In margine alle votazioni comunali di inizio giugno dieci istruzioni che potranno tornare utili per una scelta ben oculata | Diocesi di Trivento

News

In margine alle votazioni comunali di inizio giugno dieci istruzioni che potranno tornare utili per una scelta ben oculata

In margine alle votazioni comunali di inizio giugno dieci istruzioni che potranno tornare utili per una scelta ben oculata
  1. Scegli il partito che meglio ti rappresenta e di cui condividi l'operato, ma ne avresti dovuto seguire per un periodo di almeno due anni l'attività politica e amministrativa, informandoti su più di un giornale delle proposte presentate dai vari partiti e delle leggi e provvedimenti approvati.
  2. E non lasciarti però ingannare dai nomi dei partiti e delle liste, spesso fantasiosi. Non sempre "nomina sunt omina", succede troppo spesso il contrario.
  3. Di solito le fonti di informazione TV e Mediaset e RAI coincidono nell'opera di disinformazione: è bene tenersene lontano, almeno a partire dal 6° mese prima del voto.
  4. Se vuoi premiare con preferenza nominale colui che mostra maggiore coerenza tra il dire e il fare e che si avvicina di più alla tua concezione del mondo e ai tuoi interessi, devi controllare e valutare l’attività personale, gli interessi, l’onestà, il progetto di vita e la visione del mondo della persona che vorresti votare.
  5. Sbaglieresti di certo se ti limiti a votare o su indicazione di amici e parenti o su pressione diretta del candidato, peggio ancora nella speranza di ottenere un vantaggio personale.
  6. Non si può votare chi utilizza la propria carica per elargire privilegi personali né chi accetta voti di provenienza mafiosa. Il voto va dato a chi mostra integrità di coraggio e onesto spirito di servizio.
  7. Stai bene alla larga da chi non ha rispettato le leggi e manifesta la presunzione di farle o aggiustarle per te.
  8. La cosa pubblica non può essere trattato come un feudo privato perciò diffida di chi lo ha già fatto o mostra di volerlo fare.
  9. Vi sono poi quelli che si servono delle proprie risorse personali, quelli che hanno mezzi di informazione compiacenti, quelli che pubblicamente dichiarano impegni che non potranno mai mantenere e quelli che sfacciatamente firmano finti contratti davanti a falsi notai. Sono tutte persone da non votare.
  10. Infine non lasciarti abbindolare da coloro che sanno fare bene il “salto della quaglia” vale a dire di tutti coloro che non sanno cosa sia la coerenza politica e cambiano casacca, linguaggio, idee da un giorno all'altro per mero opportunismo, pur di salire sul carro del vincitore.
Ufficio comunicazioni socialiTrivento, 30 maggio 2016

Ultime news

  • descrizione

    GIORNATA MONDIALE DEI POVERI - Domenica 19 novembre 2017

    Trivento, 17 novembre 2017Caritas Diocesana
  • descrizione

    I GIORNATA MONDIALE DEI POVERI - MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO

    Roma, 17 novembre 2017La voce del Papa
  • descrizione

    Concerti nelle chiese: trent'anni d'allegra anarchia

    15 novembre 2017News
  • descrizione

    Sabato 21 ottobre c'è stato il primo incontro di preghiera e di meditazione del Vescovo Claudio con le religiose della Diocesi di Trivento

    Trivento, 26 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia