Domenica 23 Settembre | Commento al Vangelo

Commento al Vangelo

Domenica 23 Settembre

Domenica 23 Settembre Gesù sta andando a Gerusalemme per vivere la sua Pasqua di morte e resurrezione. E’ la seconda volta che lo ha annunciato. E loro, i discepoli, cosa fanno? Discutono su chi sia il più grande tra di loro. La pasqua di Gesù è l’ultimo avvenimento nel tempo ma il primo nel valore per la vita. I discepoli non comprendono il rovesciamento dei valori operato da Gesù su quello che conta e quello che non serve; temono perfino di porre domande. Mentre i suoi sognano altre strade di onore e grandezza, Gesù cammina verso la massima umiliazione, quella della croce.

Gesù torna ad insegnare ponendo dinanzi ai discepoli il segno di un bambino. Lo abbraccia perché è segno suo; lui è il segno del Padre che lo ha mandato e il bambino è segno della tenerezza di Dio e dell’obbedienza filiale del suo unigenito. Obbediente fino ad essere crocifisso tra i malfattori. È un bambino piccolo, ma è segno di Lui che viene da Dio; e le parole che pronuncia («Chi accoglie uno solo di questi bambini nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, non accoglie me, ma colui che mi ha mandato») sono cariche di grande rivelazione. Il bambino posto in mezzo e abbracciato è allo stesso tempo immagine del Cristo, immagine del cristiano e immagine di Dio. Accogliere il bambino nel nome del Cristo è ricevere il mistero stesso di Dio.

Gesù dice di essere il figlio dell’uomo. Il Vangelo di oggi è un insegnamento forte sull’umanità del Figlio di Dio. Per questo la sua morte e la sua resurrezione, sono cose concrete, vere. E poi c’è quel colloquio in casa quando il Signore si ritrova coi suoi, in intimità. Li chiama e non li rimprovera, ma spiega loro il modo nuovo di essere primi: accogliere un piccolo è accogliere Lui e il Padre. I discepoli sanno già che seguire Gesù significa prendere la propria croce, ma hanno paura. Il loro non capire è un non voler capire. Quel bambino abbracciato e messo in mezzo è il segno del mistero di Dio che si consegna nelle mani dell’uomo.

Mons Angelo Sceppacerca23 settembre 2012

Ultime news

  • descrizione

    Il nuovo parroco di Pietracupa don Simone Iocca

    Pietracupa, 21 ottobre 2017Foto e Video
  • descrizione

    Trivento ricorda con ammirata venerazione il Vescovo mons. Epimenio Giannico

    Trivento, 20 ottobre 2017News
  • descrizione

    Cinquantesimo di sacerdozio di don Alessandro Di Sabato e don Lino Mastrangelo

    Agnone, 18 ottobre 2017News
  • descrizione

    Don Simone Iocca nuovo parroco di Pietracupa

    Pietracupa, 18 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia