Giovedì Santo. Cena del Signore | Commento al Vangelo

Commento al Vangelo

Giovedì Santo. Cena del Signore

Giovedì Santo. Cena del SignoreGiovedì Santo. Cena del Signore Parole potenti questa sera. Gesù sa che è l'ora. Sa che il Padre gli ha dato tutto. Sa che viene da lui e a Dio ritorna. La piena comunione col Padre è la fonte della sua pace, anche nell'ora dell'angoscia. Si parla di morte dicendo che tutto "passa al Padre", facendo Pasqua

In questo giorno non si celebra la Messa senza il popolo, ma con tutta la comunità e sul far della sera. Solennità e intimità insieme a Gesù nelle ultime ore della sua vita durante le quali compie le cose più grandi: l'Eucarestia ("questo è il mio corpo... questo è il mio sangue") e il sacerdozio ministeriale ("fate questo in memoria di me") mostrando come bisogna viverlo ("Anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri"); il Suo comandamento ("Che vi amiate gli uni gli altri") e il suo testamento ("Siano una cosa sola e il mondo sappia che tu li hai amati"). In una parola, come dice Giovanni, "li amò sino alla fine": fino all'ultimo istante, fino all'ultima goccia di sangue. Di più non era possibile, neppure a Dio! Un Dio in ginocchio davanti a noi, per lavarci i piedi. Il gesto di Gesù è un sacramento, un segno che fa vedere mentre rende presente. Il Vangelo di Giovanni non riporta l'Ultima Cena, ma questa la lavanda dei piedi la sostituisce, come pure sostituisce le parole sul pane e sul vino.

Il gesto è quello del servo. Perciò Pietro si oppone. Però è soprattutto, un gesto che purifica e libera, infinitamente misericordioso. Una misericordia divina data a tutti, anche a Giuda, citato in modo anonimo alla fine. Anche a lui che lo tradiva Gesù lava i piedi; il suo perdono è più forte di ogni nostra. Per lavare i piedi Gesù prima si toglie le vesti e poi le riprende. Penso alla sua spogliazione sulla croce e alla gloria che lo riveste nella resurrezione. È l'abbassamento che precede l'innalzamento, l'umiliazione prima della signoria manifesta.

Felici coloro che mangiarono, un giorno unico, quel Giovedì Santo, il pane del tuo corpo; quando tu stesso dicesti la prima messa; sul tuo stesso corpo; quel giorno in cui fosti insieme l'offerta e l'offerente, il pane e il panettiere, il vino e il coppiere. Quella volta che tu fosti il prete ed essi erano i fedeli. Quella volta che tu fosti l'invenzione del prete, il primo prete e la vittima. (Péguy, I Misteri).Mons Angelo Sceppacerca17 aprile 2014

Ultime news

  • descrizione

    Trivento ricorda con ammirata venerazione il Vescovo mons. Epimenio Giannico

    Trivento, 20 ottobre 2017News
  • descrizione

    Sacramento della Cresima presso la parrocchia di Sant'Antonio Abate ad Agnone

    Agnone, 18 ottobre 2017News
  • descrizione

    Recensione del Libro di Don Erminio Gallo

    Agnone, 18 ottobre 2017News
  • descrizione

    Spopolati e senza più servizi. I 40 Comuni dimenticati

    18 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia