1 gennaio - MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO | Commento al Vangelo

Catechesi di Avvento del Vescovo Claudio Palumbo

Su TLT Molise, durante questo periodo di Avvento, potrai seguire le catechesi del Vescovo Claudio ogni sabato sera alle 21.00, oppure in replica la domenica alle 14.30.

Commento al Vangelo

1 gennaio - MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO

Liturgia: Nm 6, 22-27; Sal 66; Gal 4,4-7; Lc 2,16-211 gennaio - MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO

I pastori trovarono Maria e Giuseppe e il bambino. Dopo otto giorni gli fu messo nome Gesù

In quel tempo, [i pastori] andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro.
Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore.
I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com'era stato detto loro.
Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall'angelo prima che fosse concepito nel grembo.

È il primo giorno dell'anno civile. Tutti augurano un buon anno. Anche la Chiesa: "Ti benedica il Signore e ti protegga. Il Signore faccia brillare il suo volto su di te e ti sia propizio. Il Signore rivolga su di te il suo volto e ti dia pace". L'augurio della Chiesa è una benedizione. Invocarla significa aprirsi alla presenza misericordiosa di Dio e da lui attendere il dono della pace, intesa come pienezza di vita, come riconciliazione con Dio, con gli altri, con le cose e con se stessi.

Inizia l'anno dinanzi al volto di una giovane donna che ha partorito nella verginità. Il Vangelo mostra la scena di una famiglia ebrea, povera. I visitatori sono pastori, gente rude e di basso livello sociale, la culla per un primogenito è una mangiatoia. Quel neonato, però, è il Figlio di Dio, il Salvatore del mondo, l'atteso dalle genti. Torniamo a contemplare la giovane madre che presto la Chiesa chiamerà Theotokos, Madre di Dio. Se è doloroso vivere senza padre, lo è di più senza madre. In Maria, il Figlio ci ridona la figliolanza divina e, attraverso la Madre, ritroviamo anche il Padre. Si ricompone così la famiglia umana lacerata fin dalla genesi. Sarà anche per questo che il primo giorno dell'anno è dedicato alla pace. La giornata della pace è messa in cima a tutti i giorni dell'anno, perché ogni giorno sia tempo di pace.

La promessa dell'angelo al momento dell'annuncio (il figlio che nascerà sarà grande e chiamato Figlio dell'Altissimo) e il fatto di esser diventata Madre di Dio sembrano contraddetti dal luogo e dalle circostanze (una stalla, una greppia per animali); ma ai pastori questo basta e lo raccontano pieni di stupore. Solo Maria resta in silenzio: vede, medita e conserva tutto nel cuore.
Il Bambino è il punto di incontro fra la terra e il cielo, il capolavoro della misericordia di Dio. La pace sulla terra è il riflesso della gloria di Dio.

Facciamo attenzione ai verbi del Vangelo. I pastori, dopo aver udito, andarono, videro, riferirono e tornarono alle loro occupazioni lodando Dio. Dalla loro testimonianza venne lo stupore di quelli che udirono. Dopo l'udire c'è l'andare, quindi il vedere; infine il lodare. La fede è un cammino di obbedienza all'annuncio e alla bellezza. Cosa c'è di più bello, infatti, da comunicare se non una bella notizia? E la notizia, oggi, della pace?

Il Signore ci conceda la pace per intercessione di Maria che oggi celebriamo come Madre di Dio. "Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio, santa Madre di Dio: non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova e liberaci da ogni pericolo, o Vergine gloriosa e benedetta". Così recita una preghiera mariana, forse la più antica, del terzo secolo.

Queste, invece, le parole in preghiera di Paolo VI: "Tutta la Chiesa riconosce il legame tra la tua divina maternità, o Maria, e la pace. Quella pace che è venuto a portare al mondo il tuo figlio, Gesù Cristo, il nuovo Adamo. In lui e per lui tutti gli uomini sono fratelli e tu Maria, nuova Eva, divieni la madre di tutti i viventi, la nostra Madre amatissima. Madre del Cristo Re, Principe della pace, tu, Maria, divieni per ciò stessa Regina e Madre della pace. A te, Maria, intendiamo affidare la causa della pace in tutto il mondo. Maria, Regina della pace, intercedi per noi".

Mons Angelo Sceppacerca1 gennaio 2020
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia