Domenica 14 Ottobre | Diocesi di Trivento

Commento al Vangelo

Domenica 14 Ottobre

Domenica 14 Ottobre Il Signore sta andando “per la strada” verso Gerusalemme e la suaPasqua di Croce e di Gloria. Finisce il tempo della profezia, perché tutto si compie in Gesù. La corsa, l'adorazione e la domanda del giovane è segno dell'intero Israele in cerca di pienezza.

Cosa serve per avere la vita? Una domanda seria, fatta buttandosi in ginocchio davanti a Gesù. Serve amare gli altri E Dio? Dio lo si ama seguendolo, facendosi discepoli di Gesù. Dio, infatti, è ora tutto presente nell'umanità di Gesù. E Gesù è il Dio da amare.

Il giovane non sa che questa è la buona notizia, il vangelo. Amare Dio significa seguire Gesù, lasciando e tutto. L'alternativa – tragica – è perdere Dio e se stessi; perdere tutto: Dio e la propria vita.

In ginocchio dinanzi al Signore è l'Israele fedele a cui non manca nulla se non l'incontro con il Messia, il passaggio dalla Legge al Vangelo, la piena comunione con Dio. L'invito a lasciare tutto e a seguirlo esplicita il comandamento del vangelo. I comandamenti di Mosè hanno condotto qui, alle nozze. Ora c'è solo il comandamento dell'amore.

Spaventa lasciare i beni, sentirsi insicuri e credersi privati della felicità della vita. Tutto falso. È inganno l'autosufficienza; il cuore non si nutre di ricchezze: è sotto gli occhi di tutti eppure quel giovane teme la proposta di Gesù. Come la temono tanti giovani, ricchi di cose e poveri di senso perché sono le ricchezze a comandarli e loro ad obbedire.

Al centro di tutto c'è uno sguardo d'amore: “Gesù fissò lo sguardo su di lui, lo amò”. Dio non vuole togliere niente, solo darci il suo amore. Il rifiuto intristisce Gesù, ma non esaurisce il suo amore, non ne cambia lo sguardo. Aver memoria di questo sguardo può rendere possibile ogni ritorno.

Chi è quest'uomo? Solo Matteo dice che si tratta di un giovane. Per Luca è un capo. Anche per Marco è un adulto, forse persino un anziano che può guardare indietro a tutta la sua vita, e dire che i comandamenti li ha osservati fin dalla giovinezza. Qualunque sia la nostra condizione ed età, questo vangelo ci riguarda; è per noi.

«Il centuplo» promesso da Gesù è la vita eterna, ma già qui nella comunità cristiana che è famiglia e casa per chi le ha lasciate. Non dimenticando che siamo ancora nel tempo delle persecuzioni, delle tribolazioni, della croce.Mons Angelo Sceppacerca14 ottobre 2012

Ultime news

  • descrizione

    Le foto della conferenza della Prof.ssa Sr. Mary Melone

    Agnone, 25 aprile 2018Foto e Video
  • descrizione

    Un dono da Bakary Sohna del Gambia al vescovo di Trivento Claudio Palumbo

    Schiavi, 24 aprile 2018News
  • descrizione

    Giornata di spiritualità del 22 aprile 2018 a Castelpetroso

    Castelpetroso, 24 aprile 2018News
  • descrizione

    Un dono da Bakary Sohna del Gambia al vescovo di Trivento

    Schiavi d'Abruzzo, 24 aprile 2018Foto e Video
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia