9 dicembre 2010 | Riflessioni

Riflessioni

9 dicembre 2010

9 dicembre 20109 dicembre 2010 Il titolo di questo articolo non è altro che la data in cui un comitato spontaneo di cittadini molisani convocò nel capoluogo regionale un convegno sul tema della rete scolastica in Molise.

A quell’incontro erano presenti il direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale, l’assessore alla cultura della provincia di Campobasso, diversi dirigenti scolastici e qualche docente, mentre mancò, pur essendo stato invitato, l’assessore regionale alla cultura, ma soprattutto dovemmo constatare l’assenza larga degli studenti, dei genitori, dei docenti, degli amministratori locali, dei sindacati ed in generale dei cittadini.

In quella sede si discusse della proposta di dimensionamento scolastico elaborata dalla regione e se ne misero in rilievo le approssimazioni, le storture, le difficoltà e le superficialità, sottolineando che anche le ipotesi suggerite dai comuni e dalle province non apparivano ispirate da prospettive condivisibili, perché spesso dettate da logiche di tipo campanilistico o peggio ancora personalistiche. In alternativa il comitato promotore avanzò una suaproposta organica di riordino della rete scolastica nel Molise, cercando di strutturarla in relazione agli interessi dei cittadini ed alla realizzazione di un diritto allo studio pieno e razionale.

Si trattava di suggerimenti costruttivi lontani da ogni atteggiamento polemico e miranti unicamente a costruire per i Molisani una scuola di qualità.
Quella proposta fu fatta circolare attraverso i pochi mass-media disponibili a trasmetterla, fu inviata agli amministratori di ogni livello, ma ha avuto una sola risposta: il silenzio!

Un gruppo di cittadini che gratuitamente si mette al lavoro per elaborare progetti ha, invece, diritto quantomeno ad una risposta alle sollecitazioni, se non ad un’audizione da parte delle istituzioni?
Oggi, dopo la sentenza di bocciatura del piano di dimensionamento scolastico regionale del Tar e l’annullamento dello stesso da parte del direttore generale dell’Ufficio Scolastico Regionale c’è chi rivendica la procedura di ricorso e chi sottolinea la situazione di caos che il tutto sta provocando nelle istituzioni scolastiche, soprattutto tra il personale.

Le domande sono le seguenti:
Perché le istituzioni sono così lontane dai cittadini e rifiutano, come nella fattispecie, ogni forma di confronto?
Come mai i diretti interessati a tali questioni sono così assenti da forme di impegno diretto e di partecipazione reale alla soluzione dei problemi comuni quando vengono chiamati a dare il proprio contributo?
Adesso, prima di ripercorrere strade sbagliate, ci sono sistemi per attivare un confronto fattivo in merito?

Ci poniamo tali interrogativi anzitutto perché siamo nella fase della cancellazione di un provvedimento amministrativo che ci riporta ad una situazione non certo accettabile e che invece pone nuove difficoltà ed ulteriori questioni.

Vorremmo poi sommessamente ripetere quanto abbiamo scritto in diverse circostanze e cioè che la delega data agli amministratori non può essere assoluta, ma va controllata sistematicamente ed incalzata con proposte dalla base; inoltre i cittadini non possono pensare di rifugiarsi nel privato svegliandosi solo quando le mucche sono fuggite dalle stalle.di Umberto BerardoTrivento (CB), 17 maggio 2011

Ultime news

  • descrizione

    Nel Santuario di San Gabriele l’incontro annuale dei sacerdoti di Abruzzo e Molise

    Isola del Gran Sasso d'Italia, 16 ottobre 2017News
  • descrizione

    Le Comunità Neocatecumenali salutano il nuovo Vescovo Claudio

    Trivento, 13 ottobre 2017News
  • descrizione

    Frosolone: Don Luigi Ciotti ricorda Rita Atria in un incontro che fa memoria delle stragi di Capaci e via D'Amelio

    Frosolone, 11 ottobre 2017News
  • descrizione

    Una chiacchierata tra Alda Belletti e Don Costantino Carnevale

    Capracotta, 10 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia