Domenica 10 Gennaio - Battesimo del Signore | Commento al Vangelo

Commento al Vangelo

Domenica 10 Gennaio - Battesimo del Signore

Domenica 10 Gennaio - Battesimo del SignoreIn quel tempo, poiché il popolo era in attesa e tutti, riguardo a Giovanni, si domandavano in cuor loro se non fosse lui il Cristo, Giovanni rispose a tutti dicendo: «Io vi battezzo con acqua; ma viene colui che è più forte di me, a cui non sono degno di slegare i lacci dei sandali. Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco».
Ed ecco, mentre tutto il popolo veniva battezzato e Gesù, ricevuto anche lui il battesimo, stava in preghiera, il cielo si aprì e discese sopra di lui lo Spirito Santo in forma corporea, come una colomba, e venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento».

Giovanni è una figura così forte e fedele da indurre le persone a pensare che sia lui stesso il Cristo. Lui però reagisce spiegando che la grande differenza tra lui e Gesù è data dalla diversità del suo battezzare in acqua rispetto a quello di Gesù in Spirito Santo e fuoco. Già quello di Giovanni portava al dono del perdono dei peccati a condizione di un’autentica conversione; il Battesimo di Gesù, nello Spirito Santo e fuoco, darà una rinascita a figli di Dio.

Gesù “stava in preghiera”: si mostra Figlio di Dio ed insegna a tutte le generazioni ad esserlo, chiedendo e ricevendo il dono della comunione d’amore col Padre. Questo è ciò che “apre il cielo” e ricollega l’umanità a Dio. Lo Spirito che alle origini di tutto quasi “covava” sulle acque, ora in Gesù, scende sui nuovi figli ritrovati e riconciliati nel Figlio.

Sulle rive del Giordano l’inaudito delle profondità trinitarie – il dialogo fra il Padre e il Figlio eterno – si fa udire: “Tu sei il Figlio mio, l’amato”. In questo “Tu” del Padre è accolta anche la speranza per l’intera umanità. Le parole che seguono, “in Te ho posto il mio compiacimento”, portano il significato della incarnazione del Verbo: ridare all’uomo il volto delle origini, che lo poneva al di sopra di tutte le creature.

La voce dal cielo è dichiarazione del mistero e della potenza di Gesù, la sola davvero capace di innalzare l’umanità alla misura di Dio. Il serpente aveva ingannato i progenitori, offrendo una “divinizzazione” frutto di latrocinio; l’essere “come Dio”, invece è effetto del dono dell’amore del Padre che porterà il Figlio fino al dono totale di sé sulla Croce. La paternità di Dio per tutta l’umanità non nasce da una rapina, ma da un dono.Mons Angelo Sceppacerca10 gennaio 2016

Ultime news

  • descrizione

    Trivento ricorda con ammirata venerazione il Vescovo mons. Epimenio Giannico

    Trivento, 20 ottobre 2017News
  • descrizione

    Sacramento della Cresima presso la parrocchia di Sant'Antonio Abate ad Agnone

    Agnone, 18 ottobre 2017News
  • descrizione

    Recensione del Libro di Don Erminio Gallo

    Agnone, 18 ottobre 2017News
  • descrizione

    Spopolati e senza più servizi. I 40 Comuni dimenticati

    18 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia