Halloween e dintorni: prove tecniche di diseducazione | Diocesi di Trivento

Riflessioni

Halloween e dintorni: prove tecniche di diseducazione

Halloween e dintorni: prove tecniche di diseducazioneOgni anno tra fine ottobre e primo di novembre ci viene ammannita la grande abbuffata di ragni, scheletri e roba schifosa di questo genere, forme ben più dispersive delle semplici manifestazioni carnevalesche, e che rispecchiano purtroppo tutti i crismi di un grande rituale satanico collettivo.

Quest’anno ci si è aggiunta, oltre tutti i cospicui risvolti commerciali e per questo bastava vedere le vetrine dei negozi che a partire da metà ottobre erano invase da ragnatele, zucche e teschi di ogni tipo, anche la notizia che il candidato presidente degli USA Obama ha lasciato per tre ore gli impegni della campagna elettorale per dedicarsi alla festa di Halloween, che non è, si badi bene, una festa di origine americana, bensì una festa europea e più precisamente britannica, di matrice celtica.

Presso i Celti l’anno nuovo iniziava il 1° novembre e nella notte del 31 ottobre si festeggiava Samhain, la fine dell'estate, in cui gli uomini ringraziavano gli spiriti e il “principe delle tenebre”.
Ma ora Halloween non più un semplice ritorno al passato, è lo sviluppo progressivo di una mentalità dell’allontanamento programmato dalla visione cristiana del mondo e della storia, che proietta illusoriamente l’uomo e lo precipita nel vuoto di contenuti magici o spiritistici. In altre parole Halloween “è il giorno più magico dell’anno, è il capodanno di tutto il mondo esoterico”.
Anche se per i bambini americani è una divertente ricorrenza in occasione della quale ci si traveste e si bussa alle porte dei vicini minacciandoli con la classica formula “trick or treat” (dolcetto o scherzetto), che ha tutto il sapore di una formula propagandistica pervicacemente accattivante. E così quello che l’Europa aveva sradicato ai tempi del mago Merlino, ci ritorna dall’America come un ottimo OGM culturale, contro il quale, a differenza per quel che avviene per i semi di soia modificati, pochissimi hanno il coraggio di ribellarsi.

Che non si tratta di una festa apparentemente innocua, come spesso si è portati a credere, ma di un “ritorno al paganesimo”, per fare concorrenza alle belle e consolanti feste cristiane dell’ 1 e 2 novembre, lo si evince dal fatto i giornali americani erano pieni di raccomandazioni per evitare i brutti incontri, estese anche agli adulti che vivono nelle grandi città. Sempre più spesso infatti, nelle metropoli americane, la notte delle streghe è presa a pretesto da bande di teppisti per abbandonarsi a vere e proprie azioni di guerriglia urbana. L’aumento di saccheggi, scontri razziali, rapine ed omicidi è purtroppo una caratteristica del “moderno” Halloween.

Perciò si vede come la festa sia tutto frutto di una strategia occulta, altamente invasiva e diseducativa, la stessa che ha spinto ad eliminare nella coltissima Oxford la festa di Natale, progetto contro il quale si sono ribellati perfino il Rabbino capo della città Eli Bracknell e l’Imam islamico Sabir Hussain Mirza.

Che dire allora dei tanti insegnanti, forse anche nelle scuole cattoliche, che vi hanno per così dire ingenuamente abboccato? Una usanza di provenienza pagana non può scalzare le nostre sane ed istruttive tradizioni, per riprecipitarci nel mondo degli indovini, dei guaritori e degli influenti pseudo-filosofi che erano i soli che osassero restare all’aperto durante la notte di Samhain per celebrare sacrifici e accendere i sacri falò.

Per festeggiare gli scheletri dei morti che si aggirano tra i vivi, si pretende che i vivi siano morti ad ogni sana tradizione e giusta reazione.

I semi e i fiori di zucca vanno bene a tavola per una buona ricetta dietetica, ma i trapianti collettivi di zucca, proprio perché proposti da coloro che non hanno mai avuto una testa sulle spalle, non contribuiranno mai ad elevare il quoziente intellettuale e sociale di un popolo.

Don Mimì Fazioli

di don Mimì FazioliTrivento (CB), 4 novembre 2008

Ultime news

  • descrizione

    Armonie al femminile: un incontro organizzato dall'ufficio per il Progetto Culturale

    Agnone, 7 agosto 2018News
  • descrizione

    Pellegrinaggio a Lourdes

    Lourdes, 6 agosto 2018Foto e Video
  • descrizione

    La Cattedrale di Trivento in 3D

    Trivento, 31 luglio 2018Foto e Video
  • descrizione

    Breve presentazione della Biblioteca Emidiana

    Agnone, 31 luglio 2018News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia