CORSO DI SENSIBILIZZAZIONE ALL'APPROCCIO ECOLOGICO SOCIALE AI PROBLEMI ALCOLCORRELATI E COMPLESSI (METODOLOGIA HUDOLIN) 18-23 GIUGNO 2007 | News

News

CORSO DI SENSIBILIZZAZIONE ALL'APPROCCIO ECOLOGICO SOCIALE AI PROBLEMI ALCOLCORRELATI E COMPLESSI (METODOLOGIA HUDOLIN) 18-23 GIUGNO 2007

CORSO DI SENSIBILIZZAZIONE ALL'APPROCCIO ECOLOGICO SOCIALE AI PROBLEMI ALCOLCORRELATI E COMPLESSINella settimana dal 18 al 23 giugno 2007 si è svolto a Trivento presso il centro polifunzionale diocesano il corso di sensibilizzazione all'Approccio Ecologico Sociale ai Problemi Alcolcorrelati e Complessi (Metodologia Hudolin). Il corso è stato organizzato in collaborazione con l'AICAT (Associazione Italiana Club Alcolisti Trattamento), ARCAT Puglia , Unità di Alcologia - Clinica Medica "A. MURRI", CSDPA di Trento, A.S.R.E.M. - zona di Campobasso, Ser.T A.S.R.E.M. - zona di Campobasso, Comune di Trivento, Caritas Italiana, Caritas Diocesana Campobasso-Boiano, Caritas Trivento, Associazione "Carità per l'uomo". Al corso hanno partecipato n.42 corsisti provenienti dalla province di Campobasso, Isernia, Benevento, Chieti, Avellino. Si ringraziano le famiglie e i servitori insegnanti dei club degli alcolisti in trattamento dei club di Campobasso, Isernia, Termoli, Vinchiaturo e Duronia per aver collaborato a questo corso accogliendo nelle riunioni settimanali i partecipanti al corso.Un ringraziamento particolare va alla Caritas Italiana, alla Caritas di Trivento, alla Caritas Diocesana di Campobasso e all'Associazione "Carità per l'uomo". Si ringraziano, inoltre, il Direttore del corso Maria Teresa Salerno, il Codirettore Angelica Romanelli, i conduttori Aurora Curnis , Vitantonio Campanile, Maria Elena Tufano, Stefania Pirazzo e i coconduttori Anna Morsella e Nicola Mottola. Un ringraziamento particolare va infine a Maria Antonietta Viglione che si è occupata del lavoro di segreteria, per il suo impegno e la sua disponibilità. Il nostro pensiero va anche al Prof. Vladimir Hudolin, che ricordiamo sempre con profondo affetto e gratitudine: semza il suo impegno di tutta una vita non sarebbe stato possibile realizzare questo corso, così come i programmi in tutta Italia. Un grazie infine a tutti i corsisti i quali hanno reso possibile il successo di questo corso, sotto il profilo dei risultati sia professionali che umani. Durante la settimana i corsisti hanno avuto la possibilità di conoscere e discutere il metodo Hudolin che da oltre 20 anni offre una possibilità di cambiamento alle famiglie con problemi alcolcorrelati e all'intera comunità. Il Club degli Alcolisti in Trattamento significa apertura e fiducia verso l'altro, condivisione e solidarietà. Ogni menbro di club migliora se stesso cambiando il proprio stile di vita attraverso la protezione e promozione della salute propria, della famiglia e della comunità di appartenenza. Il servitore insegnante condivide il percorso del club ponendosi in una posizione paritaria e di reciprocità. Il clima di profonda empatia che si è creato ha portato a concludere che è necessario "passare dall'emozione di condividere, alla responsabilità di volersi assumere degli impegni". I contenuti trasmessi nelle lezioni, nelle tavole rotonde, nelle comunità, nei gruppi con il conduttore ed autogestiti, hanno stimolato le seguenti conclusioni: 1. la forza del club è la comunicazione intesa come opportunità di parlare, certezza di essere ascoltati, condivisione di esperienze personali, assenza di giudizio e cambiamento individuale e collettivo; 2. la visita ai club ha permesso ai corsisti di vivere forti emozioni e di prendere consapevolezza di una realtà a loro poco conosciuta; 3. pur nella difficoltà e nella fatica e pur partendo da età, storie, professioni ed esperienze diverse il corso ha permesso scambi, condivisioni e stimoli di crescita; 4. ci auguriamo che la visita dei corsisti ai club abbia favorito un'apertura alla comunità di appartenenza attraverso una accettazione reciproca; 5. abbiamo visto che la sofferenza può diventare una opportunità per iniziare un processo di cambiamento al fine di una scoperta di valori nuovi e sopiti; 6. così come l'OMS dice da diversi anni, i corsisti condividono che il consumo di bevande alcoliche è un comportamento a rischio. Alcuni obiettivi che il corso propone: 1. programmi per la riduzione dei consumi di bevande alcoliche nel nostro territorio regionale attraverso la realizzazione di scuole alcologiche territoriali e momenti di sensibilizzazione alla popolazione (es. festa analcolica, bar analcolici, ecc) sollecitando ed individuando le risorse sia pubbliche che private del territorio; 2. realizzazione di progetti di prevenzione e promozione della salute a partire dalle scuole primarie; 3. apertura di nuovi club e moltiplicazione di alcuni club già presenti sul territorio al fine di offrire un numero significativo di nuove "porte aperte" alle famiglie con problemi alcolcorrelati; 4. obiettivi per il 2007: a) nascita di almeno due nuovi club nella zona dell'alto Molise, in particolare nei comuni di Trivento ed Agnone, entro la fine dell'anno; b) realizzazione di S.A.T. di III� modulo nei paesi del territorio meno sensibilizzati alle problematiche alcolcorrelate. È indetta una riunione di tutti i corsisti per il giorno 30 giugno, alle ore 17.00, presso il centro polifunzionale diocesano di Trivento, sede del corso. I corsisti provenienti dalle altre regioni verranno messi in contatto con le A.R.C.A.T. di appartenenza. Per una maggiore diffusione, le presenti conclusioni sono inviate all'A.I.C.A.T., all'A.R.C.A.T. Molise , alla Regione Molise, all'A.S.R.E.M zona di Campobasso, alla Caritas Diocesana di Trivento, alla Caritas Diocesana di Campobasso e saranno pubblicate sulle riviste "Camminando insieme" e "Centro Club" dei Club del Trentino.a cura di don Alberto ContiTrivento (CB), 9 luglio 2007

Ultime news

  • descrizione

    Nel Santuario di San Gabriele l’incontro annuale dei sacerdoti di Abruzzo e Molise

    Isola del Gran Sasso d'Italia, 16 ottobre 2017News
  • descrizione

    Le Comunità Neocatecumenali salutano il nuovo Vescovo Claudio

    Trivento, 13 ottobre 2017News
  • descrizione

    Frosolone: Don Luigi Ciotti ricorda Rita Atria in un incontro che fa memoria delle stragi di Capaci e via D'Amelio

    Frosolone, 11 ottobre 2017News
  • descrizione

    Una chiacchierata tra Alda Belletti e Don Costantino Carnevale

    Capracotta, 10 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia