Domenica 31 ottobre | Commento al Vangelo

Catechesi di Avvento del Vescovo Claudio Palumbo

Su TLT Molise, durante questo periodo di Avvento, potrai seguire le catechesi del Vescovo Claudio ogni sabato sera alle 21.00, oppure in replica la domenica alle 14.30.

Commento al Vangelo

Domenica 31 ottobre

Liturgia: Dt 6, 2-6; Sal 17; Eb 7, 23-28; Mc 12, 28-34Domenica 31 ottobre

In quel tempo, si avvicinò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?».
Gesù rispose: «Il primo è: "Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l'unico Signore; amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza". Il secondo è questo: "Amerai il tuo prossimo come te stesso". Non c'è altro comandamento più grande di questi».
Lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all'infuori di lui; amarlo con tutto il cuore, con tutta l'intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso vale più di tutti gli olocausti e i sacrifici».
Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo.

Nel dialogo tra lo scriba e Gesù c'è l'incontro tra la profezia e il compimento. La domanda del primo è tipica del mondo rabbinico alla ricerca del senso profondo di tutta laLegge. La risposta di Gesù parte dal cuore della fede ebraica ("Ascolta, Israele") per scoprire come il grande comandamento dell'amore di Dio sia legato stretto col secondo, "Amerai il tuo prossimo come te stesso". Quest'ultimo (l'amore donato) è la risposta esigente al primo (l'amore ricevuto). In parole umane è dire che la vita dell'altro ci è cara come la nostra.

L'insegnamento di Gesù è assolutamente nuovo perché mette sullo stesso piano il primo e il secondo comandamento. Come è possibile che l'amore del prossimo salga a questo primato? Perché in Gesù Dio si è fatto prossimo a noi nella carne. Il prossimo non è più solo il fratello ebreo, ma ogni uomo e ogni donna, in carne e ossa. Da questa fonte sgorgano tutti gli altri come comandamenti dell'amore di Dio e del prossimo. Persino il culto e i sacrifici nel tempio hanno significato perché segni di amore in risposta all'amore di Dio. L'amore è la vita del credente e la più alta celebrazione di Dio stesso.

Anche il comandamento dell'ascolto (Il primo è: "Ascolta, Israele!"), ha a che fare con l'amore. Ascoltiamo, allora, anche la parola di uno che dice di non essere arrivato alla fede, ma che spesso si confronta con le parole sacre della Scrittura, Erri De Luca.

Quando si dice in termini cristiani "ama il prossimo tuo come te stesso" sembra che tu debba amare tutto il mondo perché tutto il mondo è prossimo. È vero il contrario. Il prossimo è il superlativo di vicino, è il vicinissimo. Solo quello che ti sta vicinissimo tu puoi farcela ad amare, solo quello. Il contrario di uno non è zero, è due. Il due è la possibilità dell'incontro. Il due non è il raddoppio della mia personalità, ma il contrario della mia solitudine, l'interruzione, il brusco scioglimento, l'azzeramento della mia solitudine. (...). Ti è imposto però di amare quello che sta proprio vicino a te, quello che inciampa un metro davanti a te. Allora la possibilità di far dilagare l'amore del prossimo, cioè verso il vicinissimo, è la base della tenuta sociale. Se noi riuscissimo semplicemente a conservare affetto per il vicinissimo, per il compagno di banco in difficoltà avremmo risolto il nostro problema di solidarietà mondiale, civile.

Mons Angelo Sceppacerca31 ottobre 2021
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia