IL REGALO PIU’ BELLO: NEL 72° ANNO DI ETA’, 70 BATTESIMI! | Diocesi di Trivento

News

IL REGALO PIU’ BELLO: NEL 72° ANNO DI ETA’, 70 BATTESIMI!

IL REGALO PIU’ BELLO: NEL 72° ANNO DI ETA’, 70 BATTESIMI!

Carissimi amici,
Il mese di settembre mi regala il 72° anno di età e mi traghetta nel 73°. Unito a voi, con cui da anni si è stabilita una corrente di profonda amicizia, ne ringrazio il Signore. So che troppo spesso la parola “grazie!” è abusata e perciò mi lascio scivolare nel cantico della Vergine, per dire con Lei: “Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente e Santo è il suo nome”.

Due anni fa, rientrando dall’Italia dopo l’operazione all’anca sinistra, mi ero portato dietro alcuni libri, che mi accompagnassero nella riflessione in questa fase particolare della mia vita, sempre più aperta alla parusia, al maranà tha: vieni, Signore Gesù! Tra essi c’era “L’Uomo dell’Apocalisse” di U. Vanni, S.J. E’ un volume di 450 pagine e richiede lunghe pause di silenzio nella lettura. Proprio in uno di questi giorni, da una pagina, ho letto queste righe che mi hanno fatto riflettere e che propongo perciò anche a voi.

“Il dinamismo del regno comporta, da una parte, la constatazione che il mondo della storia deve cambiare e, dall’altra, che un cambiamento radicale avverrà solo sotto l’influsso di Cristo. In fondo, qui si tratta della spinta escatologica, una dimensione irrinunciabile della vita cristiana, che è alimentata dalla speranza. Se tale spinta venisse meno, la vita cristiana perderebbe il suo mordente, con il rischio di assolutizzare il presente. Si rischierebbe allora di scambiare il regno completo con un segmento di storia che gli può somigliare”.

Dopo questa breve premessa introduttiva, vengo a parlarvi dell’evento di questi giorni. Domenica, 18 settembre, dopo un percorso che varia dai 5 ai 7 anni, 70 catecumeni hanno ricevuto i sacramenti della iniziazione cristiana per mano del vescovo di Khulna, Mons. Bejoy D’Cruze, O.M.I. I candidati erano 75, ma nell’ultimo scrutinio abbiamo ritenuto opportuno che una famiglia ritardasse ancora di qualche anno. Era in programma di conferire il battesimo in occasione della consacrazione della nuova chiesa, il prossimo 28 ottobre. Poi abbiamo creduto opportuno separare i due avvenimenti. Così approfittando della venuta del vescovo a Chuknagar per il saluto di addio, abbiamo anticipato la data al 18 settembre.

Come già vi accennavo in precedenza, l’attuale vescovo di Khulna è stato prescelto e inviato dal S. Padre a fondare una nuova diocesi nel Sylhet, una regione che si trova nel Nord-Est del Bangladesh. Nella Pasqua del 2006, quando il primo gruppo di 51 catecumeni ricevette il battesimo, non disponendo ancora di una struttura conveniente, ci recammo in cattedrale, a 30 km di distanza da Chuknagar. Partimmo alle 9 si sera e giungemmo in tempo per la veglia pasquale. All’alba del mattino di Pasqua eravamo di ritorno alla missione.
La prima volta quindi fummo noi ad andare da vescovo. Questa volta è stato il vescovo a venire da noi ed è stato un evento che ci ha riempito il cuore di gioia, una gioia che trasborda ed arriva fino a voi, cari amici, che in tutti questi anni ci avete seguiti con fede e amore. La cerimonia si è svolta nel salone del nuovo edificio, dedicato a S. Guido Maria Conforti. Le pareti piene di luce riflettevano lo splendore della luce di Cristo, venuto a insediarsi nel cuore dei nostri fuori-casta, per comunicare loro la dignità dei figli di Dio.

Alla cerimonia del battesimo è seguito un piccolo trattenimento durante il quale la nostra piccola comunità di neofiti, attraverso canti, danze e scenette, ha voluto esprimere la propria gratitudine al pastore della diocesi, che li ha uniti a Cristo nel battesimo rendendoli partecipi della dignità regale, sacerdotale e profetica.

Come spesso ripeto ai miei, il battesimo segna non la fine, ma l’inizio di un cammino. Ad illuminare il cammino c’è stata consegnata una luce, che è la luce di Cristo. “Così risplenda la vostra luce dinanzi agli uomini perché vedano le vostre opere buone e glorifichino il Padre vostro che è nei cieli”. Con questo augurio vi lascio, cari amici, dandovi appuntamento al prossimo incontro.

P. Antonio Germano Das sxChuknagar (Bangladesh), 29 settembre 2011

Ultime news

  • descrizione

    Concerti nelle chiese: trent'anni d'allegra anarchia

    15 novembre 2017News
  • descrizione

    Sabato 21 ottobre c'è stato il primo incontro di preghiera e di meditazione del Vescovo Claudio con le religiose della Diocesi di Trivento

    Trivento, 26 ottobre 2017News
  • descrizione

    Conferenza in occasione dei 500 anni dall’inizio della Riforma protestante

    Vasto, 26 ottobre 2017News
  • descrizione

    Il nuovo parroco di Pietracupa don Simone Iocca

    Pietracupa, 21 ottobre 2017Foto e Video
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia