Domenica 7 gennaio - Battesimo del Signore | Commento al Vangelo

Catechesi di Avvento del Vescovo Claudio Palumbo

Su TLT Molise, durante questo periodo di Avvento, potrai seguire le catechesi del Vescovo Claudio ogni sabato sera alle 21.00, oppure in replica la domenica alle 14.30.

Commento al Vangelo

Domenica 7 gennaio - Battesimo del Signore

Liturgia: Is 55,1-11; Da Is 12; 1Gv 5,1-9; Mc 1,7-11Domenica 7 gennaio - Battesimo del Signore

In quel tempo, Giovanni proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo». Ed ecco, in quei giorni, Gesù venne da Nàzaret di Galilea e fu battezzato nel Giordano da Giovanni. E, subito, uscendo dall’acqua, vide squarciarsi i cieli e lo Spirito discendere verso di lui come una colomba. E venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento».

In questo "inizio del Vangelo" sta anche Giovanni Battista che raccoglie e sigilla nella sua persona tutta la rivelazione e la profezia che precede Gesù. Senza Gesù le Scritture non sarebbero svelate. Senza la profezia di Israele Gesù non sarebbe annunziato e dato. Giovanni raccoglie il tesoro della profezia e, indicandolo, si china dinanzi a Gesù che battezzerà in Spirito Santo.

Gesù è anonimo in mezzo alla folla accorsa al Giordano da Giovanni. Gesù è in mezzo a noi. Di lui il Vangelo non dice nulla; solo lui vede aprirsi il cielo e lo Spirito che scende come una colomba. Anche la voce dal cielo forse l'ha udita da solo: "Tu sei il Figlio mio, l'amato: in te ho posto il mio compiacimento". Certamente è solo ad essere sospinto dallo Spirito nel deserto, quasi un esilio. Quaranta giorni stanno per la durata di una generazione, quasi una vita intera. Gesù è con noi anche nella povertà del deserto, subendo la prova e l'esposizione al male con la tentazione di Satana. Gesù in tutto come noi, ma non nel peccato.

È la festa del Battesimo di Gesù, inizio della sua vita pubblica, inaugurazione della sua missione salvifica. Il primo gesto pubblico di Gesù è quello di mescolarsi ai peccatori che vanno a farsi battezzare da Giovanni Battista al fiume Giordano. L'incomparabilmente Santo si unisce ai peccatori. Colui che è una sola cosa con Dio si fa uno con chi si è allontanato da Dio. In questo modo Gesù mostra il vero volto di Dio. Dio è misericordioso e vuole vincere con il suo amore il rifiuto e la resistenza dell'uomo. Dio è Padre.

Lo Spirito muove Gesù subito dopo il battesimo. All'amore dichiarato dal Padre Gesù risponde con l'obbedienza alla guida dello Spirito. L'unica risposta possibile. In sole poche parole Marco mostra il legame assoluto di Gesù con Israele e nello stesso tempo lo presenta nella potenza e unicità della sua Persona; egli è di Nazareth (come uno qualsiasi) ed è l'unigenito Figlio di Dio.

Gesù vede i cieli aperti e lo Spirito che scende su di lui come colomba. I cieli aperti dicono che è riparata la ferita, annullata la separazione tra il cielo e la terra; dicono del nuovo incontro tra Dio e il mondo, come fu con la colomba dell'arca dopo il diluvio quando trovò finalmente la terra su cui posarsi.

"Tu sei il Figlio mio, l'amato: in te ho posto il mio compiacimento". È la parola fondamentale. Ad essa portano i trent'anni di vita nascosta a Nazareth e tutto il seguito della sua vicenda terrena, dall'immersione nella morte all'uscita nella resurrezione. A questa parola, anche per noi, porta tutta la nostra vicenda, qualunque sia stata o possa essere. Gesù è il figlio amato, nel quale Dio si è compiaciuto. Gesù è l'uomo vero, l'uomo nuovo, il nuovo Adamo. Le parole rivolte a Gesù lo sono anche a tutti noi, amati dal Padre. E lo Spirito che scende in forma di colomba evoca la tenerezza amorosa del Padre che si china sul Figlio come una colomba si avvicina ai suoi piccoli.

Il vero battesimo di Gesù sarà la sua morte in croce. Anche allora il centurione, per primo, proclamerà la stessa parola del Padre: "Veramente quest'uomo era Figlio di Dio!". Gesù morirà tra due ladroni, ma già all'inizio della sua vita si è messo in fila con i peccatori.

Mons Angelo Sceppacerca7 gennaio 2018
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia