Crociata: «L'impegno educativo al centro della nostra missione» | Diocesi di Trivento

News

Crociata: «L'impegno educativo al centro della nostra missione»

Crociata: «L'impegno educativo al centro della nostra missione»

Mons. Crociata, interpellato da alcuni giornalisti sul disegno di legge sulle intercettazioni, in discussione al Senato, afferma che la Chiesa «intende concorrere con un contributo pastorale al bene del paese» ed esprime l'auspicio che i beni in gioco siano, equilibratamente, salvaguardati tutti. «È un'esigenza che esprime il sentire del nostro popolo».

Per quel che riguarda la pedofilia in Italia il prelato ha detto: «La Chiesa è ferita dopo le vittime e con le vittime perché queste eccezioni gravissime distorcono quello che la totalità dei fedeli e dei sacerdoti svolgono in modo costruttivo, esemplare se non eroico».

Dal quotidiano Avvenire:

Non è sicuramente l’unico argomento fin qui emerso nel corso della 61ª Assemblea generale della Cei (che tra l’altro ha al centro dei suoi lavori l’impegno educativo per i prossimi dieci anni, «vero fulcro della missione della Chiesa». Ma è quello che più ha attratto l’attenzione dei giornalisti. Così, leggendo i resoconti della conferenza stampa tenuta ieri dal segretario generale della Cei, monsignor Mariano Crociata, si potrebbe avere l’impressione che solo di pedofilia si stiano occupando i vescovi in questi giorni. In realtà il presule – pur non tirandosi indietro anche quando si è trattato di fornire alcuni dati sulla situazione italiana («sono un centinaio i casi di abusi sessuali da parte di sacerdoti rilevati da procedimenti canonici in Italia negli ultimi dieci anni») – ha tenuto a precisare che « sarebbe una distorsione profonda dell’ottica con cui guardare alla vita della Chiesa nel suo insieme, prenderla in considerazione solo da questa prospettiva».

Il segretario generale della Cei ha quindi affermato: «La Chiesa in realtà è ferita da questi fatti in se stessa e insieme alle vittime. La totalità dei credenti, e tra essi degli educatori, svolge ordinariamente in maniera valida, positiva, spesso esemplare e qualche volta in modo eroico il proprio servizio. Pertanto è importante porre nella giusta luce questo fenomeno».
E la giusta luce consiste ad esempio nel dire che «la Chiesa riconosce l’assoluta drammaticità e gravità del fenomeno e ribadisce il proprio impegno ad affrontare i casi che si presentino. Al contempo esprime l’impegno costante in campo educativo e formativo, che costituisce il centro della sua missione, impegno che assorbe, possiamo dire, la totalità della sua vita e del "personale" religioso, ecclesiastico e laico».

Anche i fedeli sono sulla linea dei vescovi, ha riferito il segretario generale della Cei. Una maturità cristiana che si esprime, ha detto il presule rispondendo a una precisa domanda, «nel fatto che non abbiamo notizie di abbandoni o di cali di iscrizioni». «Il popolo dei credenti – ha sottolineato, infatti, il vescovo – prova orrore per queste cose, vuole chiarezza perché i fatti siano affrontati e risolti, perché la vita della Chiesa possa crescere in qualità». La questione pedofilia, dunque, «può essere l’occasione per un salto di qualità».

A tal proposito monsignor Crociata ha anche riferito che «è volontà dei vescovi accompagnare chi vive questi problemi, tanto le vittime quanto i sacerdoti che ne fossero responsabili con gli strumenti necessari ed adeguati. Una volontà quindi di farsi carico di tutti».

In risposta a un’altra domanda il presule ha poi detto che non c’è bisogno in Italia di alcuna Commissione speciale perché le indicazioni della Lettera del Papa ai cattolici d’Irlanda e le linee guida della Congregazione per la dottrina della Fede «contengono tutti gli elementi necessari». Crociata ha inoltre assicurato che nonostante la legge italiana non prevede l’obbligo di denuncia, «ciò non esclude la cooperazione che consiste nel render possibile in tutti i modi l’accertamento dei fatti», anche attraverso la testimonianza giudiziale di un vescovo, «fatto del tutto ordinario». In ogni caso «i vescovi italiani hanno mostrato di non sottovalutare il fenomeno» e «non ci sono stati casi di trascuratezza nella vigilanza».

Una domanda anche sulla legge per le intercettazioni. Crociata non è entrato nel merito, ma ha auspicato che i beni in gioco – i singoli individui, l’ordinamento della giustizia, le esigenze della solidarietà e giustizia nella vita sociale, l’informazione – siano il più possibile, insieme ed equilibratamente, salvaguardati tutti». Quanto al 150° dell’unità d’Italia, «i cattolici – ha concluso – contribuiranno, come sempre, in tutte le forme possibili, al bene del Paese».
Mimmo Muolo

La Conferenza episcopale italiana esprime l'auspicio che i diversi interessi in gioco con la legge sulle intercettazioni «siano equilibratamente salvaguardati tutti». «Rispettiamo quel che il popolo italiano decide attraverso il governo e il parlamento», ha detto ai giornalisti il segretario generale della Cei, mons. Mariano Crociata, a margine dell'assemblea generale dei vescovi in corso in Vaticano.

«Non ci permettiamo di intrometterci», ha detto Per quanto riguarda la questione pedofilia tra il clero, Crociata ha precisato che sono «un centinaio» i casi di abusi sessuali commessi da sacerdoti «rilevati in Italia con procedimenti canonici nell'ultimo decennio». Il segretario della Cei ha anche ricordato che nella legislazione penale vigente in Italia non c'è un esplicito obbligo di denuncia da parte dei vescovi. «Evidentemente - ha aggiunto - ciò non esclude la cooperazione la collaborazione con le autorità civili per accertare in tutti i modi i fatti, nè l'incoraggiamento alla denuncia da parte delle vittime». E «il fatto che un vescovo possa testimoniare a un processo è una cosa del tutto ordinaria se questo aiuta la conoscenza più completa dei fatti».
Sull'impatto dello scandalo pedofilia in Italia, Crociata non esclude che «non ci sia qualcuno che si faccia domande ma, senza intaccare l'assoluta drammaticità e gravità del fenomeno, va sottolineato che l'impegno che la Chiesa mette nell'affrontare i casi che si sono presentati e si presentano esprime l'impegno costante che la Chiesa mette sul piano educativo e nello svolgimento della sua missione». Lo scandalo, per la Chiesa italiana, può favorire anzi «un salto di qualità, non per la paura e lo smarrimento: questo è il sentire profondo del popolo cristiano, questa è la realtà che noi percepiamo».

AvvenireRoma, 26 maggio 2010

Ultime news

  • descrizione

    Concerti nelle chiese: trent'anni d'allegra anarchia

    15 novembre 2017News
  • descrizione

    Sabato 21 ottobre c'è stato il primo incontro di preghiera e di meditazione del Vescovo Claudio con le religiose della Diocesi di Trivento

    Trivento, 26 ottobre 2017News
  • descrizione

    Conferenza in occasione dei 500 anni dall’inizio della Riforma protestante

    Vasto, 26 ottobre 2017News
  • descrizione

    Il nuovo parroco di Pietracupa don Simone Iocca

    Pietracupa, 21 ottobre 2017Foto e Video
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia