La nostra solidarietà per i cristiani della parrocchia di Aleppo in Siria | Caritas Diocesana

Caritas Diocesana

La nostra solidarietà per i cristiani della parrocchia di Aleppo in Siria

La nostra solidarietà per i cristiani della parrocchia di Aleppo in SiriaLa nostra solidarietà per i cristiani della parrocchia di Aleppo in Siria, dove tutti con il loro parroco, il francescano padre Ibrahim, continuano a “resistere” alla guerra, alle persecuzioni ed alle bombe, si è concretizzata con la raccolta di quindicimila euro che contribuiranno ad incrementare i dispensari medici, a sostenere i bambini ed a confezionare pacchi alimentari che saranno donati a tutti coloro che ne hanno bisogno, appartenenti a famiglie cristiane e musulmane.
Ringrazio le parrocchie, le famiglie e tutti coloro che hanno dato il loro contributo che, per una piccola diocesi come quella di Trivento e per la grave crisi economica che attanaglia anche il nostro territorio, sono come le due monetine della vedova del vangelo (Lc 21,1-4).
Continuiamo a pregare per tutte le terre insanguinate e distrutte dalle guerre, come ci ricorda ancora una volta Papa Francesco:

Siamo dolorosamente colpiti e seguiamo con profonda preoccupazione quanto sta avvenendo in Siria, in Iraq, a Gerusalemme e in Cisgiordania, dove assistiamo ad una escalation della violenza che coinvolge civili, innocenti e continua ad alimentare una crisi umanitaria di enormi proporzioni. La guerra porta distruzione e moltiplica le sofferenze delle popolazioni. Speranza e progresso vengono solo da scelte di pace [...] Uniamoci, dunque, in una intensa e fiduciosa preghiera al Signore, una preghiera che intende essere al tempo stesso espressione di vicinanza ai fratelli patriarchi e vescovi presenti, che provengono da quelle regioni, ai loro sacerdoti e fedeli, come pure a tutti coloro che la abitano”.

Di seguito la lettera di ringraziamento di padre Ibrahim.
Grazie


Aleppo, 11 aprile 2016

Carissimo Don Alberto e tutti i cari amici della diocesi di Trivento,

sono ripresi i bombardamenti. L’altro ieri, un missile è caduto nella nostra zona di Azizieh, distruggendo una casa e danneggiandone altre. Ieri sera, in alcune zone come ad esempio Midan, la situazione era molto critica... Oggi gli operai che lavorano nel nostro Convento sono arrivati con gli occhi lucidi e pieni di stanchezza per una notte passata in bianco.
Il dollaro continua a salire, mentre la gente si affatica sempre di più per guadagnare un soldino per sfamarsi.
La nostra è una corsa senza fine, infatti, nonostante siamo ben organizzati, con il contributo di diversi volontari e impiegati, il lavoro degli aiuti umanitari pesa sempre di più sulle spalle di noi frati.
Ogni giorno aumentano le persone che bussano alla porta del convento, ma aumentano sempre più le famiglie e le persone che lodano il Signore per la presenza di noi frati, che rimaniamo qua per aiutare questa gente stremata ad Aleppo.
Se ci spaventano, amareggiano il cuore e ci rattristano i lanci dei missili su di noi, ci consolano i frutti della vostra carità.
Un abbraccio
frate IbrahimSac. Alberto Conti - Direttore Caritas Trivento15 aprile 2016

Ultime news

  • descrizione

    Il nuovo parroco di Pietracupa don Simone Iocca

    Pietracupa, 21 ottobre 2017Foto e Video
  • descrizione

    Trivento ricorda con ammirata venerazione il Vescovo mons. Epimenio Giannico

    Trivento, 20 ottobre 2017News
  • descrizione

    Cinquantesimo di sacerdozio di don Alessandro Di Sabato e don Lino Mastrangelo

    Agnone, 18 ottobre 2017News
  • descrizione

    Don Simone Iocca nuovo parroco di Pietracupa

    Pietracupa, 18 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia