Nel blu dipinto di blu di queste vacanze: tanta aria fritta e, forse solo, qualche vampiro in più | Diocesi di Trivento

Riflessioni

Nel blu dipinto di blu di queste vacanze: tanta aria fritta e, forse solo, qualche vampiro in più

Nel blu dipinto di blu di queste vacanze: tanta aria fritta e, forse solo, qualche vampiro in più In alcuni momenti ti ritrovi con l’animo tanto estasiato, quasi tu voglia rincorrere le nuvole e magari, con un salto, riuscire a tirarle giù per la coda… ma, subito, ti accorgi che esse si muovono e si dibattono come viscide anguille, nel tentativo di liberarsi della tua stretta.
Un Tremonti solare proclama, giustamente, che saranno tagliate le auto blu e tu dici: bene, finalmente, era ora! Ma poi in pagina regionale leggi, quando i tagli per la sanità sono pesanti, che proprio lo stesso giorno dalla Regione Molise viene acquistata un’auto straniera, pare da quaranta mila euro, per un politico di fresca nomina, che nel palmares personale ha bici, moto, camper ed auto di prima classe.
Alla faccia del pendolare che, disperato, continua a sperare.

Certe volte penso al portafoglio dell’anima, vi conto le monete che vi ho depositato dentro, frutto dei programmi elettorali ascoltati, conto e riconto e riesco solo a vedere che mi manca qualcosa. I conti non tornano mai: enti inutili, burocrazia elefantiaca, parlamentari in esubero, evasione fiscale, faccendieri ammanicati, affitti di lusso prepagati, P4 sempre in agguato, e via discorrendo, la lista sarebbe veramente infinita…

Niente mi avanza, qualcosa ci manca sempre e rimango lì ad osservarli i sogni del cambiamento, fino a farli scivolare dentro la tasca dei desideri irrealizzati.
Ci vengono propinati messaggi, come gorgoglii d’acqua sorgiva, che invitano a pensieri di pregnante speranza e poi i nostri occhi, leggendo smarriti, incrociano mani furbesche che lavorano in segreto, tessono trame ad personam e, feroci, si tingono e si sporcano della voglia di accumulare, di rubare, vendendo le intestine anime all’incestuoso peccato contro il bene comune.

Cara classe politica, usque tantum abuteris!
Ci sarà un capolettera dell’anima, dove il solco della “aurei sacra fames” ha impresso il confine della decenza e della moralità?
Ecco cosa succede quando nell’animo si ramificano pensieri tristi per le altre sensate e ritmiche proposte di una sintassi elementare del convivere civile, diluite presto in matasse di parole vuote che scaraventano il nostro stato d’animo nell’angolo buio della sfiducia e del non voto.

E’ possibile una visuale diversa? Senza grandi ritorni al passato, né fughe precipitose verso il futuro. E’ il nostro presente che deve essere affrontato, perché esso sia pieno di colori nitidi e accesi, dove non ci siano più né le daltoniche distorsioni, né le prospettive non chiare, offuscate come al solito da nebbie ideologiche e preconcette, che facilmente escono da bocche abituate, purtroppo anche, a suggere sangue e linfa dal povero precario o dall’indifeso pensionato.

Al comune vacanziero, disteso a prendere il sole, ma con l’occhio del desiderio rivolto ai problemi della vita di ogni giorno, immerso nella risacca di schiumose ed confuse regole della politica, lui che scansa la fragile sabbia dell’annaspare quotidiano e cerca il pontile delle normali sicurezze, quale garanzia viene ancora concessa?
Cerchiamo tutti qualcuno che ci porti oltre il lento vacillare del provvisorio, che faccia spirare la brezza della concretezza, che non ci lasci, ancora una volta, accecati dalla troppa luce delle promesse, ma che accompagni il nostro cuore e il nostro sguardo verso mete sicure e tranquille, che non siano di semplice sopravvivenza.don Mimì FazioliTrivento (CB), 12 luglio 2011

Ultime news

  • descrizione

    Recensione dell'ultimo libro di Don Erminio Gallo

    Agnone, 9 ottobre 2018News
  • descrizione

    Inizio del corso per fidanzati

    Santuario di Canneto, 8 ottobre 2018News
  • descrizione

    Partita la Scuola di Teologia "San Casto" ad Agnone

    Agnone, 8 ottobre 2018News
  • descrizione

    Il saluto di mons. Santucci a Papa Giovanni Paolo II

    Agnone, 8 ottobre 2018Foto e Video
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia