"Laici operatori per una Chiesa Sinodale": l'assemblea diocesana del 23 ottobre 2022 | Diocesi di Trivento

News

"Laici operatori per una Chiesa Sinodale": l'assemblea diocesana del 23 ottobre 2022

Entro le fila sinodali che sta percorrendo la Chiesa universale, quale espressione dello Spirito Santo che soffia e spinge a dare un volto di migliore credibilità alla Chiesa nel mondo; nel grande esercizio del dialogo fatto di ascolto profondo e capacità di parola vera, la Chiesa di Trivento ha desiderato improntare l'Assemblea Diocesana di inizio anno pastorale 2022/2023 precisamente in tale direzione.

Sabato 23 Ottobre, con un duplice appuntamento per i presbiteri al mattino e per tutti i laici al pomeriggio, don Flavio Placida, docente di Catechetica nell'Università Urbaniana di Roma, già presente nel Febbraio scorso, ha sviluppato la sua relazione con semplicità ed efficacia comunicativa: "Laici operatori per una Chiesa Sinodale".

Nell'introduzione il Vescovo Claudio ha chiesto e ribadito lo sforzo sincero di tutti e ciascuno per un'autentica conversione pastorale nella direzione sinodale, e particolarmente ai catechisti di essere anche e soprattutto Catecheti, cioè evangelizzatori a tutto tondo, entro il servizio ministeriale e nella dinamica della vita in genere, sulla riscoperta del proprio Battesimo. Diventare quindi generativi con la propria disponibilità all'edificazione del Regno nella realtà ecclesiale. A proposito, quindi, è parso opportuno ricordare e incitare i presenti a continuare la frequentazione della Scuola di formazione teologica "San Casto", che mira ad accompagnare i laici verso una fede robusta e convinta, culturalmente e spiritualmente avvalorata.

Don Flavio ha iniziato partendo da due date, quella del 1988 e l'altra del 2016. L'una si riferisce all'Esortazione Apostolica post-sinodale Christifideles Laici all'indomani del Sinodo dei Vescovi del 1987 sul tema "Vocazione e missione dei laici nella chiesa e nel mondo". L'altra riguarda la lettera di Papa Francesco al card. Ouellet sul ruolo dei laici, al termine dell'incontro della Commissione per l'America Latina e i Caraibi.

Già Pio XII diceva: «I fedeli, e più precisamente i laici, si trovano nella linea più avanzata della vita della Chiesa; per loro la Chiesa è il principio vitale della società umana. Perciò essi, specialmente essi, debbono avere una sempre più chiara consapevolezza, non soltanto di appartenere alla Chiesa, ma di essere la Chiesa, vale a dire la comunità dei fedeli sulla terra sotto la condotta del Capo comune, il Papa, e dei Vescovi in comunione con lui. Essi sono la Chiesa(...)» (CL9). Da qui poi l'urgenza di rifare dovunque il tessuto cristiano della società umana. Ma a condizione che si rifaccia il tessuto cristiano delle stesse comunità ecclesiali che vivono in questi paesi e in queste nazioni (CL34). Una conversione quindi che interessa tessuti diocesani, parrocchiali e familiari.

I Laici, ha ripetuto con energia don Flavio non sono concessione dei parroci nella Chiesa, ma dono di Grazia, dei Sacramenti e secondo i carismi dati dallo Spirito Santo! Papa Francesco ci ricorda nell'Evangelii Gaudium che esistono dei presupposti imprescindibili da cui ogni laico può prendere le mosse per la sua missione ecclesiale. L'incontro personale con Gesù e la riscoperta della propria vocazione battesimale. La nostra partecipazione e corresponsabilità alla vita della Chiesa deve diventare il nostro sangue, la nostra carne, la nostra vita. Essere membra vive del tessuto ecclesiale vuol dire quindi sentire e non solo sapere, assumere nelle viscere e non solo nella mente che siamo Battezzati, Confermati… si tratta di una questione di DNA cristiano. Ne consegue allora che bisognerà fuggire almeno le due tentazioni principali: il disimpegno dalla responsabilità e la legittimazione della separazione tra fede e vita, una deriva possibile che vede la fede confinata nelle aule ecclesiali e poco vissuta nella quotidianità per cosi dire ad extra, in altre parole: no ad una fede disincarnata.

Quindi la parola si è rivolta particolarmente ai catechisti presenti, con l'Esortazione Apostolica Christifideles Laici mediante la riflessione sulla partecipazione all'ufficio sacerdotale, profetico e regale di Gesù Cristo (14). L'ufficio sacerdotale, ovvero l'offerta sacrificale di Cristo sulla Croce, propone al catechista di considerare la propria vita come dono; offrire tutto di sé, nella logica dell'oblazione e del dono:la voce, la cordialità, l'amicizia, la parresia, la preghiera, il silenzio. Ma anche il sacrificio, le incomprensioni, l'ingratitudine, il raccolto scarso!

Riguardo all'ufficio profetico che abilita ad accogliere e annunziare il Vangelo, è stato sottolineato l'ascolto di tutti, la capacità di sostenersi a vicenda, di pregare gli uni per gli altri. Piena sinodalità!

L'ufficio regale ha riaffermato che siamo tutti orientati a costruire i Regno di Dio in uscita. Ma a proposito non si può tacere che la vita cristiana è un combattimento, una lotta contro le resistenze legate al peccato. Occorre quindi uno sguardo dentro e uno fuori per vigilare, prevenire e, all'occasione, difendersi.

L'incontro è proseguito con il mandato catechistico e il rinnovo dell'incarico ai ministri straordinari della Comunione, nella cornice della chiesa parrocchiale di Maria SS.ma di Costantinopoli ad Agnone, e dunque sotto la protezione di Maria Stella dell'evangelizzazione e Madre della Chiesa.

Sac. Paolo Del Papa - Direttore UCD27 ottobre 2022

Potrebbe interessarti

  • descrizione

    Professione Temporanea dei Consigli evangelici di Suor Stefania Fierro

    Fossalto, 20 gennaio 2023News
  • descrizione

    Professione temporanea dei Consigli evangelici di suor Stefania Fierro

    Fossalto, 10 gennaio 2023News
  • descrizione

    Messa in suffragio del Papa emerito Benedetto XVI

    Trivento, 4 gennaio 2023News
  • descrizione

    Le foto della Celebrazione Eucaristica in Vaticano

    Città del Vaticano, 10 dicembre 2022Foto e Video
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia