Domenica 24 ottobre | Commento al Vangelo

Catechesi di Avvento del Vescovo Claudio Palumbo

Su TLT Molise, durante questo periodo di Avvento, potrai seguire le catechesi del Vescovo Claudio ogni sabato sera alle 21.00, oppure in replica la domenica alle 14.30.

Commento al Vangelo

Domenica 24 ottobre

Liturgia: Ger 31,7-9 Sal 125 Eb 5,1-6 Mc 10,46-52Domenica 24 ottobre

In quel tempo, mentre Gesù partiva da Gèrico insieme ai suoi discepoli e a molta folla, il figlio di Timèo, Bartimèo, che era cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. Sentendo che era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: «Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!».
Molti lo rimproveravano perché tacesse, ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!».
Gesù si fermò e disse: «Chiamatelo!». Chiamarono il cieco, dicendogli: «Coraggio! Àlzati, ti chiama!». Egli, gettato via il suo mantello, balzò in piedi e venne da Gesù.
Allora Gesù gli disse: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». E il cieco gli rispose: «Rabbunì, che io veda di nuovo!». E Gesù gli disse: «Va', la tua fede ti ha salvato». E subito vide di nuovo e lo seguiva lungo la strada.

Gerico è l'ultima tappa prima che Gesù arrivi a Gerusalemme. La catechesi di Gesù ai suoi discepoli - e di Marco al suo lettore - conduce ad un ultimo miracolo: la guarigione dalla cecità. Esser ciechi è l'impossibilità a vedere; è chiusura alla realtà, una sorta di sepoltura: il cieco non è mai venuto alla luce, è "un non-nato alla realtà".

Bartimeo è fotografato: cieco, mendicante, siede al margine della strada. Chiedere l'elemosina è il suo stile di vita: egli chiede ciò di cui ha bisogno e vive di ciò che riceve. Star seduto ai bordi della strada dice la sua impotenza a fare un cammino; egli è immobile e fuori strada.

Bartimeo però può udire e parlare. Sente che sta passando Gesù; ne aveva già sentito dire e ora grida per chiamarlo. Invoca il nome di Gesù, il solo dato agli uomini sotto il cielo, nel quale è stabilito che possiamo essere salvati (At 4, 12). L'ordine a tacere dei presenti non ha presa su di lui: nessuna voce può soffocare il grido che sale dal cuore. Anzi, grida ancora più forte, per paura di essere coperto e nascosto.

Gesù, invece, ha sentito. Gli si fa incontro, si ferma e si lascia avvicinare da chi vuol essere salvato, liberato dalla cecità. Bartimeo getta via il mantello, balza in piedi, si protende verso da Gesù, nuovo orientamento della sua esistenza. Gettando il mantello, che era tutto per lui, questo povero segue Gesù, a differenza del ricco che, attaccato ai suoi beni, si allontanò triste.

Bartimeo è cieco, ma sa bene cosa vuole: vedere! Non esita a rispondere a Gesù che lo interroga: «Che vuoi che io faccia per te?»;«Rabbunì, che io riabbia la vista!».

La domanda di Gesù è la stessa rivolta a Giacomo e Giovanni. Loro mostrarono ambizione, Bartimeo la salvezza. E' la stessa domanda rivolta a ciascuno di noi: «Cosa vuoi che io faccia per te?». La vita cristiana è anche educazione dei desideri. Gesù insegna a conformarli ai suoi, a secondo Dio. Egli esaudisce le sue promesse, non le nostre pretese.

Una nuova fotografia di Bartimeo chiude il vangelo: ora ci vede, segue Gesù, non aspetta che qualcuno si fermi da lui; cammina per la strada, non sta più seduto ai suoi bordi. Che la realtà si apra ai nostri occhi e in essa possiamo riconoscere e seguire il corpo di Cristo nella storia: la sua Chiesa.

Mons Angelo Sceppacerca24 ottobre 2021
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia