Le catechesi del gruppo dei neocatecumenali di Montefalcone nel Sannio | Diocesi di Trivento

News

Le catechesi del gruppo dei neocatecumenali di Montefalcone nel Sannio

Le catechesi del gruppo dei neocatecumenali di Montefalcone nel Sannio

Continuano in Trivento le belle catechesi che il gruppo dei neocatecumenali di Montefalcone hanno iniziato in ottobre e dureranno fino l'inizio di dicembre. Ogni lunedì e giovedì alle ore 21 ospiti del Centro Pastorale Diocesano "Don Antonino Scarano" una quarantina di persone si riuniscono per ascoltare l'annuncio del messaggio evangelico che tre coppie di laici porgono ad un'assemblea attenta ed entusiasta.

Iniziato da Kiko Argüello e Carmen Hernández nelle periferie di Madrid, il Cammino è presente nella nostra Diocesi dal 1977 e si propone come "una delle modalità di attuazione diocesana dell'iniziazione cristiana e dell'educazione permanente nella fede" attraverso:

  1. il "neocatecumenato" o catecumenato post-battesimale;
  2. l'educazione permanente della fede;
  3. il catecumenato;
  4. il servizio della catechesi.

Il Cammino si attua in piccole comunità e ha come momenti settimanali la celebrazione della Parola di Dio e la celebrazione dell'Eucaristia il sabato sera alle ore 21.

La missione è la "priorità" della "Chiesa oggi". E per essere missionaria la Chiesa deve essere "svincolata da potere e denaro, libera da trionfalismi e clericalismi", deve essere "sorella dell'umanità" evitando il "proselitismo", e deve "amare le culture e le tradizioni dei popoli, senza applicare modelli prestabiliti".

Il Cammino Neocatecumenale è presente nei cinque continenti. Recentemente papa Francesco ha commentato: "Andate", dice Gesù. Perché "la missione chiede di partire", anche se "nella vita è forte la tentazione di restare, di non prendere rischi, di accontentarsi di avere la situazione sotto controllo". Non è un invito che "autorizza trasferte ridotte o viaggi rimborsati". Quello di Gesù è "un invito chiaro a essere sempre in uscita, pellegrini nel mondo alla ricerca del fratello che ancora non conosce la gioia dell'amore di Dio". Ma per andare "bisogna essere agili, non si possono portar dietro tutte le suppellettili di casa", "bisogna essere leggeri". Insomma: "per annunciare bisogna rinunciare". Infatti "solo una Chiesa che rinuncia al mondo annuncia bene il Signore". Solo una Chiesa "svincolata da potere e denaro, libera da trionfalismi e clericalismi testimonia in modo credibile che Cristo libera l'uomo". E "chi, per suo amore, impara a rinunciare alle cose che passano, abbraccia questo grande tesoro: la libertà".

Il carisma dei Neocatecumenali è un grande dono di Dio per la Chiesa del nostro tempo perciò ringraziamo il Signore e chiediamogli di non perdete mai la fiducia: Egli ci custodisce, spronandoci al tempo stesso ad andare, come discepoli amati, verso tutti con umile semplicità.

Ufficio comunicazioni socialiTrivento, 14 novembre 2019

Potrebbe interessarti

  • descrizione

    Vestizione monastica di Padre Juan Manuel Pecile dell'Istituto del Verbo Incarnato

    Santuario di Canneto, 2 dicembre 2019News
  • descrizione

    Droga, alcol, gioco d'azzardo…la sfida continua

    Trivento, 11 novembre 2019Caritas Diocesana
  • descrizione

    Inchiesta diocesana su Don Vittorio Cordisco

    Trivento, 2 novembre 2019News
  • descrizione

    Seconda Assemblea diocesana convocata dal vescovo della Diocesi triventina S. E. Mons. Claudio Palumbo

    Trivento, 1 novembre 2019News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia