Se il chicco di grano caduto in terra | Diocesi di Trivento

News

Se il chicco di grano caduto in terra

Una foto di don Antonino Scarano

Nella serata di giovedì 1° marzo è morto don Antonino Scarano, arcidiacono del capitolo della Cattedrale, economo della Curia Vescovile e rettore spirituale della Chiesa di Sant’Antonio di Padova.

E’ stata un morte improvvisa ed imprevedibile, il suo cuore non ha retto anche se agli inizi di gennaio don Antonino aveva fatto gli accertamenti di routine in ospedale e tutti i risultati erano stati più che lusinghieri.

Don Antonino era nato a Trivento il 27 ottobre 1945, era entrato in Seminario il 1° ottobre 1956, era stato ordinato sacerdote il 13 giugno 1970 da mons. Pietro Santoro; aveva partecipato attivamente per 3 anni alla comunità presbiterale di Castiglione M. Marino, successivamente era rientrato a Trivento come vice-rettore economo nel Seminario Vescovile, dopo di che, alla morte di don Furio Fiocca nel 1978, era diventato parroco di Santa Croce fino al 1992, allorquando fu nominato amministratore economico in Curia e lo è stato, brillantemente, fino all’ultimo giorno, nonostante i segni di un grave infarto nel 1997 e di una forte broncopolmonite nel 2016.

Mons. Scotti avendo ricostituito di recente il Capitolo dei canonici della Cattedrale lo aveva insignito della dignità di Arcidiacono.

Noi commossi e grati partecipiamo al dolore del fratello Francesco, dei cognati, dei nipoti, dei parenti tutti e, in particolare, della signora Peppinella (che amorevolmente lo ha assistito come una mamma).

Invitiamo i consacrati e i fedeli a chiedere al Signore per don Antonino il premio della pienezza eterna della vita che Cristo Signore ha promesso ai servi buoni e fedeli del Vangelo.

La camera ardente è approntata nella chiesa di Sant’Antonio di Padova ove alle ore 21.00 di venerdì ci sarà una veglia di preghiera.

I funerali, presieduti dal nostro Vescovo Claudio, ci saranno in Cattedrale sabato 3 marzo alle ore 10.30.

A seguire anche i due manifesti fatti affiggere dalla Curia Vescovile

 

“... se il chicco di grano caduto in terra
non muore rimane solo,
se invece muore produce molto frutto”.
(Gv 12,24)

Il Vescovo Claudio e tutti i Canonici del Capitolo della Cattedrale
comunicano che il Signore ha chiamato a sé il

Sacerdote
Don ANTONINO SCARANO
Arcidiacono

che per quarantotto anni è stato, umilmente e generosamente, fedele testimone del Vangelo e ministro dei sacramenti in questa Chiesa particolare che è in Trivento, lo affidano al Padre della misericordia perché, con la serietà con la quale lo ha servito qui in terra, gli doni pienezza di vita nel suo Regno di amore e di pace e ai suoi familiari partecipano sentite e commosse condoglianze.

Trivento, 2 marzo 2018.


Vieni servo buono e fedele,
prendi parte alla gioia del tuo Signore!”
(Mt 25, 23)

Il Vescovo Claudio, gli operatori di Curia e tutto il Presbiterio diocesano
accompagnano con la preghiera il ritorno alla casa del Padre del

Sacerdote
don ANTONINO SCARANO
Arcidiacono del Capitolo della Cattedrale

grati al Signore e commossi, ne ricordano le grandi doti umane e sacerdotali di educatore saggio, di confessore illuminato, di amico di tutti e di confidente sincero, ringraziano di cuore chi gli è stato sempre vicino e, riconoscenti per il suo lungo e fruttuoso operare, invitano i fedeli a pregare per la sua anima eletta.

Trivento, 2 marzo 2018.

Ufficio comunicazioni socialiTrivento, 2 marzo 2018

Potrebbe interessarti

  • descrizione

    "Fides in cantu": corso di formazione Liturgico-Musicale

    Trivento, 21 aprile 2018News
  • descrizione

    Addio a Don Carmelo Sciullo, partigiano e medaglia d'argento per l'alluvione del '54

    Capracotta, 19 aprile 2018News
  • descrizione

    Messa nel trigesimo della morte di don Antonino

    Trivento, 2 aprile 2018News
  • descrizione

    Il Diaconato di Tarquinio Ritota

    Fossalto, 29 marzo 2018News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia