Da Gerusalemme ad Emmaus e ritorno: la piccola grande crociera spirituale dei discepoli di Gesù! | Diocesi di Trivento

Riflessioni

Da Gerusalemme ad Emmaus e ritorno: la piccola grande crociera spirituale dei discepoli di Gesù!

“Due di loro erano in cammino per un villaggio di nome Emmaus" (Luca 24, 13).

Emmaus: in Palestina ci sono due luoghi con questo nome, ma, di preciso, non si sa quale sia il vero villaggio citato dal racconto di Luca. In verità non sappiamo neanche se quei due discepoli abitassero proprio ad Emmaus o lì facevano una sosta notturna, per riprendere il cammino il giorno dopo. Comunque sia, mi viene da pensare e da supporre che quel loro andare sia proprio come una specie di fuga psicologica: essi sono ben contenti di allontanarsi dagli amici, di fuggire da Gerusalemme e non hanno nessuna voglia di parlare con nessuno, visto tutto quanto di drammatico e angosciante vi era accaduto.

Sembra essere, così, il cammino verso Emmaus, triste e pieno di sconforto, il simbolo del nostro stato d'animo, del nostro evadere facilmente e precipitosamente dalla realtà, allorquando siamo in preda alla stanchezza, alla paura o alla desolazione? L'uomo desolato, oggi più che mai è tentato, sta in bilico sul crinale della depressione, vive un acuto senso di fallimento: sente che sta crollando ciò che pensava di avere costruito nella vita e tutto ciò a cui ha creduto gli si sta rivelando illusorio. Anche se alcune volte la depressione è dovuta a circostanze precise, il più delle volte si potrebbe parlare di un vuoto psicologico che come primo forte impulso, in questi casi, spinge spesso a lasciare tutto e a fuggire altrove.

Che fare, come comportarsi quando ci troviamo in simili occasioni? Possiamo prendere l’esempio da alcuni santi. San Girolamo ha vissuto momenti difficili, era tormentato da molte tentazioni, ma in tutto ciò non lo aiutava affatto la fuga dal mondo. Egli ricorreva sempre alla lettura della Scrittura. Lo stesso sant'Agostino racconta di avere vissuto un'esperienza particolare: durante una profonda crisi in cui non riusciva a fare chiarezza nei pensieri del suo cuore, sentì come una voce: "Prendi la Scrittura e leggi!".

In effetti la Scrittura contiene la parola di Dio: è la stessa Parola che ha creato l’universo e che ha creato anche la nostra anima e che parla nella nostra coscienza. Quando leggo i testi del libro sacro, devo percepire chiara la loro affinità con la mia anima. E così le parole della Scrittura per il mio cuore sono meglio e di un balsamo e di qualsiasi medicina. Esse mitigano il dolore e ridanno la giusta direzione ai miei pensieri. Non solo, ma la mia stessa esperienza di vita, gioiosa o tragica che sia, una volta proiettata nella Bibbia, mi può dare una comprensione più profonda e più vera del testo sacro stesso. L'anima e la Scrittura, in piena armonia, in profonda sintonia, mi insegnano a conoscere meglio la realtà della vita, il mondo che mi circonda. Molto semplicemente, avviene proprio come quando si è stanchi per il troppo camminare: basta mangiare un pezzo di pane e bere un sorso d’acqua fresca e ritornano subito tutte le forze, per continuare ad andare avanti, ben rifocillati e confortati. Si riesce più facilmente, così, a guardare meglio il sole che esiste davanti, nella propria vita, e a dimenticare le ombre che restano dietro. Si capisce che ogni fiore che sboccia è molto più importante di tutti i petali già caduti. Ci si convince che ogni sguardo d’amore può portare con sé tutto il calore che è in grado di riscaldare i prossimi freddi dei lunghi inverni.

Così è sempre per ogni cristiano se, proprio come i discepoli di Emmaus, si accosta all’unica mensa della Parola e dell’Eucaristia: quando si è uniti a Cristo, il Risorto, il cammino della vita è meno triste, non fa più paura e si riescono a vincere tutte le debolezze e, perfino, lo stesso terrore della morte.

don Mimì Faziolidi don Mimì FazioliTrivento (CB), 1 aprile 2008

Ultime news

  • descrizione

    Ricordo della visita del compianto Mons. Antonio Riboldi a Castelguidone

    Castelguidone, 13 dicembre 2017Foto e Video
  • descrizione

    Nuovi siti di Missio e di Popoli e Missione, diretti da Giulio Albanese

    Trivento, 13 dicembre 2017News
  • descrizione

    La festa di San Nicola a Castel del Giudice

    Castel del Giudice, 7 dicembre 2017Foto e Video
  • descrizione

    L'8 dicembre il Vescovo Claudio presenterà un omaggio floreale alla statua del Cuore Immacolato di Maria

    Trivento, 7 dicembre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia