1 Gennaio 2016 - Maria SS. Madre di Dio | Commento al Vangelo

Commento al Vangelo

1 Gennaio 2016 - Maria SS. Madre di Dio

1 Gennaio 2016 - Maria SS. Madre di DioIn quel tempo, [i pastori] andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore. I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro. Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo.

Le visite nel vangelo. L’angelo visita Maria a Nazaret. Maria visita Elisabetta ad Ain Karim. Oggi i pastori visitano la grotta dove Maria e Giuseppe hanno deposto il bambino nella mangiatoia. Povero il luogo, ancor più poveri i pastori, emarginati dalla società, lontani dall’ambiente del culto, eppure simboli dell’attesa fedele del Messia nella notte della storia e nella veglia sul gregge. Anche a loro, come a Maria e a Zaccaria, si presenta un angelo e una luce splendente li avvolge. Voce di angeli e luce per portare buona notizia ai poveri e allontanare le paure. La buona notizia, il vangelo, non è solo la nascita del Salvatore, il Cristo Signore, ma che tutto questo è proprio per loro (“per voi, a voi”). A Nazaret, il segno della potente misericordia di Dio, dato a Maria, era la notizia della nascita del Battista. A Betlemme, il segno per i pastori è il piccolo “adagiato” (richiama la sepoltura) nella mangiatoia, segno della povertà di Dio. Segni umili, bassi, poveri. Ma c’è anche una grande liturgia di angeli e di gloria che dichiara una nuova epoca di pace per tutti gli uomini che sono amati da Dio. Cielo e terra si trovano.

Maria canta nella casa di Elisabetta la meraviglia dell’opera di Dio; anche i pastori, dopo aver visto quella grotta e quella mangiatoia, si fanno banditori del bambino. La buona notizia è per tutti; sia di chi la riceve, sia di chi la porta.

Oggi, all’inizio dell’anno c’è un’altra buona notizia, da contemplare: il volto di una giovane donna che ha partorito nella verginità e che presto la Chiesa chiamerTheotokos, Madre di Dio. Maria santissima Madre di Dio, la prima festa della Chiesa nel primo giorno del nuovo anno. Dinanzi a questa Madre anche il dono della pace – tutto il mondo oggi la chiede – si fa più vicino e possibile.

Maria Madre di Dio, la Theotokos. Maria non è solo la più bella creatura, il cuore che contiene e supera tutti gli amori delle mamme del mondo, ma la Madre di Dio. Di lei, Madre di Dio, lo Spirito Santo ci fa conoscere la grandezza, la superlativa bellezza che ha portato Grignion di Montfort a scrivere: “Nel paradiso medesimo, Maria è il paradiso di Dio e il suo mondo ineffabile, in cui il Figlio di Dio è entrato per operarvi meraviglie, per custodirlo e per trovarvi le proprie compiacenze. Dio ha fatto un mondo per l'uomo viatore, questo nostro. Ha fatto un mondo per l'uomo beato, il paradiso; ma ne ha fatto un altro per sé e gli ha dato il nome di Maria”.Mons Angelo Sceppacerca1 gennaio 2016

Ultime news

  • descrizione

    Trivento ricorda con ammirata venerazione il Vescovo mons. Epimenio Giannico

    Trivento, 20 ottobre 2017News
  • descrizione

    Sacramento della Cresima presso la parrocchia di Sant'Antonio Abate ad Agnone

    Agnone, 18 ottobre 2017News
  • descrizione

    Recensione del Libro di Don Erminio Gallo

    Agnone, 18 ottobre 2017News
  • descrizione

    Spopolati e senza più servizi. I 40 Comuni dimenticati

    18 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia