Venticinque anni fa Giovanni Paolo II beatificava monsignor Antonio Lucci nativo di Agnone e Vescovo di Bovino | Diocesi di Trivento

News

Venticinque anni fa Giovanni Paolo II beatificava monsignor Antonio Lucci nativo di Agnone e Vescovo di Bovino

Venticinque anni fa Giovanni Paolo II beatificava monsignor Antonio Lucci nativo di Agnone e Vescovo di Bovino Proprio perché mons. Antonio Lucci spese tutta la sua vita in favore dei poveri la comunità di Agnone festante ne ricorda solennemente, con un convegno storico-religioso, che avrà luogo nella bella ed artistica chiesa di San Marco evangelista, il 24 luglio pomeriggio, alle 17.30, il 25esimo anno dalla beatificazione di monsignor Antonio Lucci, che era nato in Agnone esattamente il 2 agosto del 1682 e morto a Bovino il 25 luglio 1752.

Il vescovo francescano beato Antonio Lucci, un vescovo indebitato fino al collo per fare la carità ai poveri. Infatti tanto divenne povero lui stesso e allo stesso tempo fiducioso nella Provvidenza, che lasciò in eredità... solo debiti! Di lui così scrive succintamente il Martirologio: si venera a Bovino in Puglia il beato Antonio Lucci, vescovo, dell’Ordine dei Frati Minori Conventuali, che rifulse per la sua straordinaria dottrina e fu tanto generoso nell’assistere i poveri, da non badare neppure alle proprie necessità.

Per l’occasione la cittadina alto molisana ricorda il beato, che si è distinto durante la sua vita per opere di carità verso i più poveri: infatti il beato Lucci è stato il vescovo che generosamente devolse tutto il suo reddito episcopale a favore di opere di educazione e carità, in una Puglia martoriata dalla miseria e dalle malattie, tanto che a ben ragione fu dai suoi contemporanei definito “il padre dei poveri”.

Fortunatamente molti di noi ancora oggi ricordano la meravigliosa giornata del 18 giugno del 1989, quando in piazza San Pietro a Roma beatificarlo fu Papa San Giovanni Paolo II, di recente anche lui canonizzato, che se ne uscì con quella simpatica ed incisiva espressione “i santi non invecchiano mai e, perciò, non cadono in prescrizione”.

La gloriosa città di Agnone vuole onorare questo suo figlio eccezionale con le celebrazioni religiose in preparazione alla festa che si svolgono nella Chiesa di San Marco e con un interessante Convegno, durante il quale a parlare del beato Antonio Lucci, oggi pomeriggio, sarà il canonico don Erminio Gallo, direttore dell’archivio storico della diocesi di Trivento, dottorando in Storia della Chiesa e fine conferenziere, il quale si soffermerà nel racconto della vita del beato; seguirà la conferenza di padre Domenico Paoletti, preside della Pontificia Facoltà Teologica San Bonaventura” a Roma, il quale spiegherà la “teologia e spiritualità di monsignor Antonio Lucci.

Sono previsti interventi anche dell’eccellentissimo Vescovo della Diocesi di Trivento Domenico Angelo Scotti e del sindaco di Agnone Michele Carosella. Ufficio comunicazioni sociali26 luglio 2014

Ultime news

  • descrizione

    Le foto della conferenza della Prof.ssa Sr. Mary Melone

    Agnone, 25 aprile 2018Foto e Video
  • descrizione

    Un dono da Bakary Sohna del Gambia al vescovo di Trivento Claudio Palumbo

    Schiavi, 24 aprile 2018News
  • descrizione

    Giornata di spiritualità del 22 aprile 2018 a Castelpetroso

    Castelpetroso, 24 aprile 2018News
  • descrizione

    Un dono da Bakary Sohna del Gambia al vescovo di Trivento

    Schiavi d'Abruzzo, 24 aprile 2018Foto e Video
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia