Domenica 15 Luglio | Commento al Vangelo

Commento al Vangelo

Domenica 15 Luglio

Domenica 15 LuglioDomenica 15 Luglio La parola di Dio non è automatica, come una specie di magia. E’ sempre frutto dell’incontro tra Dio e le singole persone. Può essere accolta, ma anche respinta. E questa è anche la sorte dei discepoli, mandati dal Signore a portare all’uomo, con la Parola, la liberazione dal Male che lo tiene prigioniero.

Alla Parola è sempre legata la povertà. Se la Parola esprime in se stessa il farsi povero di Dio che si comunica e si consegna all'uomo, fino al farsi povero del Figlio che si dona sulla croce, allora la povertà ha a che fare anche con la vita e l’annuncio dei discepoli. L’opposto delle logiche legate alla potenza della comunicazione. L’annuncio della Parola coinvolge la vita delle persone; è il volto nuovo di una vita nuova, crea legami profondi, diretti e stabili. E quando si riparte, non ci si porta dietro niente; il testimone riprende il cammino povero come si era presentato.

Le istruzioni del Signore per la missione dei Dodici non li risparmia dallo scandalo da lui subito nella sua città. Anzi, la regola prima ed universale è proprio il contrasto tra la potenza dell’annuncio e la debolezza dei predicatori, testimoni sempre inadeguati rispetto al cambiamento radicale della vita che è chiesto, prima a loro e poi agli uditori. Una vita assolutamente nuova, non garantita, ma esposta e affidata alla potenza di Dio.

A due a due. La missione dei Dodici è prima di tutto testimonianza della loro vita personale, ma non individuale, perché deve mostrare la novità di una relazione davvero fraterna tra i figli di Dio, nella nuzialità e nella fraternità. Questa è la prima icona del discepolo del Signore, non solitario, ma mandato insieme. È sempre una missione di testimonianza e di comunione. La povertà è una condizione in cui restare. Non un voto, ma la constatazione di com'è la nostra vita.

I Dodici erano stati scelti da Gesù perché stessero con lui e per mandarli a predicare e scacciare i demoni. Li abbiamo visti stare con lui, ascoltare e imparare, ora Marco ci mostra la seconda dimensione, quella missionaria, con le stesse parole usate per Gesù: predicavano la conversione, guarivano i malati e scacciavano i demoni.

Una lezione imparata bene da Pietro, quando compì il primo miracolo dello storpio: «Non possiedo né argento né oro, ma quello che ho te lo do: nel nome di Gesù Cristo, il Nazareno, cammina». Se Pietro e Giovanni avessero avuto argento e oro, avrebbero fatto un’opera buona, forse avrebbero fondato un istituto per portatori di handicap, avrebbero dato dei soldi, ma non avrebbero pensato che dovevano dare Gesù, il salvatore.Mons Angelo Sceppacerca15 luglio 2012

Ultime news

  • descrizione

    Le Comunità Neocatecumenali salutano il nuovo Vescovo Claudio

    Trivento, 13 ottobre 2017News
  • descrizione

    Frosolone: Don Luigi Ciotti ricorda Rita Atria in un incontro che fa memoria delle stragi di Capaci e via D'Amelio

    Frosolone, 11 ottobre 2017News
  • descrizione

    Una chiacchierata tra Alda Belletti e Don Costantino Carnevale

    Capracotta, 10 ottobre 2017News
  • descrizione

    Don Costantino Carnevale è tornato alla Casa del Padre

    Sulmona, 10 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia