Visita dell'artista Fernando Izzi di Torella del Sannio al Vescovo Claudio | Diocesi di Trivento

News

Visita dell'artista Fernando Izzi di Torella del Sannio al Vescovo Claudio

Una foto del Vescovo Claudio con l'artista Fernando Izzi di Torella del Sannio

L’artista Fernando Izzi di Torella del Sannio, insieme al figlio Eugenio ieri, 14 febbraio, ha fatto visita al nostro Vescovo Claudio e gli ha regalato un artistico leggio in ferro dorato che Sua Eccellenza ha gradito veramente di cuore e lo ha posto nel salone di rappresentanza.

Il Vescovo, dopo essersi informato delle varie ed apprezzate opere che il signor Fernando ha realizzato nel corso degli anni, si è complimentato vivamente con lui, lo ha incoraggiato a proseguire in questa strada di fine lavoratore del ferro battuto e ha rivolto parole di elogio anche al giovane figlio che continua secondo la passione artistica del padre Fernando.

Al termine del caloroso colloquio mons. Vescovo ha promesso che appena gli sarà possibile visiterà la bottega di Fernando, fucina di splendidi manufatti, e ha benedetto lui e tutta la sua famiglia perché alcuni dei suoi membri stanno attraversando momenti particolarmente difficili di dolore e di malattia.

Curriculum dell’artista Fernando Izzi

Egli nasce a Torella del Sannio (CB) nel 1957. Fin da piccolo manifesta una spiccata attitudine alla manualità, che si esprime nella fabbricazione di oggetti di gioco e primi rudimentali utensili.
Temperamento inquieto e passionale, dopo brevi esperienze approda alla sua autentica passione: la lavorazione del ferro battuto.

Fernando Izzi riesce con apparente disinvoltura a mediare l’esigenza lavorativa con l’espressione artistica; anche il suo lavoro di routine spesso rivela una tensione malcelata verso più agili fantasie.
In bottega, di sera, nasce il presepe in lamiera battuta, mirabile esempio di arte povera; è una rappresentazione mistica di ispirazione medioevale che viene esposta, dopo l’inaugurazione a Torella, alla Fortezza da Basso a Firenze, alla mostra Internazionale dell’artigianato.

Dopo qualche mese viene alla luce la linea degli oggetti-sculture nei quali l’artista approfondisce in metafore di ferro il rapporto fra fuoco e materia: e tra fuoco e materia, dubbioso e dolente, c’è l’uomo, colto nell’atto di proteggere la fiamma, di accompagnarla, fomentarla e limitarne talora la potenza distruttiva.

Esprimono, le sculture, una specie di sofferenza del fare, arcaica proprio perché profondamente naturale, cui non è estraneo, nostalgico e dialettico ad un tempo, uno sguardo al passato.
In questo modo Fernando Izzi si ricongiunge, con una spirale dove presente passato e futuro si compenetrano, all’antica e nobile arte delle forge cui la fantasia degli uomini, lungo la storia, ha sempre attribuito oscure fascinazioni simboliche.

Viene dunque spontaneo l’accostamento delle sculture alle figurette di pietra degli artigiani delle cattedrali gotiche, tanto amate da Proust: piccole figure inoffensive risuscitate, contro ogni speranza, da quella morte, che sembra più totale delle altre, che è la scomparsa nell’infinito del numero: sottratte all’oblio soltanto dall’arte.

E la tradizione e il lavoro che si fanno arte attraverso l’entusiasmo e la memoria, il quotidiano ed il sogno, sono l’essenza di una civiltà. E in questo senso il volume è un monito a non dimenticare ed un esempio da seguire per restituire al nostro Molise la dignità delle sue radici, che rischia di cadere per sempre nell’oblio.

Pagina facebook
Sito internet

Alcune foto del leggio in ferro dorato regalato a Sua Eccellenza

Angela PiscitelliTrivento, 15 febbraio 2018

Potrebbe interessarti

  • descrizione

    I cresimandi incontrano il Vescovo Claudio a Canneto

    Santuario di Canneto, 13 giugno 2018Foto e Video
  • descrizione

    Visita dei cresimandi di Frosolone al Vescovo di Trivento

    Trivento, 12 giugno 2018News
  • descrizione

    Il Corpus Domini 2018 a Trivento

    Trivento, 7 giugno 2018Foto e Video
  • descrizione

    La festa di San Francesco Caracciolo ad Agnone

    Agnone, 6 giugno 2018News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia