Domenica 13 ottobre | Commento al Vangelo

Commento al Vangelo

Domenica 13 ottobre

Domenica 13 ottobreDomenica 13 Ottobre I dieci lebbrosi rappresentano l'umanità intera; ognuno di noi è in quel gruppo. Tutti malati gravi, in un modo o nell'altro; tutti guariti da Gesù che va verso Gerusalemme a dare la vita per tutti. Chi si rende conto del dono ricevuto, torna a Gesù per ringraziarlo della salvezza: questa è l'Eucaristia che poi rinvia agli altri perché tutti possano vivere in comunione con il Padre e con i fratelli.


In poche righe dieci verbi di movimento, e otto scene diverse. È un cammino di tutti: di Gesù verso Gerusalemme, dei lebbrosi verso di lui, dei lebbrosi verso i sacerdoti, di quello samaritano di nuovo verso Gesù, dello stesso da Gesù verso tutti.

I lebbrosi non solo vengono guariti da Gesù, ma anche purificati. Guarigione e purificazione sono due cose diverse. Se il malato si scopre guarito, deve presentarsi ai sacerdoti, che ne attestano la guarigione e compiono la purificazione per lui. Qui la purificazione avviene prima dell'incontro con i sacerdoti. L'incontro con Gesù è la fonte della purificazione. Dell'ultimo si dice non solo che è stato purificato, ma anche che è stato salvato. La guarigione è un miracolo; per la salvezza occorre la fede.

I malati alzano la voce e supplicano Gesù di avere misericordia. E siamo liberi di ringraziarlo per il dono della purificazione (ogni cristiano la riceve nel battesimo). I lebbrosi sono, nella società di quei tempi, i più poveri tra i poveri, perché alla malattia aggiungono l'emarginazione, la solitudine forzata; anche ai tempi di San Francesco; in fondo anche ai giorni nostri.

Il lebbroso samaritano, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio: è il punto più importante di questo vangelo, accorgersi di essere stati amati e desiderare di stare col Signore. È il senso dell'Eucarestia: rendersi conto di essere dei lebbrosi guariti. A tenere insieme i dieci lebbrosi è la comune malattia. Poi viene fuori la differenza, al momento del ringraziamento, quando ci si rende conto che c'è qualcosa più importante della salute, la relazione con Gesù e il fare strada con lui, verso Gerusalemme.Mons Angelo Sceppacerca13 ottobre 2013

Ultime news

  • descrizione

    Il nuovo parroco di Pietracupa don Simone Iocca

    Pietracupa, 21 ottobre 2017Foto e Video
  • descrizione

    Trivento ricorda con ammirata venerazione il Vescovo mons. Epimenio Giannico

    Trivento, 20 ottobre 2017News
  • descrizione

    Cinquantesimo di sacerdozio di don Alessandro Di Sabato e don Lino Mastrangelo

    Agnone, 18 ottobre 2017News
  • descrizione

    Don Simone Iocca nuovo parroco di Pietracupa

    Pietracupa, 18 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia