Nominato il nuovo parroco di Castropignano: è don Alessandro Porfirio | Diocesi di Trivento

News

Nominato il nuovo parroco di Castropignano: è don Alessandro Porfirio

Nominato il nuovo parroco di  Castropignano: è don Alessandro Porfirio La sera del 24 settembre, Mons. Scotti ha presieduto la concelebrazione dell’insediamento del nuovo parroco della chiesa di San Salvatore in Castropignano. Il cancelliere vescovile don Ermino Gallo ha letto la bolla vescovile con la quale è stato nominato parroco don Alessandro Porfirio, sacerdote saggio e coscienzioso, esemplare per la sua integrità morale e spirituale.

Dopo la celebrazione, tenuta dal Vescovo monsignor Domenico Scotti, i presenti si sono sciolti in un lungo applauso di benvenuto per don Alessandro e di ringraziamento per il Vescovo per aver provveduto così celermente a colmare il vuoto lasciato dalla repentina e inaspettata morte di don Franco Lombardi. Chi di noi non rimpiange questo giovanile sacerdote, così pieno d'intelligenza e di vibrante entusiasmo, e proprio per questo c’è stato un momento di generale commozione quando il Vescovo ha ricordato il caro don Franco scomparso appena il 28 luglio scorso. Era un predicatore di quelli con la "P" maiuscola, ricercatissimo nelle parrocchie di tutta la forania: omelie ascoltate con grande attenzione, talmente erano vicine all'uomo nei problemi di ogni giorno e alla genuinità della fede cristiana.
Don Alessandro, molto noto anche nella vicina Campobasso per la sua affabilità e saggezza, contemporaneamente resta anche responsabile della chiesa di Roccaspromonte alla cui guida è stato, da svariati decenni, parroco zelante ed impegnato nella costruzione di un santuario destinato alla preghiera al silenzio e alla meditazione nella riscoperta e diffusione del carisma di santità di fra Immacolato Brienza.

I fedeli laici oggi più che mai hanno avuto una risposta adeguata al loro bisogno di amicizia, di solidarietà, di rispetto: don Alessandro sarà buona guida spirituale anche per la crescita sociale dell’intera comunità affidatagli. La scelta fatta da mons. Scotti è finalizzata, nel rispetto reciproco, affinché si possa generosamente collaborare, pur mantenendo ognuno la sua autonomia, alla crescita spirituale, sociale e morale di tutto il paese di Castropignano, visto che nella persona del parroco convergono i bisogni e le attese del centro e della maggiore delle contrade di Castropignano.

I fedeli delle nostre parrocchie non sono già tutti perfetti, umanamente abbiamo tanti difetti, ma quelli di Castropignano hanno anche qualche piccolo pregio: amano la loro terra e desiderano che essa non abbia mai a morire e questo si può ottenere con lo spirito di collaborazione al di sopra di ogni interesse personale.

Il sorriso rassicurante di don Alessandro, tra la sua nuova gente, è segno di un buon inizio di collaborazione sincera per la crescita religiosa e morale dell’intera popolazione. Egli è uomo di spirito e divertente soprattutto con noi i piccoli. Ecco, don Alessandro, può essere allora visto come il parroco della gente e tra la gente, come si direbbe oggi, un parroco moderno che sa parlare di tutto, in modo semplice e comprensibile. E’ colui che viene al nocciolo della questione, senza troppi giri di parole, soprattutto quando, con coraggio ed arguzia, analizza alcune fasi della vita moderna.

Il dono di un nuovo parroco da parte del Vescovo lo si deve leggere in prospettiva del saper ricercare la presenza di Dio, nell’ascoltare e meditare sulla sua parola e impegnarsi a riconoscerlo nella vita sacramentale ed incontrarlo nella messa Domenicale. Don Alessandro, ne siamo convinti profondamente, accompagnerà e aiuterà i fedeli di Castropignano a dissetarsi alla divina sorgente della grazia, proprio come il compianto don Franco ha saputo fare nei lunghi anni del suo meraviglioso ministero sacerdotale, infatti a quanti lo hanno avvicinato ed interrogatoha sempre donato il conforto di esortazioni propositive, di parole di conforto che rallegravano il cuore. Con don Alessandro i fedeli sono stati invitati a dare piena e fattiva collaborazione, impreziosita dalla devota preghiera e dalla personale sofferenza, al fine di perseverare nella fede e nel bene comune e così avvicinarsi e prepararsi, giorno dopo giorno, alla gioia della Risurrezione. Egli questa sua grande fede nel Signore la saprà trasfondere nel cuore dei nuovi parrocchiani che da tempo lo conoscono e da ora e per sempre lo stimeranno ancora di più. Gli amici e i confratelli augurano a don Alessando Porfirio, e per questo pregano la Vergine santa, che possa essere il prete di tutti, capace com’è di abbracciare il suo nuovo gregge pastorale, un vero prete tra la gente, piccolo tra i piccoli, ascoltatore dei giovani, guida degli adulti e conforto per gli anziani.Ufficio comunicazioni socialiCastropignano (CB), 27 settembre 2011

Ultime news

  • descrizione

    Accoglienza delle Suore Orsoline a Colle San Giovanni

    Trivento, 19 settembre 2018Foto e Video
  • descrizione

    Saluto del Vescovo Claudio al mondo della scuola in occasione dell’inizio del nuovo anno scolastico

    Trivento, 13 settembre 2018Vescovo
  • descrizione

    I 10 Comandamenti a Frosolone

    Frosolone, 4 settembre 2018News
  • descrizione

    I giovani della Diocesi di Trivento a Roma con il Papa

    3 settembre 2018Foto e Video
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia