Domenica di Pentecoste | Commento al Vangelo

Catechesi di Avvento del Vescovo Claudio Palumbo

Su TLT Molise, durante questo periodo di Avvento, potrai seguire le catechesi del Vescovo Claudio ogni sabato sera alle 21.00, oppure in replica la domenica alle 14.30.

Commento al Vangelo

Domenica di Pentecoste

Liturgia: At 2, 1-11; Sal 103; Rm 8, 8-17; Gv 14, 15-16.23b-26Domenica di PentecosteDisse Gesù: Se mi amate, osserverete i miei comandamenti e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre. Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato. Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto.

“Voi mi chiamate Maestro e dite bene”. Così Gesù agli apostoli. Dunque, Gesù è maestro, insegna cose vere e necessarie per la vita e per la salvezza. Ora, prima di tornare al Padre, annuncia un nuovo maestro, lo Spirito, che non solo sarà vicino ai discepoli, ma proprio “dentro” ciascuno di loro. Se Gesù era “con” e “tra” gli apostoli e i discepoli, lo Spirito sarà “in” noi, più intimo a noi di noi stessi. E’ solo a questa profondità, infatti, che si raggiunge la fonte della Parola, laddove essa – Verbo di Dio – scaturisce dal seno del Padre. E’ la vertigine della fede, l’intimità di Dio stesso, il suo nucleo incandescente.

Se “sapienza” è l’altro nome dello Spirito, l’umiltà è l’unica moneta capace di acquistarne, perché il timore di Dio è l’inizio della Sapienza. La sapienza di cui si parla non è la conoscenza presuntuosa, ma il sapore di Dio nella storia e nella vita di ogni giorno. Lo Spirito di Sapienza è il respiro di Dio dentro di noi, l’ossigeno della fede, della speranza e della carità. E’ il punto di vista di Dio – la sua logica, la sua sapienza – sulla vita, sulla storia, sulle relazioni umane. E’ brezza ma anche vento impetuoso che stravolge la vita e fa osare l’impossibile, basta verificarlo nella vita dei dodici, dei martiri, di santi come Francesco, Massimiliano Kolbe, Madre Teresa e tanti altri testimoni ai mass media, ma non allo Spirito. Con lo Spirito tutto si trasfigura: i rapporti, gli affetti, le persone, perché – come dice Paolo – “il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé”.

Il grande teologo russo Sergej Bulgakov, nell’opera Il Paraclito, scrive: “Lo Spirito santo dimora nel mondo. Egli ci è dato! Ma noi attendiamo un nuovo dono della pentecoste universale, una nuova risposta a interrogativi senza risposta, una nuova ispirazione che trasfigurerà la vita e la trascinerà incontro a Cristo che viene. Non avendo lo Spirito, tutta la nostra epoca storica freme per i brividi della morte”. E riferendosi al vangelo di oggi, Bulgakov scrive: “L’ultimo discorso terreno di Cristo espone il mistero trinitario e glorifica la santissima Trinità: è la meraviglia delle meraviglie, il vangelo dei vangeli, la parola più dolce di Gesù dolcissimo”.

La tradizione spirituale dice che sette sono i doni dello Spirito. I sette doni – sapienza, intelletto, consiglio, fortezza, scienza, pietà e timore di Dio – nascono tutti dall’amore e ognuno ci permette di riconoscere le cose divine. La sapienza fa gustare e vedere quanto è buono il Signore. L’intelletto dà il senso delle realtà della fede, ce ne dà una sicurezza amorosa e ce ne fa percepire la bellezza. Il consiglio è l’amore che ci rende attenti a capire come comportarci per essere figli di Dio. La fortezza è la sopportazione e la fermezza calma nelle prove; è la mitezza dell’Agnello immolato e vincitore. La scienza dona l’istintiva capacità di distinguere il bene e il male, percependo la nostra piccolezza e che tutto è nelle mani di Dio. La pietà ci dice fino a che punto Dio è nostro Padre e va amato al di sopra di tutto. Il timore di Dio è la percezione della nostra piccolezza dinanzi alla sua maestà e ci rende docili spingendoci nelle sue braccia.Mons Angelo Sceppacerca23 maggio 2010
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia