LE PAROLE DEL PAPA ALLA RECITA DELL’ANGELUS | Diocesi di Trivento

La voce del Papa

LE PAROLE DEL PAPA ALLA RECITA DELL’ANGELUS

LE PAROLE DEL PAPA ALLA RECITA DELL’ANGELUS Al termine della Santa Messa celebrata nella Basilica Vaticana a conclusionedel primo incontro internazionale dei Nuovi Evangelizzatori, il Santo PadreBenedetto XVI si affaccia alla finestra del suo studio nel Palazzo ApostolicoVaticano per recitare l’Angelus con i fedeli ed i pellegrini convenuti inPiazza San Pietro per il consueto appuntamento domenicale.
Queste le parole del Papa nell’introdurre la preghiera mariana:

PRIMA DELL’ANGELUS
Cari fratelli e sorelle!
Ieri e oggi ha avuto luogo in Vaticano un importante incontro sul tema dellanuova evangelizzazione, incontro che si è concluso questa mattina con laCelebrazione eucaristica da me presieduta nella Basilica di San Pietro.L’iniziativa, organizzata dal Pontificio Consiglio per la Promozione dellaNuova Evangelizzazione, aveva lo scopo principale di approfondire gli ambiti diun rinnovato annuncio del Vangelo nei Paesi di antica tradizione cristiana, eal tempo stesso ha proposto alcune testimonianze ed esperienze significative.All’invito hanno risposto numerose persone di ogni parte del mondo, impegnatein questa missione, che già il Beato Giovanni Paolo II aveva chiaramenteindicato alla Chiesa come sfida urgente e appassionante. Egli, nella scia delConcilio Vaticano II e di colui che ne ha avviato l’attuazione - il Papa PaoloVI - è stato infatti sia uno strenuo sostenitore della missione ad gentes,cioè ai popoli e ai territori dove il Vangelo non ha ancora posto radici, siaun araldo della nuova evangelizzazione. Sono, questi, aspetti dell’unicamissione della Chiesa, ed è pertanto significativo considerarli insieme inquesto mese di ottobre, caratterizzato dalla celebrazione della GiornataMissionaria Mondiale, proprio domenica prossima.

Come già ho fatto poc’anzi durante l’omelia della Messa, approfittovolentieri di questa occasione per annunciare che ho deciso di indire unospeciale Anno della Fede, che avrà inizio l’11 ottobre 2012 – 50°anniversario dell’apertura del Concilio Ecumenico Vaticano II – e si concluderàil 24 novembre 2013, Solennità di Cristo Re dell’universo. Le motivazioni, lefinalità e le linee direttrici di questo "Anno", le ho esposte in unaLettera Apostolica che verrà pubblicata nei prossimi giorni. Il Servo di DioPaolo VI indisse un analogo "Anno della fede" nel 1967, in occasionedel diciannovesimo centenario del martirio degli Apostoli Pietro e Paolo, e inun periodo di grandi rivolgimenti culturali. Ritengo che, trascorso mezzosecolo dall’apertura del Concilio, legata alla felice memoria del BeatoGiovanni XXIII, sia opportuno richiamare la bellezza e la centralità dellafede, l’esigenza di rafforzarla e approfondirla a livello personale ecomunitario, e farlo in prospettiva non tanto celebrativa, ma piuttostomissionaria, nella prospettiva, appunto, della missione ad gentes edella nuova evangelizzazione.

Cari amici, nella Liturgia di questa domenica si legge ciò che san Paoloscrisse ai Tessalonicesi: "Il nostro Vangelo non si diffuse fra voisoltanto per mezzo della parola, ma anche con la potenza dello Spirito Santo econ profonda convinzione". Questa parola dell’Apostolo delle genti siaauspicio e programma per i missionari di oggi – sacerdoti, religiosi e laici –impegnati ad annunciare Cristo a chi non lo conosce, oppure lo ha ridotto asemplice personaggio storico. La Vergine Maria aiuti ogni cristiano ad esserevalido testimone del Vangelo.

DOPO L’ANGELUS
Un cordiale saluto rivolgo ai pellegrini provenienti dalla Slovacchia,particolarmente agli studenti delle scuole medie cattoliche di Košice eTrebišov. Fratelli e sorelle, cari giovani, vi auguro che il pellegrinaggio aRoma susciti in voi una rinnovata fedeltà a Cristo e una generosa carità versoil prossimo. A tutti la mia particolare benedizione. Sia lodato Gesù Cristo
Cari fratelli e sorelle polacchi. Saluto cordialmente voi tutti e specialmentei partecipanti all’incontro sulla nuova evangelizzazione. Saluto tutti coloroche si dedicano ad essa. Chiediamo allo Spirito Santo che la forza del Vangelopenetri le famiglie, gli ambienti di lavoro, il mondo della cultura, lapolitica, la vita sociale... Che grazie alla nostra testimonianza "la paroladi Dio cresca e si moltiplichi (cfr Act 12, 24). Vi benedico di cuore.

Saluto infine con affetto i pellegrini di lingua italiana, in particolare igiovani del coro "Giovane e Brioso" di Messina, i fedeli di Tropea edi Barletta, il gruppo di Pompieri ciclisti dell’Emilia Romagna, con bicicletted’epoca, l’Associazione Nazionale Insigniti Onorificenze Cavalleresche e ipartecipanti alla manifestazione "Eco-Rally", partita dallaRepubblica di San Marino. A tutti auguro una buona domenica!www.vatican.itRoma, 17 ottobre 2011

Ultime news

  • descrizione

    Ricordo della visita del compianto Mons. Antonio Riboldi a Castelguidone

    Castelguidone, 13 dicembre 2017Foto e Video
  • descrizione

    Nuovi siti di Missio e di Popoli e Missione, diretti da Giulio Albanese

    Trivento, 13 dicembre 2017News
  • descrizione

    La festa di San Nicola a Castel del Giudice

    Castel del Giudice, 7 dicembre 2017Foto e Video
  • descrizione

    L'8 dicembre il Vescovo Claudio presenterà un omaggio floreale alla statua del Cuore Immacolato di Maria

    Trivento, 7 dicembre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia