Siamo in festa: “Elio Germano è il nostro orgoglio” | Diocesi di Trivento

News

Siamo in festa: “Elio Germano è il nostro orgoglio”

Siamo in festa: “Elio Germano è il nostro orgoglio”L’attore Elio Germano, premiato di recente a Cannes, ha i genitori che sono originari della nostra Diocesi, precisamente di Duronia, ed ha uno zio missionario in Bangladesh. Egli torna molto spesso nel paese molisano, dove è conosciuto e apprezzato per la carica di umanità, per la disarmante semplicità e per la gentile e cortese familiarità con tutti.

Elio Germano, 29 anni, uno dei migliori attori della sua generazione, ha dunque vinto a Cannes il premio per la migliore interpretazione per il film di Daniele Luchetti “La nostra vita”, ex aequo con una star internazionale come Javier Bardem.

Sempre a Cannes, nel 2007, al Certain Regard, aveva raccolto consensi per il film “Mio fratello è figlio unico”, che poi gli è valso anche un David di Donatello.
Germano, nato a Roma, ha i genitori entrambi di Duronia (Campobasso) ed è molto legato ai luoghi d’origine. Il papà, l’architetto Giovanni, è tra gli organizzatori di “Cammina Molise”, passeggiata di gruppo nella natura molisana svolta rigorosamente a piedi o a cavallo in agosto. Elio spesso vi ha preso parte. Inoltre il giovane attore fa parte di una band musicale a Roma composta anche da altri ragazzi figli di duroniesi. A Duronia torna spesso, ci ha confessato che rappresenta per lui non solo una “seconda patria”, ma un’oasi di tranquillità.

Noi dell’associazione “Forche Caudine” abbiamo seguito Elio Germano sin dai primi passi nel mondo del cinema. Dalle prime parti negli spot pubblicitari o dal film autoprodotto. La sua prima biografia è comparsa nel nostro sito, con un errore “veniale”: gli abbiamo collocato i natali nel Molise e questo dato ancora oggi viene ripreso dalle biografie ufficiali. Lui ci ha raccontato che ciò comporta qualche domanda inusuale. Ad esempio: “A che età s’è trasferito a Roma?”. O ancora: “Certo, l’accento molisano non si sente proprio…”. Insomma, abbiamo sempre creduto nelle due doti di attore vero, di spessore.

Elio ha sangue molisano come Robert De Niro, Dean Martin, Paul e Mira Sorvino. Non è un caso. Amiamo immaginare che nel proficuo isolamento delle nostre montagne s'è costruito un dna totalmente umano, naturale, di vissuto vero. Elio è bravissimo, un attore come pochi, ma soprattutto un ragazzo simpatico, semplice e intelligente. Lo abbiamo sempre saputo. Diciamo che il riconoscimento di Cannes, in fondo, non ci sorprende.

Lo abbiamo incontrato proprio alla vigilia di Cannes, attribuendo a quell'incontro una sorta di potere benefico.
Gabriele Di Nucci, segretario di “Forche Caudine”, di recente ospite da Frizzi nei “Soliti ignoti”, di professione fa il venditore di auto in viale Castrense, a San Giovanni. E tra i propri clienti - nemmeno a dirlo - ha proprio Elio Germano. Nei giorni scorsi l’attore ha acquistato un'autovettura. Un cliente davvero speciale: tanto pragmatismo e pochi fronzoli. Occasione – manco a dirlo – per parlare di Molise e di molisani. Con qualche battuta in dialetto.

Oggi c'è euforia in associazione. Tanti ci chiamano, ci chiedono di trasmettere i complimenti ad Elio, ci ricordano di averlo avuto compagno di giochi a Duronia e nei paesi limitrofi.
Nel film che l’ha consacrato, Germano interpreta “un italiano figlio del proprio tempo”, un proletario “che deraglia sul binario sbagliato” come ha sottolineato Daniele Luchetti, perché dopo la morte della moglie e con tre figli piccoli si vuole dare tutto il benessere materiale possibile per colmarne il vuoto. Finisce per agire senza più scrupoli.
Oggi Elio viene definito “attore da cinema pasoliniano”, un “antidivo con tanto talento”. Nonostante la giovane età, ha lavorato già con i maggiori attori italiani, da Castellano e Pipolo a Vanzina, da Ettore Scola a Emanuele Crialese, da Giovanni Veronesi a Michele Placido, da Gabriele Salvatores a Paolo Virzì.

Ci auguriamo che questa stella nel firmamento cinematografico possa brillare in eterno. E siamo contenti, come associazione, perché il Molise ha finalmente un personaggio pubblico di cui essere all’unanimità orgogliosi, sperando che anche Germano possa contribuire al riscatto della propria terra.Riprendiamo da “Forche Caudine”Duronia (IS), 26 maggio 2010

Ultime news

  • descrizione

    Addio a Don Carmelo Sciullo, partigiano e medaglia d'argento per l'alluvione del '54

    Capracotta, 19 aprile 2018News
  • descrizione

    Corso Ministri Straordinari dell'Eucaristia: primo Seminario a Trivento

    Trivento, 16 aprile 2018News
  • descrizione

    Giornata dei giovani della Diocesi a Subiaco

    Subiaco, 6 aprile 2018News
  • descrizione

    La gita del Vescovo con i giovani della Diocesi a Subiaco

    Subiaco, 4 aprile 2018Foto e Video
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia