È tornato alla casa del Padre don Alessandro Di Sabato, parroco emerito di San Marco in Agnone | Diocesi di Trivento

News

È tornato alla casa del Padre don Alessandro Di Sabato, parroco emerito di San Marco in Agnone

Una foto di don Alessandro Di Sabato

È morto serenamente nella residenza per anziani di Castiglione Messer Marino (CH) ed è tornato alla casa del Padre don Alessandro Di Sabato, parroco emerito di San Marco in Agnone: sacerdote di grande spiritualità e levatura morale. La Madonna delle grazie, della quale era devotissimo, lo accompagni nel regno della pace e della felicità eterna.

Giovedì 12 dicembre alle ore 15.00, nella chiesa arcipretale di San Marco in Agnone il Vescovo Claudio presiederà la Santa messa esequiale.

Un suo caro amico Roberto Carlomagno ha scritto di lui: "Come si fa a non ricordare Don Alessandro? Tanti di noi possono raccontare di Lui. Possono dire di aver affrontato con Lui discorsi Teologici di altissimo spessore, di avere ricevuto consigli e suggerimenti sulle questioni familiari e della vita quotidiana. Di aver ascoltato da Lui racconti sulla storia della Chiesa locale e la storia della nostra Città. Di aver ascoltato racconti su personaggi famosi o originali di Agnone.

Anche di aver trascorso con Lui qualche ora di sana allegria.

Insomma tante cose. Personalmente potrei veramente scrivere un libro. Ma nessuno potrà mai dire di aver ricevuto un affronto o un'offesa da Don Alessandro. Nessuno potrà mai raccontare di averlo sentito urlare contro qualcuno. Umile, quasi sommesso, ma grande. Lo ringrazio di una cosa in particolare e Lui sa di cosa parlo".

Qualcuno ha scritto che fare il sacerdote significa fare il lavoro più bello, difficile e stimolante che ci sia. Il sacerdote, infatti, aiuta a non perdere la speranza verso un futuro migliore, consapevole della situazione socio-economica e politica in cui ci troviamo e perciò comunica la volontà di cambiarla e i fedeli, attraverso la preghiera personale e la lettura della Parola di Dio, sapranno adoperarsi per il cambiamento, superando ogni individualismo, per agire in favore della condivisione e del rispetto reciproco.

Il nostro sguardo ora velato di lacrime è centrato sulla persona di don Alessandro, ripensando alla vita di Seminario passata insieme, al suo stile di sacerdote innamorato di Gesù. Ma è sicuro che lui, distogliendoci da questi nostalgici ricordi, ci ripete: "non su di me ma su Cristo Risorto si aprano i vostri occhi".

Signore Gesù, abbiamo bisogno di essere da Te liberati dal peso del nostro turbamento e di avere in cuore la tua pace, perciò noi ti invochiamo: donaci questa fede – per intercessione di questo nostro amato fratello che sappiamo già essere già con Te – e di sperimentare la tua presenza consolatrice, insieme alla materna protezione di Maria santissima tua e nostra Madre.


Curriculum vitae di don Alessandro Di Sabato

È nato ad Agnone in via Campanelle d n. 51 da Mario e D'aloise Anna il 5 giugno 1942.

Viene battezzato nella chiesa di Sant'Antonio Abate in Agnone dove svolge da ragazzo il ministero del chierichetto a tempi di don Remo Quaranta.

Entra nel Seminario diocesano di Trivento il primo ottobre del 1954 e vi frequenta i tre anni di scuola media e il biennio del corso ginnasiale.

Il primo ottobre 1959 entra nel Seminario Regionale di Chieti dove frequenta il corso triennale del liceale classico, l'anno filosofico e tutti e quattro gli anni del corso teologico.

Riceve la prima tonsura il 25 marzo 1964 da mons. Marcante vescovo di Sulmona; dal cardinale Bean riceve gli ordini minori dell'ostiariato e del lettorato il 14 aprile 1965, diventa esorcista e accolito il 16 ottobre 1966 per le mani del Arcivescovo di Pascara mons. Iannucci; diventa suddiacono nel Santuario di San Gabriele dell'Addolorata il 21 marzo 1967 e il 27 marzo sempre mons. Marcante lo ordina diacono.

Finalmente il 2 luglio 1967 mons. Alberto Carinci, allora amministratore apostolico di Trivento, lo ordina sacerdote nella chiesa di Sant'Antonio Abate in Agnone.

Per un anno, dal 6 ottobre 1967, svolge la mansione di prefetto d'ordine nel Seminario Vescovile e il 1° novembre 1967 è nominato mansionario della Cattedrale di Trivento.

Il 1° luglio 1968 si prende cura temporanea della Parrocchia di Poggio Sannita, Il 1° ottobre del 1968 diventa prefetto d'ordine nel Convitto di San Bernardino in Agnone in collaborazione con il rettore don Gennaro Di Nucci e il 1° dicembre 1970 è nominato parroco di Fontesambuco in Agnone.

Il 1° settembre 1980 è nominato vicario economo di Castelverrino e nel 1988 dopo le dimissioni di don Antonio Orlando per motivi di salute, e dopo un piccolo interregno retto da don Remo, viene nominato parroco di san Marco in Agnone, parrocchia che reggerà insieme a quella di San Biase, quando don Giuseppe Delli Quadre si ammala ed è costretto a rinunciarvi, Nel 2017 con l'aggravarsi della sua salute, diventa parroco emerito delle due parrocchie agnonesi.

Don Alessandro è morto all'alba di mercoledì 11 dicembre nella residenza per anziani di Castiglione Messer Marino dove qualche giorno prema mons. Claudio Palumbo gli aveva amministrato il Sacramento dell'Unzione dei malati

Ufficio comunicazioni socialiAgnone, 11 dicembre 2019

Potrebbe interessarti

  • descrizione

    Il libro su san Placido di don Erminio Gallo a Torrebruna, momento di riflessione spirituale e culturale

    Torrebruna, 29 luglio 2020News
  • descrizione

    Don Leonardo Sacco ha salutato i fedeli delle due parrocchie che ha generosamente servito in questi ultimi anni

    Pietrabbondante e Castelverrino, 30 giugno 2020News
  • descrizione

    È morto serenamente il professore monsignor Antonio Chinni, originario di Castiglione Messer Marino

    Chieti, 12 dicembre 2019News
  • descrizione

    Don Michele D'Andrea: un prete umano, semplice non clericale

    Trivento, 8 dicembre 2019News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia