Commento al Vangelo
Domenica 28 maggio - Ascensione del Signore
At 1, 1-11; Sal 46; Ef 1, 17-23; Mt 28, 16-20

In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato.
Quando lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono. Gesù si avvicinò e disse loro: «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo».

Gesù ascende al cielo e gli apostoli rimangono nella contemplazione del mistero. Negli Atti, gli angeli chiedono: “perché state a guardare il cielo?”. Come dire che l’ascensione ha, per conseguenza immediata, l’annuncio della buona notizia su tutta la terra. Terminata la missione di Gesù, inizia il cammino di quelli che l’hanno accolta e la sentono, ora, come propria: testimoniare l’amore del Padre ai fratelli che ancora non lo conoscono.

Per l’ultimo appuntamento Gesù ha scelto di nuovo un monte, in Galilea: il monte è sempre stato il luogo privilegiato della manifestazione di Dio e la Galilea ha sempre indicato uno spazio di confine, di frontiera, di apertura. Monte e Galilea simboleggiano, insieme, l’incontro tra il cielo e la terra e l’apertura alla missione universale dei discepoli che sono inviati da Gesù a convocare la Chiesa per riunirla dai quattro punti cardinali del mondo. Nessuno è escluso dalla famiglia dei figli di Dio. Ma occorre che il nome del Padre dei cieli sia santificato su tutta la terra.

Al comando missionario Gesù unisce la conferma della sua presenza: “Sarò con voi tutti i giorni”. Se obbediamo al comando è perché confidiamo nella sua presenza. Sappiamo che in Gesù Dio ha assunto un nome nuovo, l’Emanuele, il Dio-con-noi. C’è da cambiare il mondo, una sfida impossibile, ma lui è in mezzo a noi. Cambiare nel senso di salvare, perché il Vangelo è acqua che risana, notizia che consola, annuncio che libera.

“Essi però dubitarono”, come se avessero un cuore “doppio”, diviso, tentato. Fede e dubbio convivono, anche se le parole del Signore sono chiare e totalitarie perché mostrano la potenza di Dio: “...ogni potere ... tutti i popoli ... tutti i giorni...”. Dov’è oggi il potere del Signore? Sembra nascosto, annullato. Il vero potere è averlo con noi ogni giorno, fino alla consumazione dei secoli. C'è la potenza del male, ma Gesù è con noi.

C’è anche la traccia di un dramma consumato. Non sono dodici, ma undici, i discepoli convocati sul monte di Galilea per essere mandati sino ai confini della terra a portare il Vangelo della salvezza e della pace. Un corpo ferito, una sproporzione tra la santità del compito e la povertà della storia di ciascuno. Ecco la grande missione che, iniziata quel giorno, è oggi ancora del tutto iniziale. In molte terre e in tantissimi cuori neppure inaugurata; di più: in molte terre e cuori già svanita, abbandonata.
Mons Angelo Sceppacerca
28 Maggio 2017
Articolo visualizzato 581 volte
Il sito web è stato realizzato da Domenico Santorelli
Email webmaster@diocesitrivento.it

Chiudi
Invia il link ad un amico

La tua email    


L'email del tuo amico    



OK Su questo sito utilizziamo cookie di profilazione di terze parti per il monitoraggio degli accessi. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Cliccando sul pulsante OK, o continuando la navigazione effettuando un'azione di scroll, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.