La conclusione della visita pastorale ad Ancona | Diocesi di Trivento

News

La conclusione della visita pastorale ad Ancona

Tra le famiglie di oggi e di domani

Manca il vino della festa alla tavola imbandita di cose prelibate, come nell'episodio delle nozze di Cana. È partito da questa immagine evangelica Benedetto XVI per parlare a 500 giovani coppie di fidanzati raccolti in piazza del Plebiscito, nell'ultimo appuntamento pomeridiano della sua visita pastorale ad Ancona. Ha ritratto in poche parole la difficile situazione per i giovani nella società attuale, nella quale la frammentazione del tessuto comunitario provoca un relativismo che intacca i valori essenziali. E come aveva fatto durante la messa della mattina nel cantiere navale, ha espresso la sua solidarietà a quanti non possono prendere decisioni definitive per l'avvenire a causa della precarietà della situazione lavorativa e della crisi economica. Ha poi esortato le giovani coppie di fidanzati a riscoprire i valori costruendo su di essi la "casa" e le ha invitate a non scoraggiarsi perché il Congresso eucaristico l'ha ribadito più volte:
l'Eucaristia è Cristo che si fa compagno di viaggio dell'uomo e non lo lascia mai solo.

Il grande caldo non ha scoraggiato i giovani dal riunirsi in massa in piazza del Plebiscito per questo incontro con il Successore di Pietro, fortemente desiderato dall'arcivescovo Menichelli, che ha rivolto un breve saluto. I fidanzati avevano affidato a due di loro: Massimiliano Bossio e Fabiana Frapiccini di farsi interpreti delle loro attese e delle loro difficoltà, e di manifestarle al Pontefice. E i due giovani lo hanno fatto con entusiasmo, porgendo al Papa alcune domande sul significato dell'Eucaristia nell'affrontare alcune sfide, quali la testimonianza dei fidanzati nella comunità cristiana, e come superare le difficoltà legate all'incertezza economica.

Precedentemente, Benedetto XVI aveva incontrato gli sposi e i sacerdoti provenienti dalle diverse diocesi italiane, nella cattedrale di San Ciriaco, presentati dall'arcivescovo Menichelli. Un abbraccio simbolico alle famiglie verso le quali aveva già riservato le sue attenzioni parlando della precarietà del lavoro e della crisi economica. E ha invitato tutta la comunità a superare ogni visione riduttiva che considera la famiglia solo una destinataria dell'azione pastorale. La sua missione, infatti, ha ricordato è quella di testimoniare e rendere presente l'amore di Cristo per l'umanità. La partecipazione dei sacerdoti a fianco degli sposi è stata occasione per invitare i presbiteri ad accogliere quanti fanno più fatica e sono venuti meno nel mantenere gli impegni assunti con il vincolo del matrimonio.
Ai preti, il Papa ha ricordato che sono chiamati a servire come pastori la comunità ecclesiale che è "famiglia di famiglie". Al termine della giornata, Benedetto XVI è ripartito per Castel Gandolfo in elicottero dal molo Wojty?a del porto, dove si è congedato dalle personalità che lo hanno accolto all'arrivo.

Ad accogliere il messaggio del Papa non c'era solo la Chiesa ma anche la società civile. Del resto il Papa è giunto nelle Marche in un momento diffcile a cui non sempre è semplice trovare rapide soluzioni: dalla crisi economica alla disoccupazione, dalla mancanza di sicurezza per il futuro alla crisi di identità, dallo smarrimento generazionale all'impoverimento delle famiglie, dal sempre maggior aumento degli indigenti agli immigrati, anello debole della catena sociale. Il Papa non ha altre soluzioni da proporre la dottrina sociale della Chiesa sulle quale ha in più innestato il valore immenso dell'Eucaristia che, calata nel quotidiano scorrere della vita di ogni uomo, si fa compagna di viaggio e sostegno di speranza.

Un invito, quello a riscoprire la forza che viene dall'Eucaristia, che ha assunto un significato tutto speciale poiché rilanciato nel giorno in cui il mondo ricorda il tragico atto terroristico dell'11 settembre, entrato ormai nell'immaginario collettivo come un giorno nefasto, di dolore e di odio senza limiti. Se in quell'occasione la follia e la malvagità umana hanno segnato uno dei momenti più bassi e drammatici della storia, l'11 settembre 2011, invece, ha avuto una proposta di vita e di speranza per tutti. Benedetto XVI ha mostrato all'Italia, e di conseguenza al mondo intero, la fonte della vita contrapposta alla cultura della morte: Cristo presente nell'Eucaristia.

Tanta strada è stata fatta dal precedente congresso di Bari del 2005 e dal Convegno ecclesiale di Verona del 2006, nei quali vennero gettate le basi per l'attuale. E tanta strada rimane ancora da fare alla comunità ecclesiale per camminare al fianco di ogni uomo.

Sono trascorsi 120 anni da quando venne celebrato, a Napoli, il primo Congresso eucaristico nazionale. Anche allora la partecipazione fu straordinaria: circa 100.000 persone a dispetto della mentalità liberale che avrebbe voluto relegare la religione tra le mura delle chiese.NICOLA GORI - © L'Osservatore Romano 12-13 settembre 2011Ancona, 13 settembre 2011

Ultime news

  • descrizione

    Una graditissima sorpresa

    Agnone, 20 novembre 2017News
  • descrizione

    GIORNATA MONDIALE DEI POVERI - Domenica 19 novembre 2017

    Trivento, 17 novembre 2017Caritas Diocesana
  • descrizione

    I GIORNATA MONDIALE DEI POVERI - MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO

    Roma, 17 novembre 2017La voce del Papa
  • descrizione

    Concerti nelle chiese: trent'anni d'allegra anarchia

    15 novembre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia