Signore

Domenica 20 Maggio - Ascensione del SignoreDomenica 20 Maggio - Ascensione del Signore Gesù s’innalza al Padre, ma continua ad operare insieme ai discepoli, rafforzando il loro annuncio a tutto il mondo con impronte potenti che dichiarano vera la Parola. Chi crede è salvo, penitente ma graziato, perché i segni dicono la grande lotta contro il male che la fede affronta e vincere. Qui, nel vangelo di Marco, troviamo la sola volta in cui Signore è unito a Gesù: Gesù è il Signore, seduto alla destra di Dio, speranza suprema dell’umanità, garanzia certa della sua presenza fino alla fine dei tempi nella nostra povera vita.

Ora può iniziare l’opera apostolica. Dopo la Parola di Gesù, segue la parola dei suoi, sicura e autorevole solo perché è spiegazione della sua. I discepoli vanno dappertutto, fino agli estremi confini. Un compito impossibile da addossare a dei poveri uomini, se Dio non fosse loro accanto. L’ultima parola di Marco descrive l’opera della Chiesa e la mostra piena della presenza e dell’azione di Gesù. E grandi segni sono promessi a coloro che crederanno, ai semplici cristiani!

Ora la storia resta in mano nostra, affidata alla nostra responsabilità, alla nostra fede e obbedienza. E anche, inevitabilmente, alla nostra fragilità. Il Signore, però, non ci abbandona, non teme le ferite dell'umanità e le fragilità della stessa Chiesa. Il vangelo di oggi ci congeda con l'immagine meravigliosa di pochi uomini poveri e fragili che, conquistati dal vangelo di Gesù, partono per una missione superiore alle loro forze, ma predicano dappertutto per far cristiani tutti i popoli. E il Signore opera insieme con loro e li conferma con i prodigi che accompagnano le loro opere.

L’annuncio dei discepoli non ha a che fare con nessun potere politico, ma non è neppure relativizzato nel senso di chi dice che il compito dell’evangelizzazione consiste nell’aiutare i buddisti a diventare buddisti migliori, i musulmani a diventare più ferventi musulmani, e via dicendo. Il dialogo con le religioni non elimina l’annuncio e la testimonianza della fede cristiana e del battesimo. La missione è necessaria per volontà di Dio, che ha risuscitato Gesù Cristo dai morti.

Il Salmo canta: “Popoli tutti, battete le mani! Acclamate Dio con voci di gioia”. Sembra dire che i popoli della terra si uniranno al popolo del Signore per aver ascoltato e visto le meraviglie che Egli ha compiuto per esso e in esso. La vita della comunità credente è essenziale nell’annuncio della salvezza a tutti. Tutti “applaudiranno” il Signore per aver visto le sue opere nel suo popolo!Mons Angelo Sceppacerca20 maggio 2012

Ultime news

  • descrizione

    Nel Santuario di San Gabriele l’incontro annuale dei sacerdoti di Abruzzo e Molise

    Isola del Gran Sasso d'Italia, 16 ottobre 2017News
  • descrizione

    Le Comunità Neocatecumenali salutano il nuovo Vescovo Claudio

    Trivento, 13 ottobre 2017News
  • descrizione

    Frosolone: Don Luigi Ciotti ricorda Rita Atria in un incontro che fa memoria delle stragi di Capaci e via D'Amelio

    Frosolone, 11 ottobre 2017News
  • descrizione

    Una chiacchierata tra Alda Belletti e Don Costantino Carnevale

    Capracotta, 10 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia