RECENSIONE DEL LIBRO DEL VESCOVO LUCCI | Diocesi di Trivento

Riflessioni

RECENSIONE DEL LIBRO DEL VESCOVO LUCCI

RECENSIONE DEL LIBRO DEL VESCOVO LUCCI Una piccola pubblicazione, di notevole interesse storico-religioso, di Don Erminio Gallo, Cancelliere Vescovile della Diocesi di Trivento e Dottore in Storia e Beni Culturali della Chiesa, ha visto finalmente la luce in questi giorni: si tratta di un piccolo saggio sulla figura del Beato Vescovo di Bovino Antonio Lucci, nato ad Agnone (IS) il 2 agosto 1682 e morto in fama di santità a Bovino il 25 luglio 1752, dichiarato venerabile da Pio IX il 13 giugno 1847 e Beato il 18 giugno 1989 da Giovanni Paolo II.

Un opera che completa, in maniera essenziale, divulgativa, sintetica ma con una serietà critico/scientifica eccellente, la conoscenza di questa figura ecclesiale troppo spesso mal conosciuta e dimenticata anche nel suo paese natale, che invece dovrebbe farsene vanto.

Il saggio di Don Erminio Gallo, “Il Beato Antonio Lucci e la sua opera di riforma”, Palladino Editore, esamina i tratti essenziali della vita del Vescovo, frate minore conventuale, professore, teologo, pastore, testimone autorevole della carità e della fedeltà al Vangelo e alla Chiesa nella chiesa del XVIII° secolo.

L’autore, basandosi sulle fonti archivistiche inedite e sulla bibliografia esistente di fonti edite e pubblicazioni, ne fa una lettura puntuale, precisa e storicamente ineccepibile, portando alla luce, pur nella sinteticità, chiarezza, e tipologia divulgativa dell’opera, i tratti inediti ed inesplorati soprattutto della sua essenza francescana autentica, della sua alta competenza e formazione teologica e dell’attività accademica - che gli valsero l’incarico di consultore del Santo uffizio e teologo del Concilio Lateranense del 1725 e lo videro impegnato nell’approfondimento teologico di analisi e contrasto dell’Illuminismo e Giansenismo - e della sua alta capacità di calarsi come Vescovo di Bovino in maniera sorprendente nel governo pastorale di una piccola realtà periferica e contadina, dimostrando doti non comuni di buon pastore vigile sul suo gregge.

Tra gli aspetti inediti del pastore, singolare è la devozione particolare dimostrata verso il fondatore di tale chiesa locale, San Marco di Ecana, dopo il rinvenimento delle reliquie nel corso del restauro della cattedrale, la sua grande attenzione a tutti gli avvenimenti sociali, politici e di cronaca del tempo, l’impegno e la cura per la riforma dell’istruzione pubblica e del seminario, per la vita del clero, per la catechesi e l’istruzione religiosa del popolo, nonché l’attenzione posta nelle visite pastorali.

Sorprendente, per l’epoca storica, è l’aspetto che Don Erminio Gallo porta con chiarezza alla luce del suo impegno di carità e amore del prossimo: lottatore incrollabile per la difesa dei diritti dei bisognosi, lotta contro l’ingiusta tassazione, messa a disposizione di tutte le risorse personali e non per i poveri, attenzione verso l’assistenza ai carcerati e le loro famiglie, creazione di un ufficio di collocamento e avviamento al lavoro “ante litteram” per i giovani disoccupati del tempo, interventi eccezionali in tempo di carestia, lotta senza quartiere all’usura, assistenza agli ammalati nell’epidemia di peste del 1743, il rifiuto assoluto della prepotenza e dei soprusi e la lotta senza quartiere contro questi. Una figura da far impallidire seriamente tutti i paladini odierni, spesso chiacchieroni e poco concreti, dei diritti dei poveri e degli emarginati.

Emerge, nel complesso, una figura riassumibile in una sola parola: coerenza. Coerenza tra il Vangelo studiato, approfondito, meditato e annunciato con la parola e il Vangelo vissuto, testimoniato, incarnato, messo in azione quotidianamente. Dire e fare, pensare e agire, grazie alla fede eroica, all’azione dello Spirito Santo, e alla volontà di lasciarsi afferrare totalmente dal Cristo da parte di Antonio Lucci, innamorato vero del Signore. Un monito per tutti gli uomini di Chiesa, per tutti i suoi concittadini che non lo hanno mai voluto seriamente conoscere, per tutti i fedeli della Diocesi di Trivento, che grazie a Don Erminio Gallo in un libretto semplice ma non semplicistico, divulgativo ma scientificamente ineccepibile, è oggi portato all’attenzione di tutti nella figura di Mons. Antonio Lucci.Don Francesco Martino7 aprile 2015

Potrebbe interessarti

  • descrizione

    Comunicato Ceam circa lo svolgimento della catechesi e delle attività pastorali

    CEAM, 16 novembre 2020News
  • descrizione

    Riflessione sul MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO PER LA IV GIORNATA MONDIALE DEI POVERI Domenica XXXIII del Tempo Ordinario 15 novembre 2020 «Tendi la tua mano al povero»

    Trivento, 14 novembre 2020News
  • descrizione

    Avviso urgente del vescovo in merito all'andamento epidemiologico in Diocesi

    Trivento, 21 ottobre 2020News
  • descrizione

    Il messaggio del Vescovo Claudio per l'apertura del nuovo anno accademico 2020-2021

    Trivento, 12 settembre 2020Vescovo
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia