Domenica 7 Febbraio | Commento al Vangelo

Commento al Vangelo

Domenica 7 Febbraio

Domenica 7 FebbraioIn quel tempo, mentre la folla gli faceva ressa attorno per ascoltare la parola di Dio, Gesù, stando presso il lago di Gennèsaret, vide due barche accostate alla sponda. I pescatori erano scesi e lavavano le reti. Salì in una barca, che era di Simone, e lo pregò di scostarsi un poco da terra. Sedette e insegnava alle folle dalla barca. Quando ebbe finito di parlare, disse a Simone: «Prendi il largo e gettate le vostre reti per la pesca». Simone rispose: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti». Fecero così e presero una quantità enorme di pesci e le loro reti quasi si rompevano. Allora fecero cenno ai compagni dell’altra barca, che venissero ad aiutarli. Essi vennero e riempirono tutte e due le barche fino a farle quasi affondare. Al vedere questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: «Signore, allontànati da me, perché sono un peccatore». Lo stupore infatti aveva invaso lui e tutti quelli che erano con lui, per la pesca che avevano fatto; così pure Giacomo e Giovanni, figli di Zebedèo, che erano soci di Simone. Gesù disse a Simone: «Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini». E, tirate le barche a terra, lasciarono tutto e lo seguirono.

Dio chiama. Oggi ne abbiamo la visione maestosa e l’eco pacato e quasi ordinario nell’episodio del vangelo. Isaia profeta è davanti al Signore tre volte Santo: si spiega il suo batticuore e la coscienza della propria bassezza. Solo dopo che un serafino gli ha purificato le labbra con un carbone ardente, Isaia è pronto a rispondere all’appello: “Eccomi Signore, manda me!”.

Gli stessi sentimenti si percepiscono nella vicenda della fantastica pesca dopo una notte inconcludente, quando Pietro e gli altri decidono di fidarsi della sua parola. Davanti allo straordinario miracolo, Pietro non si getta al collo ma alle ginocchia di Gesù, consapevole di essere indegno perché peccatore. Gesù lo rassicura e lo chiama a seguirlo. Pietro lascia tutto e lo segue.

Anche Paolo ricorda bene di essere stato un persecutore di Gesù nei suoi discepoli e, dunque, non meritevole di essere chiamato apostolo, ma assegna a Dio ogni meraviglia, compresa la chiamata a predicare il Vangelo.

Ogni visita di Dio ci fa riconoscere poveri, inadeguati, limitati e, soprattutto, peccatori. E’ la sua misericordia e il suo perdono a trasformarci in apostoli della buona notizia che cambia una vita. Commentando la Parola di oggi, Papa Benedetto disse: “L’umiltà testimoniata da Isaia, da Pietro e da Paolo invita quanti hanno ricevuto il dono della vocazione divina a non concentrarsi sui propri limiti, ma a tenere lo sguardo fisso sul Signore e sulla sua sorprendente misericordia, per convertire il cuore, e continuare, con gioia, a lasciare tutto per Lui”.

La vicenda di uno, Pietro, coinvolge radicalmente anche gli altri. “Pescatore di uomini” non è solo incarico degli apostoli, ma di ogni esistenza totalmente rinnovata nel rapporto con il Figlio di Dio. E’ formidabile il contrasto tra il nulla di prima e l’eccedenza della pesca fatta sulla parola di Gesù. Ogni incontro col Signore rivela il nostro niente e provoca la crisi che apre alla salvezza e alla vita nuova.Mons Angelo Sceppacerca7 febbraio 2016

Ultime news

  • descrizione

    Il nuovo parroco di Pietracupa don Simone Iocca

    Pietracupa, 21 ottobre 2017Foto e Video
  • descrizione

    Trivento ricorda con ammirata venerazione il Vescovo mons. Epimenio Giannico

    Trivento, 20 ottobre 2017News
  • descrizione

    Cinquantesimo di sacerdozio di don Alessandro Di Sabato e don Lino Mastrangelo

    Agnone, 18 ottobre 2017News
  • descrizione

    Don Simone Iocca nuovo parroco di Pietracupa

    Pietracupa, 18 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia