Mons. Claudio Palumbo presenta alla comunità parrocchiale di Santa Croce in Trivento il nuovo parroco don Antonio Mascia | Diocesi di Trivento

News

Mons. Claudio Palumbo presenta alla comunità parrocchiale di Santa Croce in Trivento il nuovo parroco don Antonio Mascia

Una foto di don Antonio Mascia

Domenica pomeriggio, 2 settembre, mons. Claudio Palumbo presenterà alla comunità parrocchiale di santa Croce in Trivento il nuovo parroco don Antonio Mascia originario di Chiauci e reduce da una bellissima e coinvolgente duplice esperienza di missionario in Camerum.

Don Antonio Mascia, è ben conosciuto in Trivento perché, agli inizi degli anni ottanta, è stato valente rettore del Seminario Vescovile e anche perché è il fratello della ex-Dirigente scolastica della locale Scuola Statale, dott.ssa Carmelina Mascia.

Nel corso degli anni egli ha servito la Diocesi con abnegazione e fedeltà, guidando successivamente le comunità parrocchiali di Chiauci, di Torella del Sannio, di Frosolone, di Civitanova del Sannio, patria dei missionari comboniani recentemente scomparsi padre Spugnardi e padre Fiorante, un autentico martire per il Vangelo e di Maria santissima di Costantinopoli in Agnone.

Un vero record di benemerenza questo di don Antonio, ma il fiore all'occhiello del suo apostolato sono state le due belle esperienze, come sacerdote "fidei donum", quella settennale che ha vissuta in Camerum dal 1995 al 2002 e l'altra quinquennale dal 2013 al 2018 sempre a Fontem in Africa.
In Santa Croce, una delle parrocchie più popolose della nostra Diocesi succede al giovanissimo don Beniamino Ciolfi, al quale va il nostro più cordiale ed affettuoso ringraziamento avendovi operato egregiamente per tre anni, dopo la rinuncia per anzianità di don Luigi Di Lella. Don Beniamino che vi resta come collaboratore essendo egli viceparroco e di santa Croce e anche della Cattedrale.

Con la presenza di un nuovo parroco don Antonio si riaccendono gli entusiasmi e ci si coinvolge più convintamente nell'appartenenza all'unica Chiesa di Cristo, anche perché tra gli impegni prioritari dei cristiani vi è quello dello spirito missionario, da sempre vissuto solo da alcuni religiosi e fedeli più sensibili, ma che ora è maggiormente evidenziato, in questi anni del postconcilio, e abbracciato da un numero sempre più crescente di testimoni convinti e coraggiosi. La missionarietà, è risaputo, si vive in una gradualità diversa e coinvolgente: inizia aprendosi all'impegno di una evangelizzazione mediante la testimonianza cristiana nella quotidianità della propria vita, continua contribuendo con offerte periodiche agli innumerevoli elenchi di richieste di aiuti che i missionari rivolgono alle chiese di più antica tradizione, si affina con l'impegno concreto per le adozioni a distanza, si esalta con l'esperienza personale di volontariato, mettendo così la propria professionalità a servizio delle comunità di frontiera.

Nella nostra Diocesi la sensibilità e l'impegno missionario sono stati e sono ancora abbastanza  forti,  grazie all'impegno di alcuni sacerdoti più attivi e di molte comunità parrocchiali. Attualmente abbiamo due sacerdoti missionari: in Bangladesh don Antonio Germano, originario di Duronia, e in Uruguay don Peppino Palumbo, nativo di Frosolone.

Tutti coloro che sentono il bisogno di una partecipazione ecclesiale più autentica e più viva, quanti amano ascoltare esperienze vere e coraggiose potranno trovare nelle parole di don Antonio l'opportunità di confrontarsi con l'entusiasmo di un sacerdote che ha ancora tutto il suo cuore in Africa.

Don Antonio saprà dare uno scossone alle nostre false certezze, perché egli si sente estremamente felice dell'esperienza africana dopo aver navigato fiumi impetuosi e attraversato foreste tenebrose e deserti assolati, ricco dell'esperienza pastorale di aver donato conforto e fede ai tanti bimbi denutriti, alle loro madri inermi, ai tanti padri impelagati nei crudeli conflitti.

I fedeli laici tridentini sapranno apprezzare e collaborare con il nuovo parroco per un migliore radicamento del senso cristiano nelle famiglie da consegnare ai giovani protagonisti delle nuove generazioni.

Ufficio comunicazioni socialiTrivento, 2 settembre 2018

Potrebbe interessarti

  • descrizione

    PROVVEDIMENTI E NOMINE 2018

    Trivento, 30 luglio 2018News
  • descrizione

    Omelia di S. Ecc.za Rev.ma Salvatore Visco alla Celebrazione della Festa di San Casto

    Trivento, 11 luglio 2018News
  • descrizione

    Festa di San Casto 2018

    Trivento, 9 luglio 2018Foto e Video
  • descrizione

    Mandato Catechistico Diocesano per l'anno pastorale 2017-2018

    Chiesa Cattedrale di Trivento, 15 novembre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia