Domenica 9 luglio | Commento al Vangelo

Commento al Vangelo

Domenica 9 luglio

Domenica 9 luglioIn quel tempo Gesù disse:
«Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo. Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

Il Figlio ci confida il Padre. L’accesso a Dio, il mistero dei misteri, l’infinitamente inaccessibile alle pretese dell’intelligenza presuntuosa ed egocentrica! E lo fa con parole semplici, comprensibili ai piccoli – solo a loro – e disponibile a coloro che sono stanchi e oppressi, miti ed umili di cuore! Cinque versetti, la misura di un twitter, custodiscono l’entrata in Dio.

Gesù parla a tutti, non solo ai dodici (non tutti siamo apostoli), perché tutti siamo stanchi e oppressi e ognuno può comprendersi e mostrarsi piccolo, ossia mite ed umile di cuore. Dall’irripetibilità della relazione fra Padre e Figlio sgorga l'invito a tutti, la chiamata universale.

Non sempre chi porta un peso ha il cuore triste. Nel libro della Genesi Giacobbe si fa schiavo di Labano per sette anni, ma questo gli pare cosa leggera tanto è il suo amore per Rachele. E san Paolo scrive: “Le sofferenze del momento presente non sono paragonabili alla gloria futura”. Certo, è un mistero, il mistero dell'amore di Dio. Ad alleggerire il giogo è la misericordia del Signore.

La preghiera è diretta a Qualcuno; per molti è necessaria anche la direzione verso un luogo. Il vangelo di Gesù ci dice dove indirizzarci: “Venite a me”; che non è indicazione del verso, ma insegnamento del cosa e del come (“imparate da me”).

Che cosa ha nascosto il Padre “ai sapienti e ai dotti” e ha mostrato “ai piccoli”? Gli esperti di cose dello Spirito dicono che il segreto di Dio è il mistero della passione e morte di Gesù; solo i piccoli possono capirla perché rappresenta la suprema umiltà di Dio, la sua “piccolezza”.Mons Angelo Sceppacerca9 luglio 2017

Ultime news

  • descrizione

    Le Comunità Neocatecumenali salutano il nuovo Vescovo Claudio

    Trivento, 13 ottobre 2017News
  • descrizione

    Frosolone: Don Luigi Ciotti ricorda Rita Atria in un incontro che fa memoria delle stragi di Capaci e via D'Amelio

    Frosolone, 11 ottobre 2017News
  • descrizione

    Una chiacchierata tra Alda Belletti e Don Costantino Carnevale

    Capracotta, 10 ottobre 2017News
  • descrizione

    Don Costantino Carnevale è tornato alla Casa del Padre

    Sulmona, 10 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia