Domenica 8 Febbraio | Diocesi di Trivento

Commento al Vangelo

Domenica 8 Febbraio

Domenica 8 Febbraio Gesù compie molte guarigioni di malattie. In Marco la prima è il risanamento della suocera di Pietro colpita dalla febbre. Un segno compiuto in un focolare domestico, nell'intimità della famiglia: il contatto con Gesù porta la guarigione e la salute, preannuncio della Risurrezione. L’affetto e la riconoscenza, poi, si mostrano nel servizio al Signore.

All’inizio di una giornata-tipo di Gesù un “piccolo” miracolo. La logica degli uomini si sarebbe aspettato qualcosa di più sensazionale, impressionante, come una risurrezione ad esempio. Questo perché noi siamo abituati a pensare il miracolo come un segno di potere (la stessa logica di Satana nelle tentazioni). Per Gesù invece, non conta il clamoroso; i suoi miracoli sono tutti segno della compassione e della misericordia; per questo ciò che conta è il messaggio contenuto nel segno e il suo significato è universale nel tempo e nei luoghi.

A poca distanza dalla sinagoga di Cafarnao, dove Gesù ha liberato dal male un indemoniato, si trovala casa della suocera di Simone (che abitava invece a Betsaida. Questa casa diventerà in seguito la prima chiesa della comunità locale. Mentre la sinagoga è il luogo del rapporto con Dio la casa è il luogo delle nostre relazioni quotidiane. Gli animali hanno le tane; gli uomini hanno le case ricche di relazioni, ma a volte anche di malattie e ferite.

Gesù che si china sulla suocera di Pietro e sgrida la febbre, sembra una mamma; ma richiama anche il gesto che fa negli esorcismi e nella tempesta. L'ammalata si alza (è il verbo della risurrezione) e si mette a servirli, segno che è guarita. Ognuno che si mette a servizio mostra di essere una persona in piedi, sana, guarita dalla sclerosi dell’egoismo. E ogni miracolo è un passaggio dalla morte alla vita perché ci mette al servizio gli uni degli altri.

Non è finita la giornata di Gesù. Dopo che di giorno aveva liberato un ossesso e guarita un’ammalata, anche la sera al tramonto del sole, si trova davanti casa una marea di gente (tutta la città) e continua ad operare salvando una moltitudine di malati e indemoniati. Solo all’alba sembra cercare quiete e si ritira nel deserto a pregare. Viene in mente il popolo di Dio nell’esodo: per quarant'anni ogni mattina gli ebrei uscivano dall'accampamento per raccogliere sulla superficie del deserto il pane per il cammino di quel giorno.Mons Angelo Sceppacerca8 febbraio 2015

Ultime news

  • descrizione

    Ricordo della visita del compianto Mons. Antonio Riboldi a Castelguidone

    Castelguidone, 13 dicembre 2017Foto e Video
  • descrizione

    La festa di San Nicola a Castel del Giudice

    Castel del Giudice, 7 dicembre 2017Foto e Video
  • descrizione

    L'8 dicembre il Vescovo Claudio presenterà un omaggio floreale alla statua del Cuore Immacolato di Maria

    Trivento, 7 dicembre 2017News
  • descrizione

    Le foto della Giornata dell'Adesione all'Associazione Ecclesiale Unitalsi

    Trivento, 5 dicembre 2017Foto e Video
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia