Domenica 19 Giugno | Commento al Vangelo

Commento al Vangelo

Domenica 19 Giugno

Domenica 19 GiugnoUn giorno Gesù si trovava in un luogo solitario a pregare. I discepoli erano con lui ed egli pose loro questa domanda: «Le folle, chi dicono che io sia?». Essi risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa; altri uno degli antichi profeti che è risorto». Allora domandò loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro rispose: «Il Cristo di Dio». Egli ordinò loro severamente di non riferirlo ad alcuno. «Il Figlio dell’uomo – disse – deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e risorgere il terzo giorno». Poi, a tutti, diceva: «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua. Chi vuole salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per causa mia, la salverà».

Chi è Gesù? Per la gente è un profeta del passato e per i discepoli è il Messia liberatore del popolo. Ma lui si rivela come il Servo del Signore, che vince il male perché non lo fa, ma lo porta su di sé. Infine è Gesù a dirci chi siamo, chiamandoci ad essere come lui ogni giorno. Poi segue la Trasfigurazione, nella quale il Padre dice: “questo è il mio Figlio, ascoltate Lui”. Luca non dice dove avviene questo episodio; gli altri la mettono a Cesarea di Filippo, il punto più lontano da Gerusalemme che Gesù ha raggiunto.

Prima erano i discepoli a farsi domande intorno a Gesù. Ora è lui stesso che chiede “chi sono io per la gente?”. Gesù fa due domande separate: una che cosa dicono le folle, l’altra che cosa dicono i discepoli. La seconda, avversativa (“Ma voi chi dite che io sia?”) è la domanda fondamentale. Non dice “tu” ma “voi”, perché dalla risposta nasce la Chiesa, in contrapposizione a tutte le altre opinioni. La risposta di Pietro è esatta. Il Cristo è Dio, il grande atteso, il Messia che avrebbe compiuto le promesse di Dio e i desideri dell’uomo, il senso profondo di ogni esistenza come attesa e speranza verso di Lui, Salvatore del mondo. Senza di Lui tutto è sospeso nella insicurezza e nella paura. Con Lui tutto entra nel mistero di Dio.

Alla proclamazione-confessione di Pietro segue la misteriosa spiegazione del Signore: il Cristo di Dio è il Figlio dell’uomo, il Servo di Jahwè. Dopo la sua Pasqua di morte e risurrezione sarà annunciato, perché è proprio la sua Pasqua la manifestazione in pienezza del Cristo di Dio. Il mondo lo rifiuterà e lo ucciderà, ma nella sua Pasqua d’amore sta tutta la sua potenza.

Gesù parla a tutti; la croce va presa ogni giorno, come il pane chiesto nel Padre nostro; infine l’invito a non vergognarsi delle sue parole perché queste sono il controllo quotidiano sulla nostra coscienza. La parola di oggi è per “ogni giorno”, come la croce da portare non solo nel momento della prova, della fatica, della pena.Mons Angelo Sceppacerca19 giugno 2016

Ultime news

  • descrizione

    Trivento ricorda con ammirata venerazione il Vescovo mons. Epimenio Giannico

    Trivento, 20 ottobre 2017News
  • descrizione

    Cinquantesimo di sacerdozio di don Alessandro Di Sabato e don Lino Mastrangelo

    Agnone, 18 ottobre 2017News
  • descrizione

    Don Simone Iocca nuovo parroco di Pietracupa

    Pietracupa, 18 ottobre 2017News
  • descrizione

    Sacramento della Cresima presso la parrocchia di Sant'Antonio Abate ad Agnone

    Agnone, 18 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia